Apple chiude anno fiscale 2016 in calo

Apple chiude anno fiscale 2016 in calo

Apple chiude l'anno fiscale 2016 con un fatturato solo nel quarto trimestre di 46,9 miliardi di dollari e un utile netto di 9 miliardi di dollari. L'anno fiscale 2016 chiude in calo per la prima volta dal 2001 rispetto l'anno precedente, con un fatturato di 217 miliardi di dollari, contro i 233,7 miliardi di dollari dell'anno 2015.

 

Scritto da , il 26/10/16

Seguici su

 
 

Apple ha annunciato i risultati finanziari del suo quarto trimestre dell’anno fiscale 2016, che si è chiuso il 24 settembre 2016.

L’azienda di Cupertino ha annunciato un fatturato trimestrale di 46,9 miliardi di dollari e un utile netto trimestrale di 9 miliardi di dollari, pari a 1,67 dollari per azione diluita. Per confronto rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, Apple aveva registrato un fatturato di 51,5 miliardi di dollari e un utile netto trimestrale di 11,1 miliardi di dollari, pari a 1,96 dollari per azione diluita. Apple ha quindi registrato un margine lordo del 38 percento, rispetto al 39,9 percento registrato un anno prima. Le vendite internazionali hanno rappresentato il 62 percento del fatturato del quarto trimestre dell’anno fiscale 2016 di Apple.

Apple va cosi' a chiudere il suo anno fiscale 2016 con un terzo trimestre di calo consecutivo dei guadagni, dovuto in gran parte al calo della vendita degli iPhone e degli iPad. Nel quarto ed ultimo trimestre fiscale del 2016, Apple ha venduto 45,51 milioni di iPhone e 9,27 milioni di iPad. Nonostante questo, il CEO di Apple Tim Cook dice che "Siamo entusiasti della reazione dei clienti ad iPhone 7, iPhone 7 Plus e Apple Watch Series 2".

Se guardiamo all'intero anno fiscale 2016 di Apple, dal 2001, ossia da quando la società di Cupertino con il lancio di iPad ha registrato una crescita importante dei ricavi, Apple ha registrato il primo calo annuale rispetto all’anno precedente. Complessivamente, Apple chiude infatti il suo anno fiscale 2016 con 217 miliardi di dollari, contro i 233,7 miliardi di dollari dell’anno fiscale 2015.

Nell'ultimo rapporto dei guadagni trimestrali della società, relativo al suo quarto trimestre fiscale 2016, Apple ha comunicato non solo di aver guadagnato 9 miliardi di dollari di reddito netto e ha superato le aspettative degli analisti in termini di numero di iPhone venduti, ma ha rivelato anche quanto vale il suo business dei servizi che include l'App Store, Apple Music, iCloud, iTunes, le commissioni per le transizioni via Apple Pay, tra gli altri.

Ebbene, Apple solo nei tre mesi compresi tra luglio-agosto-settembre 2016 ha guadagnato 6,325 miliardi di dollari complessivamente dal suo servizio di streaming musicale, dallo store di applicazioni, da iCloud e cosi' tutti gli altri servizi offerti. Si tratta di una cifra in aumento del 24% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. "Siamo entusiasti dell’incredibile momento del nostro business dei Servizi, in cui il fatturato è cresciuto del 24%, raggiungendo il record di sempre" ha commentato Tim Cook.

Per quanto riguarda le previsioni per il prossimo primo trimestre dell'anno fiscale 2017, Apple stima un fatturato compreso tra 76 miliardi di dollari e i 78 miliardi di dollari, un margine lordo fra il 38 percento e il 38,5 percento, spese operative fra i 6,9 miliardi di dollari e i 7 miliardi di dollari, altre entrate/spese di 400 milioni di dollari.

A seguire i risultati dei primi tre trimestri fiscali del 2016 di Apple.

Apple risultati Q3 2016 fiscale

Apple ha annunciato i risultati del suo terzo trimestre fiscale 2016, terminato il 25 giugno 2016, rivelando di aver venduto un totale di 40,4 milioni di iPhone, pari ad un calo del 15% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, diventando così il Q2 2016 il secondo trimestre consecutivo in cui le vendite di iPhone sono calate.

40,4 milioni di vendite è una cifra che, lievemente, è migliore rispetto alla previsione di 40,02 milioni di vendite di iPhone nel periodo in questione.

Considerando che le vendite di iPhone rappresentano due terzi delle vendite complessive di Apple, non sorprende che il fatturato totale della società è calato nel trimestre del 14,6%, con un utile che è anch'esso sceso, del 27%.

Apple ha registrato un calo delle vendite di iPhone nei paesi dove la saturazione del mercato di sta facendo sentire, tra cui in Cina, anche se c'è un paese in particolare dove Apple sta crescendo: India. Nel secondo più grande mercato degli smartphone a livello mondiale, appunto l'India, Apple punta molto: "l'India è oggi uno dei mercati dove siamo in più rapida crescita" ha detto Tim Cook commentando i risultati finanziari del periodo. "Nei primi tre quarti di questo anno fiscale, le vendite di iPhone in India sono aumentate del 51 per cento su base annuale. Non vediamo l'ora di aprire punti vendita in India prossimamente, dove sappiamo di avere un enorme potenziale."

Tim Cook ha avuto modo anche di parlare dell'iPhone SE introdotto all'inizio di quest'anno: “Abbiamo avuto un lancio di grande successo di iPhone SE e siamo entusiasti della reazione che clienti e sviluppatori hanno mostrato rispetto ai software e ai servizi che abbiamo mostrato in anteprima alla WWDC a giugno.”

Il business Servizi di Apple è cresciuto del 19 per cento in un anno, e il fatturato generato dall'App Store è stato il più alto di sempre.

Inoltre, la società di Cupertino che ha detto di aver restituito oltre 13 miliardi di dollari agli investitori attraverso il riacquisto di azioni e dividendi, e ora ha completato quasi 177 miliardi di dollari dei 250 miliardi di dollari previsti dal programma di ritorno del capitale.

Per quanto riguarda il prossimo trimestre, per quello che sarà il quarto trimestre dell'anno fiscale 2016 di Apple la società prevede un fatturato compreso fra i 45,5 miliardi di dollari e i 47,5 miliardi di dollari, un margine lordo fra il 37,5 percento e il 38 percento, spese operative fra i 6,05 miliardi di dollari e i 6,15 miliardi di dollari, altre entrate/(spese) di 350 milioni di dollari, e aliquota fiscale del 25,5 percento.

Leggi anche: Apple iPhone, calate vendite per la prima volta
Leggi anche:

Apple Q2 fiscale 2016

Apple ha annunciato i risultati finanziari del secondo trimestre dell’anno fiscale 2016, conclusosi il 26 marzo 2016. L’azienda ha annunciato un fatturato trimestrale di 50,6 miliardi di dollari e un utile netto trimestrale di 10,5 miliardi di dollari, pari a 1,90 dollari per azione diluita. Nello stesso trimestre dell’anno precedente l’azienda aveva registrato un fatturato di 58 miliardi di dollari e un utile netto trimestrale di 13,6 miliardi di dollari, pari a 2,33 dollari per azione diluita. Il margine lordo è stato del 39,4 percento, rispetto al 40,8 percento registrato nello stesso trimestre di un anno fa. Le vendite internazionali hanno rappresentato il 67 percento del fatturato trimestrale.

Apple ha inoltre annunciato che il suo Consiglio di Amministrazione ha autorizzato un aumento di 50 miliardi di dollari per il programma della Società di restituzione del capitale agli azionisti. Nell'ambito del programma così ampliato, Apple prevede di spendere un totale complessivo di 250 miliardi di dollari in cash entro la fine di marzo 2018.

Per quanto riguarda il prossimo trimestre, per quello che sarà il terzo trimestre dell'anno fiscale 2016 di Apple la società prevede un fatturato fra i 41 miliardi di dollari e i 43 miliardi di dollari, un margine lordo fra il 37,5 percento e il 38 percento, spese operative fra i 6 miliardi di dollari e i 6,1 miliardi di dollari, altre entrate/(spese) di 300 milioni di dollari, aliquota fiscale del 25,5 percento.

Apple Q1 fiscale 2016

Apple ha ampliato i suoi investimenti in nuovi prodotti nel corso degli ultimi anni, prima entrando nel mercato dei dispositivi indossabili con Apple Watch poi lanciando il servizio di musica in streaming Apple Music, e poi ancora ha cercato di migliorare i suoi telefoni e tablet. Ma Apple deve gran parte del suo fatturato alla vendita di iPhone, vendite che non sono andate per niente bene negli ultimi tre mesi del 2015. Apple ha infatti registrato il suo primo calo delle entrate in 13 anni e ha riportato la più lenta crescita di vendite di iPhone in assoluto. E' quanto hanno previsto prima gli analisti e poi confermato dalla società stessa nel suo rapporto dei guadagni relativo al trimestre ottobre-dicembre 2015.

Apple ha confermato che le vendite di iPhone sono aumentate solo dello 0.4 per cento nel trimestre di vacanze che ha chiuso il 2015, la crescita più lenta mai registrata dalla società di Cupertino dal 2007, ovvero anno in cui è stato introdotto il primo iPhone. Questo a fronte di una crescita di quasi il 46 per cento delle vendite di iPhone nel primo trimestre del 2015. La precedente crescita più lenta delle vendite di iPhone su base trimestrale è stata del 6,8 per cento nel secondo trimestre dell'anno fiscale 2013, secondo i dati di Statista.

Gli iPhone 6S e iPhone 6S Plus che hanno vantato vendite da record nel fine settimana del loro debutto nel mese di settembre si sono rivelati un flop, con una domanda che è drasticamente calata nelle settimane immediatamente successive il lancio.

Apple ha risposto alle richieste degli utenti dando una svolta al mercato dei suoi melafonini quando ha presentato i suoi piu' grandi iPhone 6 e iPhone 6 Plus nel 2014. Secondo gli analisti il mancato successo dei nuovi iPhone 6S è perché questi modelli hanno un minor numero di caratteristiche distintive rispetto ai loro predecessori piu' popolari.

"Apple è diventata una vittima del suo stesso successo" ha detto l'analista Daniel Ives di FBR Capital Markets come riportato da Reuters. "molti clienti stanno comprando un vecchio iPhone 6, più economico, o sono in attesa per l'iPhone 7,".

“Il nostro team ha portato a termine il più grande trimestre di sempre per Apple, grazie ai prodotti più innovativi al mondo e alle vendite record di sempre per quanto riguarda iPhone, Apple Watch e Apple TV,” ha affermato Tim Cook, CEO di Apple. “La crescita del nostro business dei Servizi ha accelerato nel corso del trimestre fino a produrre risultati record, e la nostra base installata recentemente ha raggiunto l’importante traguardo di un miliardo di dispositivi attivi."

La società ha detto che ha venduto 74,8 milioni di iPhone nel suo primo trimestre fiscale 2016, terminato il 26 dicembre 2015, il primo trimestre completo di vendite di iPhone 6S e 6S Plus. Gli analisti hanno stimato per Apple la vendita di 75,5 milioni di iPhone nel trimestre ottobre-dicembre 2015.

Apple ha registrato un utile di 3,28 dollari per azione, battendo la stima media degli analisti di 3,23 dollari per azione. I ricavi sono aumentati dell'1,7 per cento a 75,87 miliardi di dollari, mentre gli analisti si aspettavano un fatturato di 76,54 miliardi di dollari.

“Le nostre vendite record e i forti margini hanno guidato i record di sempre per quanto riguarda l’utile netto e l’utile per azione nonostante un contesto macroeconomico molto difficile", ha dichiarato Luca Maestri, CFO di Apple. “Abbiamo generato un flusso di cassa operativo di 27,5 miliardi di dollari durante il trimestre, e restituito oltre 9 miliardi di dollari agli azionisti attraverso il riacquisto di azioni e i dividendi. Abbiamo portato a termine 153 miliardi dei 200 miliardi previsti dal nostro programma di ritorno del capitale"

Gli analisti prevedono un calo delle vendite di iPhone per il trimestre gennaio-marzo 2016, il che segnerebbe la prima volta che le vendite di iPhone calano da quando il prodotto è stato lanciato nel 2007. Apple si dovrebbe aspettare di vendere 54,6 milioni di iPhone nel trimestre che chiuderà a marzo 2016, secondo FactSet. Secondo l'azienda di investimenti Piper Jaffrey, nel trimestre che si chiuderà nel mese di marzo 2016 Apple riuscirà a vendere 55 milioni di  iPhone. L'azienda ha venduto 61,2 milioni di iPhone tra gennaio e marzo 2015.

Apple prevede ricavi nel suo secondo trimestre fiscale (gennaio-marzo 2016) tra 50 miliardi e 53 miliardi di dollari, sotto la previsione media degli analisti di 55 miliardi di dollari. Nello stesso trimestre dello scorso anno Apple ha registrato un fatturato di 58 miliardi di dollari.

Apple ha fornito la seguente guidance per il secondo trimestre del proprio anno fiscale 2016: fatturato fra i 50 miliardi di dollari e i 53 miliardi di dollari, margine lordo fra il 39 percento e il 39,5 percento, spese operative fra i 6 miliardi di dollari e i 6,1 miliardi di dollari, altre entrate/(spese) di 325 milioni di dollari, aliquota fiscale del 25,5 percento.

Gli analisti ritengono che la società di Cupertino dovrà attendere fino al lancio di iPhone 7 per tornare a vedere crescere le vendite di iPhone. Lo smartphone è atteso entro la fine dell'anno, dovrebbe essere svelato all'inizio del mese di settembre. Tra le novità attese nel prossimo iPhone 7 ci sono: resistenza contro l'acqua, niente jack audio per ridurre al minimo lo spessore del telefono (quindi cuffie senza fili) e tecnologia Force Touch al posto del tasto Home. 

Leggi anche:

Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Apple chiude anno fiscale 2016 in calo


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?