Amazon inizia a vendere anche in Cina su Tmall di Alibaba

Amazon inizia a vendere anche in Cina su Tmall di Alibaba

 

Scritto da , il 11/03/15

Seguici su

 
 

Il colosso dell'e-commerce Amazon ha, almeno per il momento, deciso che unirsi alla concorrenza a volte può essere meglio che cercare di batterla. Questa settimana, l'azienda ha aperto un proprio negozio digitale su Tmall di Alibaba, una piattaforma di mercato online in cui le aziende cinesi locali e internazionali possono vendere merce di marca ai consumatori in Cina, Hong Kong, Macao e Taiwan.

Il matrimonio tra Amazon e Alibaba è, a dir poco, strano. Alibaba è in Cina la più grande azienda di e-commerce. Dopo essere diventata pubblica negli Stati Uniti lo scorso anno, con una IPO da record che ha visto Alibaba raccogliere 25 miliardi di dollari, il colosso cinese ha messo gli occhi sul mercato dell'e-commerce negli Stati Uniti, dove le aziende come Amazon e eBay dominano. Nel frattempo, Amazon ha cercato per anni di essere una presenza importante nel mercato cinese, dove è stata in grado di catturare solo una piccola quota del mercato.

Tmall è un servizio chiave in Cina che contribuisce al successo di Alibaba nel mercato locale. Fornisce vetrine digitali per i principali rivenditori di tutto il mondo ed è un punto di riferimento dove poter acquistare prodotti per la classe media cinese in crescita. Diverse società americane di spicco, tra cui Apple e Nike, hanno vetrine su Tmall. Nella stragrande maggioranza dei casi, le singole aziende utilizzano Tmall per vendere i propri prodotti direttamente ai consumatori cinesi.

Aprendo un proprio negozio su Tmall, Amazon si trova nella posizione di dover pagare un'altra società di e-commerce per vendere i prodotti di cui a sua volta è rivenditore. La decisione presa da Amazon di agire in questo modo dimostra quanto sia difficile poter entrare nel mercato cinese e attrarre i consumatori. Le norme governative del Paese hanno storicamente salvaguardato le società con sede in Cina, il che rende difficile per le imprese straniere riuscire, anche solo tentando, di prendere piede senza almeno una partnership con una società cinese. Ad esempio, nel mercato dei videogiochi, l'unico modo per i produttori di console di vendere il loro hardware ai consumatori cinesi è quello di collaborare con un'azienda con sede in Cina.

Alibaba ha chiarito di voler espandere la propria presenza negli Stati Uniti - un mercato che è stato sempre più che accogliente nei confronti delle aziende straniere come quelle cinesi. Nel mese di gennaio, Alibaba ha annunciato un nuovo servizio - che utilizza la sua piattaforma digitale di pagamento Alipay - che è progettato per rendere molto più facile per le società statunitensi vendere direttamente ai consumatori cinesi.

Il servizio, chiamato Alipay ePass, consente ad un cliente con sede in Cina di effettuare un acquisto sul sito di un commerciante statunitense. Il cliente paga con Alipay, che gestisce la transazione e converte la valuta cinese al dollaro e paga il rivenditore statunitense. Il rivenditore poi spedisce il prodotto da un impianto di Alipay negli Stati Uniti, che gestisce la logistica, e fa ottenere il prodotto al cliente in Cina.

Anche se alcuni hanno avvertito che la mossa di Amazon di entrare in Tmall è parte di un più ampio sforzo da parte di Alibaba per diventare partner di Amazon, l'azienda cinese ha evitato paragoni con Amazon, dicendo che, a differenza della sua controparte statunitense, in realtà non vende propri prodotti. Invece, Alibaba offre un portale per le altre aziende di vendere i loro prodotti.

Il fondatore e CEO di Alibaba Jack Ma non sembra restio nel chiudere un accordo di Amazon. L'anno scorso ha detto che vuole espandere la sua attività negli Stati Uniti, ma vede Amazon come un potenziale partner, piuttosto che un concorrente. "Veniamo qui non per competere," Ma ha detto. "Stiamo arrivando qui per aiutare un sacco di piccole imprese. Non è una gara [con Amazon]."

Un portavoce di Alibaba, in una dichiarazione rilasciata Venerdì, ha detto che Amazon in Tmall è la Benvenuta. "Tmall è stato un leader impegnato nella fornitura di prodotti e servizi di qualità per i consumatori, e continuamente cerca partner che condividono la stessa passione", ha detto il portavoce. "Accogliamo con favore Amazon, e la loro presenza potrà ampliare ulteriormente la gamma di prodotti ed eleverà l'esperienza di acquisto per i consumatori cinesi di Tmall."


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Amazon inizia a vendere anche in Cina su Tmall di Alibaba


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?