Google, Pesci Aprile 2017: speaker Gnome, Pac-Man in Maps, bastone selfie per Chromebook e altri ancora

Google, Pesci Aprile 2017: speaker Gnome, Pac-Man in Maps, bastone selfie per Chromebook e altri ancora

Il meglio dei pesci d'Aprile 2017 di Google: in Google Maps il gioco Pac-Man al femminile, lo speaker intelligente Gnome per essere d'aiuto nel giardino di casa; accessori utili per Chromebook, l'app Ricerca utilizzabile da cani e gatti.

 

Scritto da , il 01/04/17

Seguici su

 
 

Anche nel 2017 non sono mancati gli scherzi di Google il primo giorno di Aprile: gli immancabili pesci d'Aprile dai team che si occupano dei prodotti e servizi di Google. Ne abbiamo raccolti alcuni, che andiamo a mostrarvi qui sotto. In Google Maps è tornato il gioco Pac-Man ma al femminile; per Google traduttore è stato inserito il supporto per la 32esima lingua; dopo lo speaker intelligente Google Home è arrivato Google Gnome, per essere d'aiuto nel giardino di casa; Google ha poi progettato diversi accessori per i Chromebook, ora che possono eseguire le applicazioni Android che si trovano nel Play Store.

 
Google Maps Pac-Man 2017
Google Maps Pac-Man 2017
 

Google Maps: Pac-Man

Il primo pesce d'Aprile è qualcosa di simile visto lo scorso anno: il gioco di Pac-Man in Google Maps, ma in chiave al femminile: la simpatica classica faccina gialla è truccata e ha un fiocco rosa sulla testa. Per giocare è sufficiente entrare in Google Maps via web, quindi ingrandire in una qualsiasi zona dove ci sono abbastanza strade e cliccare sul pulsante 'Inserisci gettone' nella parte in basso a sinistra della schermata - cosi' Google trasforma le strade reali nelle strade che Pac-Man puo' percorrere per sfuggire dai fantasmini.

Leggi anche:
 
Google Gnome
Google Gnome
 

Google Gnome, lo speaker smart per giardini

Google ha presentato Google Gnome (gnomo in italiano), uno speaker intelligente da giardino.

"Tutto è iniziato con i termostati intelligenti, frigorifero e lampadine" spiega Google, "poi lo speaker Google Home è arrivato e ha reso tutta la casa intelligente". Ma per quanto riguarda il cortile? A pensarci a rendere smart anche il giardino ci pensa lo gnomo Google: "l'ultima frontiera nelle case intelligenti", secondo Big G.

Google Gnome si puo' considerare come la versione vestita da gnomo dello speaker Google Home, e quindi funziona allo stesso modo, rispondendo ai comandi vocali a partire dal comando di attivazione “Ok Gnome” al posto di "OK Google".

Google spiega che Gnome è uno strumento vocale, un "vivavoce progettato per rendere facile la vita in cortile." C'è bisogno di sapere quale animale cigolava nei cespugli? Basta chiedere a Gnome che suono fa un opossum. E' anche possibile utilizzare "un laser laser ad alta intensità per tagliare le siepi in qualunque forma il vostro cuore desidera". L'unica cosa che può limitare Google Gnome è "la recinzione che circonda letteralmente il vostro giardino.".

"Google Gnome è come avere un piccolo metereologo a vostra completa disposizione. Chiedi a Gnome tutti i tipi di domande, del tipo: 'quale è la differenza tra nubi a Cirrocumulo e a Cumulonembo', 'perché l'umidità è peggiore', e, per sapere da che parte si spostano i capelli per il vento in estate per i servizi fotografici, 'da che parte soffia il vento?'" Non a caso Gnome è attrezzato per la protezione contro gli elementi. Google Gnome è stato anche progettato per "lavorare duro e giocare duro, con intrattenimento per gli esseri umani e i cani. E' possibile riprodurre la musica in giardino. Si può anche giocare con gli scoiattoli attraverso il suono 3D, che offre ore di divertimento al sole. Google Gnome viene programmato con la possibilità di prendere in carico i vostri strumenti da giardino. Vai a mani libere con l'idropulitrice, soffiatore, e altro ancora. Il pezzo forte è l'integrazione di un rasaerba che dispone di una modalità pilota automatico brevettata."

E' possibile conoscere Gnome all'indirizzo g.co/GoogleGnome.

Leggi anche:

Google Gnome - Introduzione


 
Haptic Helper - Aiuto aptico
Haptic Helper - Aiuto aptico
 

Haptic Helper - Aiuto aptico

Con la tecnologia VR corrente, si può indossare sulla testa un visore VR, e le immagini e l'audio fanno sentire come se si fosse trasportati in un posto nuovo. Incorporando altri sensi nell'esperienza VR attuale, Google spera tuttavia di far provare un'esperienza ancora piu' reale. Ed è qui che entra in gioco l'"aiutante aptico" di Google. Lo chiamate a casa vostra e un dipendente Google esperto nel rendere piu' reale la vostra esperienza VR arriva a casa vostra per, ad esempio, spruzzarvi dell'acqua in faccia mentre con il visore VR state facendo del serf virtuale, oppure vi cucina un piatto di pasta al sugo davanti a voi mentre voi state facendo lo stesso virtualmente solo per farvi annusare i profumi.

"Stiamo portando la realtà virtuale al livello successivo con l'Haptic Helper. Utilizzando un insieme modesto di strumenti di uso quotidiano, questi virtuosi aiutanti possono simulare più di 10.000 esperienze uniche, tutto dalla comodità della propria casa. L'odore delle rose. Ascoltare l'oceano. Sentire un cane soffice!", racconta Google, secondo cui ha recentemente iniziato ad effettuare test a domicilio e ora sta cercando tester altri fidati.

 
Heptapod B
Heptapod B
 

Heptapod B, la 32esima lingua di Google Traduttore

Google ha delle novità anche per il suo Traduttore: il supporto per la 32esima lingua, l'Heptapod B.

"Siamo onorati di aver collaborato con il dottor Louise Banks, stimato professore di linguistica, per sviluppare una macchina di traduzione fotografica istantanea per la nostra 32esima lingua, Heptapod B. A seguito della nostra esperienza con i logogrammi in cinese e giapponese, così come con i tanti caratteri che contengono cerchi in coreano, abbiamo fuso la nostra competenza nella modellazione convoluzionale low-memory-footprint con decifrazione di logogrammi circolari nella funzione Word Lens per l'app Google Translate".

Un logogramma (o logogràfo) è l'unità minima (grafema) di un sistema di scrittura logografico: ad ogni logogramma corrisponde un morfema o una parola. Una caratteristica dei logogrammi è che un singolo logogramma può essere usato in una pluralità di lingue per raffigurare parole con significati simili; ciò vale anche per gli alfabeti, ma il grado con cui possono condividere rappresentazioni identiche per parole con varie pronunce è molto più limitato. Esempi di logogrammi sono le cifre arabe (1, 2, 3, 0 ecc.) oppure i segni @, $, §, ai quali ogni lingua associa un suono diverso, pur mantenendo inalterato il contenuto semantico.

Secondo Google, la sfida con la comprensione di Heptapod B è la sua grafia non lineare. Fortunatamente, "il sistema di traduzione automatica neurale di Google impiega un sistema codifica/decodifica che rappresenta internamente frasi come vettori di elevate dimensioni. Questi vettori mappati rappresentano l'ortografia non lineare della lingua Heptapod e sono davvero il fattore tecnico che consente di tradurre Heptapod B."

Google è in grado di interpretare Heptapod B in inglese, cinese, danese, giapponese, l'urdu, russo, francese, spagnolo e arabo. Come con i nostri altri linguaggi, Word Lens funziona offline, che è molto utile se "capita di aver bisogno di leggere un logogramma circolare in una posizione isolata".

Il Dr. Louise Banks assicura che l'applicazione continuerà a lavorare per almeno 3.000 anni.

Per Google, comunicare attraverso le barriere del linguaggio (e vetro) puo' essere un'esperienza piuttosto alienante. Mentre l'apprendimento di un nuovo sistema di scrittura può essere "molto gratificante e anche un'esperienza che altera la mente, non tutti hanno il tempo per questo". Quindi, "se il destino del mondo è in bilico, o se si sta semplicemente cercando di capire se il vostro anello nei fondi del caffè significano qualcosa, vi auguriamo il meglio mentre integrate questo strumento nella storia della vostra vita".

Accessori per Chromebook

I Chromebook - i laptop con sistema operativo Google Chrome di Google - stanno confondendo il confine tra desktop e mobile dopo che Google ha reso disponibile le applicazioni Android sui Chromebook con accesso diretto al Google Play Store. Gli ultimi Chromebook di Google sono stati costruiti da zero con questa tecnologia. Ma prima di questa integrazione, non è stato possibile apprezzare l'intera gamma di esperienze che le applicazioni Android sono in grado di offrire.

Dopo approfondite ricerche degli utenti e analisi di mercato, Google si è detta "entusiasta" di introdurre una linea di accessori mobili per i Chromebook: "abbiamo adattato gli accessori preferiti per gli schermi più grandi e i fattori di forma dei convertibili" racconta Google. A seguire quindi un elenco dei prodotti pensati da Google come accessori per Chromebook. 
 
Chromebook Groupie Stick
Chromebook Groupie Stick
 

Chromebook Groupie Stick: Per gli appassionati di fotografia mobile, niente è meglio di un bastone selfie per lo scatto perfetto. Ma su un display piccolo del telefono a volte è difficile inquadrare tutto il gruppo di persone. Per usufruire di grandi e bei display ad alta risoluzione, così come grandi applicazioni di fotoritocco, Google ha accuratamente progettato il primo bastone selfie per le dimensioni di Chromebook.

 
Chromebook Cardboard
Chromebook Cardboard
 

Chromebook Cardboard: proprio come il visore di cartone realizzato per gli smartphone, il Google Cardboard, in collaborazione con il team di Cardboard, Google presenta un nuovo, coinvolgente accessorio-VR della famiglia Cardboard per i Chromebook. Proprio come la versione per gli smartphone, questa nuova versione di Cardboard è "la soluzione per le esperienze più grandi della vita ovunque tu vada". E mentre Google aveva fornito le istruzioni per farsi in casa un Cardboard per il proprio smartphone con un pezzo di cartone e un paio di lenti, per la versione per Chromebook promette: "restate sintonizzati per tutte le specifiche in modo da poter trasformare qualsiasi grande elettrodomestico o scatola della pizza nel proprio dispositivo Cardboard".

 
Chromebook Workout Armband
Chromebook Workout Armband
 
Bracciale di allenamento per Chromebook: Per l'atleta, Google introduce il bracciale di allenamento per Chromebook per tutte le esigenze di fitness. I pulsanti multimediali giganti rendono più semplice che mai saltare i brani senza una pausa, e le applicazioni musicali permettono di ascoltare la propria musica ovunque si vada. Se ci si trova fuori per una corsa o in palestra, questo bracciale permette di allenarsi con il proprio Chromebook sempre a portata di braccio. 

Google Ricerca per gli Animali Domestici

Un pesce d'Aprile è arrivato anche dal team di Google Ricerca: "in Google, miriamo a rendere i nostri prodotti disponibili per tutti, ovunque. Oggi, stiamo estendendo questo obiettivo ai nostri migliori, più fedeli amici (anche a quattro zampe)". Nella app mobile Google per iOS, è ora possibile utilizzare il 3D touch sull'icona dell'app per accedere alle impostazioni rapide e selezionare 'Mi sento Woof' o 'Mi sento Meow' cosi' da lasciare ai propri cani e gatti ottenere informazioni su argomenti di loro interesse. Con 'Mi sento Woof' e 'Mi sento Meow' sull'app Google, canini e felini allo stesso modo possono cercare informazioni sul mondo degli animali con una semplice pressione della loro zampa sul display del device.

Dopo che l'applicazione di Google per iOS è stata migliorata per l'utilizzo da parte di cani e gatti, Google spera di poter rivolgere la propria attenzione al resto del regno animale, anche per quelli che usano Android. Per questo arriverà “Google Play per gli animali domestici”, una nuova categoria di applicazioni e giochi Android per "mantenere il vostro animale domestico stimolato". Dopo tutto, chi non vorrebbe applicazioni, giochi, e strumenti di formazione progettati appositamente per il proprio cane, gatto o ... tartaruga?

Google Play for Pets



Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Google, Pesci Aprile 2017: speaker Gnome, Pac-Man in Maps, bastone selfie per Chromebook e altri ancora


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?