Google vuole comprare i brevetti degli utenti

Google vuole comprare i brevetti degli utenti

L'azienda sta iniziando un 'mercato sperimentale' che permetterà ai proprietari di vendere singoli brevetti al gigante della ricerca. Google esaminerà attentamente le richieste pervenute dal 8 al 22 maggio per determinare se è interessata ad acquistare o meno la proprietà intellettuale. Google mira a combattere il Patent trolling e ingrandire il proprio portafoglio di brevetti.

 

Scritto da , il 29/04/15

Seguici su

 
 

Google ha annunciato un nuovo modo per i proprietari di brevetti che cercano di fare qualche soldo con le loro creazioni di fare proprio questo: vendere a Google le proprie proprietà intellettuali, ricavandone denaro.

A partire dal 8 maggio e fino al 22 maggio Google offrirà un programma "sperimentale" che permetterà ai proprietari di brevetti di vendere i loro singoli brevetti alla società di ricerca. Per la sua promozione di acquisto di brevetti, Google esaminerà le osservazioni di brevetto per determinare se è interessata ad acquistare la proprietà intellettuale. Se Google decide di acquisire un brevetto ed entra in un accordo con il titolare del brevetto, la società di ricerca effettuerà il pagamento entro la fine di agosto di quest'anno.

"Siamo sempre alla ricerca di modi che possono aiutare a migliorare il mercato dei brevetti e far funzionare il sistema dei brevetti nel modo migliore per tutti", il vice consigliere generale di Google per i brevetti, Allen Lo, ha scritto in un post sul blog in cui viene annunciato il programma. "Chiediamo a tutti di ricordare che questo programma è un esperimento, ma speriamo che risulti utile e fornisca ottimi risultati ai partecipanti."

Al centro del programma di Google ci sono i cosiddetti patent troll (in italiano troll dei brevetti), un termine usato per le aziende che acquistano brevetti per il solo scopo di concedere licenze ad altre aziende o utilizzandoli in cause contro aziende che presumono violare la loro proprietà intellettuale. Nel suo post, Lo ha detto che l'iniziativa di Google nasce specificamente lo scopo di fornire un'alternativa ai proprietari dei brevetti più piccoli che "a volte finiscono per lavorare con i patent troll".

Google e il Patent trolling

Google è stata una delle aziende più colpite dal 'Patent trolling' negli ultimi tempi.

Nel 2013, l'azienda ha firmato con una startup chiamata Unified Patents che rivendicava la proprietà intellettuale di alcuni troll dei brevetti. L'obiettivo di Unified Patents è quello di trovare aziende che hanno soldi e sono disposte ad investire in pacchetti di brevetti. L'organizzazione mira anche a chiedere allo US Patent and Trademark Office (USPTO) di rivedere i brevetti di proprietà di troll dei brevetti e che sono coinvolti in cause legali. La Unified Patents è ancora in attività, e all'inizio di questo mese ha tentato di invalidare i brevetti di proprietà di alcuni troll dei brevetti in diverse cause legali in corso.

Solo un anno dopo, Google ha firmato per un altro consorzio, chiamato LOT (License on Transfer) Network. Il gruppo - che includeva SAP, Canon, Dropbox e altre aziende tecnologiche - prende anche di mira i troll dei brevetti per limitare ciò che i brevetti di quelle entità sono in grado di far rivendicare e di ridurre i contenziosi.

E' difficile dire se gli sforzi per ridurre i contenziosi sui brevetti funzionano. Il 2014 è stato un anno quasi positivo per le controversie sui brevetti, secondo Unified Patents. La società ha registrato nel mese di gennaio che ci sono state circa 5.000 cause brevettuali negli Stati Uniti, e quasi due terzi hanno riguardato il settore tecnologico. Nel 2012, le cause di brevetto hanno superato quota 5.300, mentre ci sono state circa 6000 cause nel 2013. Un numero enorme di cause legali del 2014 - l'82 per cento - sono state depositate da troll di brevetti.

 
idee di brevetti
idee di brevetti
 
Leggi anche:

I vantaggi per Google

Per Google, i vantaggi del programma di promozione di acquisto di brevetti esistenti potrebbero essere duplici. La società potrebbe far suoi brevetti che potrebbero essere altrimenti acquistati dai troll dei brevetti (o concorrenti) e la società aggiunge altri brevetti al proprio portafoglio di brevetti. Google ha detto che potrebbe utilizzare i brevetti che acquisterà per gestirne le licenze e quindi ricavare denaro dalla loro vendita.

Per i proprietari dei brevetti, tuttavia, ci sono molti avvertimenti che devono essere considerati. Prima di tutto, Google dice che anche se un proprietario ha un pacchetto di brevetti, egli deve fare una sola richiesta di acquisto a Google per ciascun brevetto. Google dice anche che i proprietari dei brevetti devono assegnare un prezzo che vorrebbero in cambio della proprietà intellettuale. In seguito, Google esamina la richiesta e determina il suo valore del brevetto, con il proprietario che a questo punto non può aumentare il prezzo. Inoltre, i proprietari che fanno richiesta di acquisto di un brevetto a Google devono impegnarsi a non dare la proprietà intellettuale ad altre società una volta che hanno presentato la loro domanda.

Se Google finisce per acquisire un brevetto, la società possiederà poi tutti i diritti ad esso legati, ma fornirà una licenza al proprietario in modo che possa continuare a utilizzarlo.

Non a caso, Google esorta gli aspiranti venditori di consultare un avvocato prima di presentare un brevetto attraverso questo suddetto programma.

Avete un brevetto da vendere a Google? Clicca qui per maggiori info.


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Google vuole comprare i brevetti degli utenti


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?