Apple: Basta controlli sulle borse dei dipendenti

 Apple: Basta controlli sulle borse dei dipendenti

I dipendenti di due Apple Store hanno scritto una lettera aperta all'amministratore delegato Tim Cook, per evidenziare un comportamento ritenuto umiliante e imbarazzate e nel frattempo hanno avviato una class action.

 

Scritto da il 13/06/15 | Pubblicato in Apple | Apple Store | Tim Cook | Archivio 2015

 

Seguici su

 
 
I dipendenti di due Apple Store hanno scritto una lettera aperta all'amministratore delegato Tim Cook, per evidenziare un comportamento ritenuto umiliante e imbarazzate e nel frattempo hanno avviato una class action.
 
Tim Cook è apparso sorpreso da questo tipo di problema, tanto che secondo quanto riportato oltreoceano avrebbe inviato una email al proprio staff, chiedendo se tali informazioni fossero veritiere.
 
La questione riguarda i controlli che Apple esegue sugli effetti personali dei propri dipendenti che lavorano negli Apple Store; controlli che vengono eseguiti non solo al termine del turno di lavoro, ma anche ogni qualvolta un dipendente si allontani dal negozio, per esempio durante la pausa pranzo.
 
I dipendenti avrebbero avviato una class action per vedersi riconosciuto il tempo che la sicurezza di Apple impiega nelle perquisizioni, ritenendo che tale tempo vada almeno retribuito come fossero effettivamente impiegati al lavoro.
 
Una causa analoga aveva visto coinvolta Amazon, con sentenza a favore dei lavoratori. Inoltre, non è il primo caso riguardo Apple. Nel 2013, avevamo documentato una questione simile come riportato in questo articolo. 
 
La perquisizione personale è molto diffusa negli Stati Uniti e rappresenta un problema culturale anacronistico. 
 
Che rapporto di fiducia può esserci tra una società e il suo dipendente, se questo viene perquisito come fosse un ladro?
 
Ritengo che una società da oltre 50 miliardi di fatturato come Apple e un sistema di monitoraggio di magazzino ben organizzato, potrebbe tranquillamente fare a meno di questi controlli.
Non sarebbe difficile individuare eventuali furti da parte del personale. 
 
Senza contare che l'enorme margine di Apple potrebbe benissimo ammortizzare qualche ammanco mentre eventuali furti di device come iPhone o iPad, potrebbero essere bloccati da remoto tramite codice Imei, rendendo totalmente inutile il furto degli stessi.
 
Leggi anche:
Leggi anche:

Condividi questa notizia

Prezzi Apple sugli Shop Principali

Apple iPhone 11 Pro 14,7 cm (5.8') 512 GB Doppia SIM 4G Verde iOS 13 - Apple
Trovato su ManoMano.it
1760.14 €

Apple iPhone 11 Pro 14,7 cm (5.8') 512 GB Doppia SIM 4G Verde iOS 13 - Apple
Trovato su ManoMano.it
1760.14 €

Apple iPhone 12 Pro Max 512GB - Blu Pacifico
Trovato su Unieuro
1639.00 €

Apple Iphone 12 Pro Max 512gb Oro
Trovato su R-Store
1639.00 €

Apple iPhone 12 Pro Max 512GB - Blu Pacifico
Trovato su Unieuro
1639.00 €

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria