Primi Spotify Singles italiani disponibili sulla piattaforma

Primi Spotify Singles italiani disponibili sulla piattaforma

Coez è stato chiamato da Spotify a registrare esclusive versioni di una propria canzone e della cover di un brano che è stato importante per il suo percorso musicale.

 

Scritto da , il 09/01/20

 

Seguici su

 
 

Spotify ha lanciato gli Spotify Singles in Italia, scegliendo come artista per questo debutto Coez.

Gli Spotify Singles sono brani che vengono registrati in esclusiva per il servizio di streaming Spotify, solitamente presso gli iconici Abbey Road Studios di Londra, noti per aver ospitato artisti internazionali come i Beatles, che hanno dedicato al luogo l’album omonimo “Abbey Road”, e altri come i Queen, i Pink Floyd e The Police. Solitamente l'artista scelto viene chiamato a registrare in esclusiva per Spotify una propria canzone e la cover di un brano, scelto per aver rappresentato qualcosa di importante per il suo percorso musicale.

Leggi anche:
 
Coez mentre registra i primi Spotify Singles italiani
Coez mentre registra i primi Spotify Singles italiani
 

L’artista italiano Coez, solo per Spotify, ha registrato una versione inedita del suo brano 'La tua canzone' e la cover 'Via' di Claudio Baglioni. Questi sono dunque i primi due Spotify Singles italiani disponibili sulla piattaforma di streaming, e possono essere ascoltati da tutti gli utenti, sia Free che Premium.

Prima di oggi era già possibile ascoltare Spotify Singles in Italia, ma solo di artisti internazionali. Ad oggi sono stati coinvolti 185 artisti, che hanno registrato più di 600 singoli in esclusiva per Spotify, per un totale di 23 ore di musica senza sosta e quasi 3 miliardi di ascolti. Alcuni Spotify Singles sono stati registrati da Ed Sheeran, Taylor Swift e Sam Smith.

Tra i successi musicali di Coez dello scorso anno ricordiamo 'E’ sempre bello', che è stata la canzone dell'artista più ascoltata con oltre 65 milioni di streams, oltre ad aver conquistato 4 dischi di platino.

 
Coez mentre registra i primi Spotify Singles italiani
Coez mentre registra i primi Spotify Singles italiani
 
Leggi anche:

“Sono molto contento di essere il primo artista a portare in Italia Spotify Singles” ha commentato Coez, “Per l’occasione abbiamo scelto due brani molto diversi tra loro: il primo è la reinterpretazione di un pezzo tratto dal mio ultimo album, 'E’ sempre bello': 'La tua canzone'. Abbiamo cercato di dare una nuova chiave di lettura, più morbida rispetto alla versione rock del disco, solo con piano e voce. Mentre per il secondo pezzo, abbiamo scelto una cover degli anni 70 di Claudio Baglioni: 'Via'. Anche in questo caso abbiamo cercato un ritmo diverso rispetto al pezzo originale, precisamente drum and bass, fornendo anche in questo caso una nuova chiave interpretativa, nel rispetto dello spirito del pezzo.”

“Fornire un’esperienza personalizzata sulla piattaforma è una delle nostre priorità e Spotify Singles va proprio in questa direzione. Singles è un omaggio ai 45 giri, il cui il lato A è rappresentato dalla registrazione di una nuova versione di uno dei maggiori successi dell’artista e il lato B dalla cover di uno degli artisti o gruppo che ne hanno influenzato il percorso artistico. Per il debutto del programma in Italia abbiamo scelto Coez che, con la sua scrittura, ha dato il via in Italia a un genere crossover tra rap e pop con cui ha dominato le classifiche, collezionando oltre 20 dischi di platino e diventando un portavoce della sua generazione, oltre che un simbolo del nuovo cantautorato italiano” ha dichiarato Federica Tremolada, Managing Director, Southern and Eastern Europe di Spotify.

 
Di Coez i primi Spotify Singles italiani
Di Coez i primi Spotify Singles italiani
 

A rendere poco interessanti gli Spotify Singles c'è solo una cosa: la qualità audio.
Spotify dice di credere molto nella musica e investe molto su di essa. Avere dei brani cosi' esclusivi, registrati dal vivo, sarebbe bello anche poterli ascoltare in alta risoluzione. Spotify applica, invece, anche a questi brani la compressione musicale convertendo tutto in OGG Vorbis 320Kbps / AAC a 256kbps massimo (la qualità dipende dal device da cui si ascolta, dal piano attivo e da altri fattori). 


Condividi questa notizia

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria