WhatsApp Payments, lo scambio denaro tra utenti in test in India

WhatsApp Payments, lo scambio denaro tra utenti in test in India

WhatsApp ha iniziato a testare il supporto per i pagamenti peer-to-peer nella sua applicazione di messaggistica in India.

 

Scritto da , il 08/02/18

Seguici su

 
 

WhatsApp sta preparando il supporto per consentire agli utenti di scambiare denaro tramite la sua applicazione di messaggistica da quasi un anno ma ora sono iniziati i primi test beta in India, per cui la funzionalità dovrebbe presto diventare ufficiale, almeno in India.

Ad Agosto 2017, il primo riferimento a 'WhatsApp Payments' è stato individuato nella versione beta 2.17.295 dell'applicazione WhatsApp per Android mentre risulta che da Febbraio 2018 è iniziato in India il test della funzionalità basata su UPI (Unified Payments Interface), un sistema digitale di pagamento sostenuto dal governo, a partire dalle ultime versioni beta di WhatsApp per iOS e Android.

Come suggerisce il nome di questa funzionalità, 'WhatsApp Payments' consente agli utenti di WhatsApp di scambiarsi denaro tramite l'applicazione.

Ecco come funziona WhatsApp Payments: l'opzione è disponibile tramite apposito pulsante 'Pagamenti' che, quando premuto per la prima volta, avvia la configurazione iniziale che prevede l'accettazione dei termini e le condizioni di utilizzo del servizio da parte dell'utente e il collegamento del proprio account di Whatsapp con quello di UPI con la creazione di un pin di autenticazione per la conferma dei pagamenti (chi non ha già un account UPI deve crearne uno nuovo tramite l'app UPI o della propria banca). Da questa configurazione in poi, in una conversazione di chat in WhatsApp un contatto puo' inviare del denaro ad un altro contatto a patto che entrambi abbiano il servizio WhatsApp Payments attivo.

Rapporti precedenti da The Ken, una società con sede in India, hanno anticipato il piano di WhatsApp di introdurre lo scambio di denaro tra gli utenti prima in India, tramite l'utilizzo di UPI. Per commentare le indiscrezioni, TechCrunch aveva provato a chiedere informazioni direttamente a Facebook, la società che possiede Whatsapp, ricevendo in risposta: “L'India è un paese importante per WhatsApp, e stiamo provando a capire come potremmo contribuire di più alla visione di un'India piu' Digitale. Stiamo esplorando idee di come si potrebbe lavorare con aziende che condividono questa visione e continuiamo ad ascoltare attentamente i feedback dei nostri utenti“, ha detto WhatsApp. Il co-fondatore di WhatsApp Brian Acton ha poi confermato a TechCrunch che la società è stata in "fase iniziali" per quanto riguarda lo sviluppo di un servizio per lo scambio di denaro all'interno dell'applicazione.

Se e quando lo scambio di denaro tra utenti di Whatsapp verrà lanciato in altri paesi oltre l'india non si sa.

TrueCaller, per la quale l'India è un suo principale mercato, ha introdotto i pagamenti user-to-user alla fine del mese di Marzo 2017 attraverso un accordo con ICICI Bank, che utilizza sempre il sistema UPI. Facebook ha già aggiunto il supporto per i pagamenti all'interno della sua applicazione Messenger negli Stati Uniti. Apple in iOS 11 ha introdotto lo scambio di denario all'interno dell'app Messaggi: per esempio, in una conversazione di chat in Messaggi, un contatto puo' inviare del denaro all'altro contatto della chat tramite Apple Pay, ma puo'  anche richiedere di ricevere denaro.


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su WhatsApp Payments, lo scambio denaro tra utenti in test in India


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?