Google dedica Doodle a Audre Lorde, professoressa e sostenitrice dei diritti civili acclamata a livello internazionale

Google dedica Doodle a Audre Lorde, professoressa e sostenitrice dei diritti civili acclamata a livello internazionale

Nel Doodle illustrato dall'artista Monica Ahanonu si trovano estratti dal libro 'Sister Outsider' del 1984 di Audre Lorde, una raccolta dei suoi saggi e discorsi.

 

Scritto da il 18/02/21 | Pubblicato in Google doodle | | | Archivio 2021

Seguici su

 
 

In onore del Black History Month negli Stati Uniti, Google dedica il suo doodle di oggi, giovedì 18 febbraio 2021, all'87esimo anniversario della nascita di Audre Lorde: poetessa, femminista, professoressa e sostenitrice dei diritti civili acclamata a livello internazionale, considerata una figura chiave dei movimenti culturali Black e LGBTQ+ del XX secolo. Il doodle che Google propone è illustrato dall'artista di Los Angeles Monica Ahanonu.

Leggi anche:
Leggi anche:

Dietro le quinte del doodle di Google per gli 87 anni dalla nascita di Audre Lorde


"Per Lorde, la poesia era più di una semplice forma di espressione emotiva, era uno stile di vita, fornendo il veicolo per la sua difesa a vita contro la discriminazione e l'ingiustizia razziale" si legge nella descrizione del doodle, da dove raccogliamo anche la breve biografia qui sotto riportata (tradotta).

Audre Lorde è nata Audrey Geraldine Lorde in questo giorno nel 1934 ad Harlem, New York City. Introversa da bambina, ha imparato a leggere e scrivere dalla bibliotecaria di quartiere Augusta Baker, che l'ha influenzata profondamente. La poesia è diventata presto una passione per Lorde. Quando le veniva chiesto come stava rispondeva spesso con una poesia che aveva imparato. Aveva otto anni quando ha iniziato a scrivere i suoi primi versi. E' stata la prima studentessa nera alla Hunter High School, una scuola pubblica per ragazze dotate. La sua poesia d'amore del 1951 "Spring" è stata respinta dalla rivista letteraria della scuola, considerata 'inadatta', ma è stata stampata dalla rivista Seventeen quando aveva appena 15 anni, diventando la sua prima poesia pubblicata. Lorde ha conseguito il Master in Biblioteconomia presso la Columbia University nel 1961 e ha continuato a scrivere poesie come bibliotecaria e insegnante di inglese nelle scuole pubbliche di New York per tutti gli anni '60.

Lorde si descriveva come una "nera, lesbica, madre, guerriera, poeta" emergendo come una "voce essenziale nel confronto con l'omofobia e il razzismo" quando ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie "The First Cities" nel 1968. Nel corso degli anni, Lorde ha pubblicato poesie che esploravano l'identità e la sessualità, chiedendo giustizia sociale e razziale, non solo negli Stati Uniti, ma anche all'estero.

Tra il 1984 e il 1992, Lorde ha trascorso molto tempo nella Germania occidentale insegnando poesia alla Free University di Berlino e organizzando il movimento femminista locale. In Germania, Lorde ha tenuto numerose conferenze e seminari su temi a lei cari quali il femminismo, l'omofobia, il classismo e il razzismo riuscendo a mettere in contatto e a guidare le donne tedesche nere, incoraggiandole a definire e possedere le proprie identità. Proprio alla guida di Lorde viene associata l'influenza della nascita del movimento afro-tedesco degli anni '80.

Lorde ha ottenuto consensi per la sua prosa. Il suo libro "Sister Outsider" (1984) è una raccolta dei suoi saggi e discorsi, tra cui "Learning from the 60s" (i cui estratti sono presenti nel Doodle di oggi). Nel corso della sua carriera, Lorde ha esplorato "come le complessità dell'attivismo contemporaneo per la giustizia sociale si trovano alle intersezioni delle nostre differenze individuali, che includono genere, classe, razza e sessualità". Lorde ha notato che "l'identità personale non è modellata da un singolo fattore", piuttosto che è il risultato "della miriade di aspetti dell'esperienza esclusivi di ogni individuo". Lorde pensava che comprendere questo concetto fosse il modo migliore per fare progressi contro l'oppressione; comprendendo che "i pregiudizi che gli altri devono affrontare variano notevolmente da persona a persona, poiché sono unici per il viaggio della loro vita". Lorde è spesso considerata "una delle voci in prima linea dell'intersezionalità e del suo ruolo all'interno del movimento femminista globale".

Per le sue pubblicazioni, Audre Lorde è stata insignita dell'American Book Award nel 1989. In seguito è stata premiata come poetessa laureata dello Stato di New York attraverso la Walt Whitman Citation of Merit nel 1991.

Il team dietro al Doodle di Google ha riservato un ringraziamento speciale alla famiglia di Audre Lorde per la loro collaborazione sul progetto del Doodle. Ecco cosa Elizabeth Lorde-Rollins e Jonathan Rollins hanno detto sull'eredità della madre: "Nostra madre Audre Lorde è morta nel 1992 dopo una battaglia di quattordici anni contro il cancro al seno metastatico, ma avrebbe adorato il doodle di Google. Amava imparare cose nuove e sarebbe stata molto onorata di essere rappresentata. Come accennato in precedenza, ha conseguito il Master in Biblioteconomia perché era molto grande nel catalogare le informazioni in modo ordinato in modo che potessero essere localizzate, anche se secoli separavano la conoscenza dal suo cercatore. Come le sarebbe piaciuto sedersi davanti ad una tastiera e avere mondi di conoscenza aperti alla digitazione di poche parole o frasi chiave! Audre Lorde era una donna complicata e appassionata. Era un'educatrice appassionata quanto una combattente. Per lei era molto importante che il suo lavoro fosse utile e sarebbe stata enormemente gratificata di sapere che le sue parole sono ora usate come un grido di battaglia da persone che lottano per la giustizia in tutto il mondo. Amava anche la vita: amava ballare e andare a caccia di rocce. Amava le barrette di cioccolato. E amava le persone a lei vicine, ferocemente."

Il team dietro al Doodle realizzato per gli 87 anni dalla nascita di Audre Lorde è composto da:
Angelica McKinley (Art Director); Monica Ahanonu (Guest Artist); Lindsay Elgin, Colin Duffy (Program Managers); Anthony Irwin (UX); Jacob Howcroft, Collin Irwin (Engineering); Sierra Menzies, Perla Campos (Marketing & Partnerships); Madeline Belliveau (Business Affairs & Partnerships); Jessica Yu, Brian Kaas, Tom Tabano (Doodle Team Leads). Partners: Elizabeth Lorde-Rollins, Jonathan Rollins, The Audre Lorde Project. Altre informazioni: www.google.com/doodles/audre-lordes-87th-birthday 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria