Zuckerberg: su Facebook opinioni libere, no agli estremisti

Zuckerberg: su Facebook opinioni libere, no agli estremisti

Il numero uno di Facebook, Mark Zuckerberg, in un post sul social network esprime il suo dispiacere per quanto è accaduto in Francia, dove due terroristi, hanno aperto il fuoco e ucciso dodici persone facendo irruzione nella sede del giornale satirico Charlie Hebdo. 'Dobbiamo respingere un gruppo di estremisti che cercano di mettere a tacere le voci e le opinioni di tutti gli altri in tutto il mondo'.

 

Scritto da , il 11/01/15

Seguici su

 
 

Il numero uno di Facebook, Mark Zuckerberg, in un post sul social network che al momento ha raccolto oltre 201mila like 17mila condivisioni, esprime il suo dispiacere per quanto è accaduto in Francia, dove due terroristi, "nel nome di Allah", hanno aperto il fuoco e ucciso dodici persone facendo irruzione lo scorso 8 gennaio nella sede del giornale satirico Charlie Hebdo, a qualche centinaio di metri dalla Bastiglia.

"Alcuni anni fa, un estremista in Pakistan ha combattuto per farmi condannare a morte perché Facebook ha rifiutato di vietare i contenuti su Maometto che lo hanno offeso" scrive Zuckerberg.

"Ci alzammo per questo, perché diverse voci - anche se sono a volte offensive - possono rendere il mondo un posto migliore e più interessante" prosegue il co-fondatore del social network. "Facebook è sempre stato un luogo dove le persone di tutto il mondo condividono le loro opinioni e idee. Seguiamo le leggi in ogni paese, ma non abbiamo mai lasciato che un paese o un gruppo di persone possano decidere quello che le persone possono condividere in tutto il mondo".

E il posto prosegue così: "Eppure, mentre rifletto sull'attacco di ieri e sulla mia esperienza con l'estremismo, questo è quello che tutti noi abbiamo bisogno di respingere - un gruppo di estremisti che cercano di mettere a tacere le voci e le opinioni di tutti gli altri in tutto il mondo".

Zuckerberg non vuole limitazioni alla libertà di parola e di condivisione delle idee su Facebook: "Non lascerò che accada su Facebook. Io sono impegnato a costruire un servizio in cui è possibile parlare liberamente senza timore di violenze".

Infine, Zuckerberg dice "I miei pensieri vanno alle vittime, alle loro famiglie, ai cittadini francesi e alle persone di tutto il mondo che scelgono di condividere le loro opinioni e idee, anche quando questo richiede coraggio" chiudendo con l'hashtag #JeSuisCharlie.

58 per cento degli americani sono su Facebook

I dati sulla popolazione web americana, evidenziano una elevatissima penetrazione della rete tra la popolazione adulta e soprattutto di Facebook.

Il 58% degli americani dispone di un account Facebook, quota che sale di molto, 81%, se consideriamo solo gli adulti che utlizzano la rete.

Un numero davvero elevato che blinda in maniera assoluta i numeri di Facebook in terra americana

Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Zuckerberg: su Facebook opinioni libere, no agli estremisti


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?