Kickstarter sbarca in Italia, il crowdfunding anche in Euro

Kickstarter sbarca in Italia, il crowdfunding anche in Euro

 

Scritto da , il 17/06/15

Seguici su

 
 

Kickstarter, la più grande piattaforma al mondo di crowdfunding per la realizzazione di progetti creativi, apre da oggi agli innovatori, artisti, creativi e musicisti d’Italia.

In realtà gli italiani già potevano accedere Kickstarter in un modo o nell'altro, ma da oggi i creativi italiani potranno utilizzare Kickstarter per raccogliere fondi in Euro, utilizzando la lingua italiana e il proprio conto corrente bancario in Italia.

Kickstarter è stato lanciato il 28 aprile 2009 da Perry Chen, Yancey Strickler e Charles Adler, diventando "una delle Migliori invenzioni del 2010 e Miglior sito web del 2011" per la rivista TIME. La piattaforma di crowdfunding, che ha sede nel Lower East Side di Manhattan, ha raccolto 10 milioni di dollari di finanziamenti da sostenitori come l'impresa newyorkese Union Square Ventures e angel investor come Jack Dorsey, Zach Klein e Caterina Fake.

Per chi non è a conoscenza di che cosa è il crowdfunding (dall'inglese crowd, folla e funding, finanziamento), si tratta di un tipo di finanziamento collettivo per progetti che vale la pena aiutare ad essere sviluppati ma i cui ideatori non hanno i soldi per portarne avanti lo sviluppo. È una pratica di microfinanziamento dal basso che mobilita persone e risorse. Su Kickstarter non è possibile "investire" su progetti per trarne un guadagno in denaro, ma solo per supportare finanziariamente un progetto in cambio di una ricompensa materiale o un'esperienza unica nel suo genere, come una lettera personale di ringraziamenti, magliette personalizzate, una cena con un autore, o essere trai primi a ricevere il prodotto che si è finanziato.

Tra i progetti che sono passati su Kickstarter c'è anche Pebble Time, una versione ridisegnata dell'originale smartwatch Pebble: l'obbiettivo preposto di finanziamento, pari a 500 mila dollari, è stato superato in meno di un'ora quando fu aperta la campagna di crowdfunding. Altri progetti finanziati grazie la piattaforma sono: Ampy per ricaricare smartphone e tablet con energia cinetica; Tasti di legno per Macbook e tastiere Apple; le carte da gioco Exploding Kittens; e Chip, il micro computer che costa 9 dollari.

Da oggi, sarà possibile anche in Italia creare progetti in una qualsiasi delle 15 categorie proposte da Kickstarter, e presentare le proprie idee ad un vasto pubblico composto da 8,8 milioni di finanziatori (detti “backers”).

Il cambio Euro / Dollaro su Kickstarter. I creativi italiani potranno gestire i propri progetti per intero utilizzando l’Euro come valuta e le coordinate del proprio conto corrente bancario in Italia per le procedure sulla piattaforma. Quando le idee proposte otterranno dei finanziamenti dall’estero, anche questi verranno raccolti in Euro. Nel contempo, un backer americano, vedrà ogni obiettivo legato ad un finanziamento di un progetto convertito in $USD (dollari americani), e di fianco l’equivalente in Euro.

Tutti i creativi potranno ora scegliere se descrivere in video i propri nuovi progetti in italiano, inglese o in entrambe le lingue, con la possibilità di aggiungere i sottotitoli in diverse lingue.

L’Italia è il tredicesimo paese in cui Kickstarter viene lanciato, dopo Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Germania, Francia, Spagna, Olanda, Danimarca, Norvegia, Svezia, Irlanda, Australia e Nuova Zelanda. Ed oggi Kickstarter sarà lanciato anche in Austria, Belgio, Lussemburgo e Svizzera. 


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Kickstarter sbarca in Italia, il crowdfunding anche in Euro


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?