USA, per aver usato Facebook centinaia detenuti puniti

USA, per aver usato Facebook centinaia detenuti puniti

Il Department of Corrections del South Carolina ha punito quasi 400 detenuti per aver utilizzato i social media nel corso degli ultimi tre anni, e in alcuni dei casi la punizione è stato un lungo isolamento. L'uso dei social media è una grave violazione per i detenuti in South Carolina. La politica di limitare la comunicazione con il mondo esterno serve a non permettere ai detenuti di condurre attività criminali dall'interno.

 

Scritto da , il 14/02/15

Seguici su

 
 

Il Department of Corrections del South Carolina ha punito quasi 400 detenuti per aver utilizzato i social media nel corso degli ultimi tre anni, e in alcuni dei casi la punizione è stato un lungo isolamento. Le statistiche, raccolte dalla Electronic Frontier Foundation e rilasciate Giovedi, evidenziano la rigorosa politica applicata quando si trattano casi legati ai social media nel sistema carcerario dello Stato e il coinvolgimento di Facebook con la rimozione dei profili dei detenuti.

Già nel 2012, il Dipartimento del Sud Carolina of Corrections (SCDC) ha fatto della "creazione e/o gestione di un sito di social networking" un reato di Livello 1, una categoria riservata alle violazioni più violente delle politiche di condotta del carcere. Livello 1 è una delle accuse di reato più comuni proposte contro i detenuti, molti dei quali, come la maggior parte degli utenti di social network, vogliono rimanere in contatto con gli amici e la famiglia nel mondo esterno e tenersi aggiornati sugli eventi che accadono. Alcuni detenuti chiedono alle loro famiglie di accedere ai propri profili on-line per loro, mentre molti hanno accesso Internet lo stessi attraverso un telefono cellulare a cui hanno accesso in contrabbando.

Attraverso una richiesta ai sensi del Freedom South Carolina of Information Act, EFF, un gruppo sostenitore dei diritti civili su Internet, a a rilevato che, nel corso degli ultimi tre anni, i funzionari della prigione hanno registrato più di 400 cento casi disciplinari per "social networking" - quasi sempre per l'utilizzo di Facebook. Il reato ha avuto pesanti sanzioni, come anni di isolamento e la privazione di quasi tutti i privilegi, tra cui la visita e l'accesso ad un telefono.

EFF, apprese le informazioni, tramite un portavoce ha dichiarato: "Facebook non dovrebbe agire come censore del governo", ha dichiarato Dave Maas, coordinatore delle relazioni con i media e ricercatore investigativo del gruppo EFF. "C'è un sacco di motivi legittimi per cui un prigioniero dovrebbe desiderare di contattare il mondo esterno, come portare all'attenzione le condizioni o informazioni sul suo stato in prigione, o comunicare con la propria famiglia."

Facebook non ha risposto alle dichiarazioni di EFF.

Il sistema carcerario del Sud Carolina ha chiesto a Facebook di rimuovere centinaia di account dei detenuti. Il più grande social network del mondo è stato obbligato, secondo l'EFF, in rispetto di un accordo che c'è tra le parti: i sistemi carcerari possono chiedere a Facebook di rimuovere i profili dei detenuti previa richiesta ufficiale "Inmate Account Takedown Request". EFF chiede, tuttavia, che ci sia una maggiore trasparenza quando si tratta di queste richieste.

L'uso dei social media è una grave violazione per i detenuti in South Carolina. La politica di limitare al massimo la comunicazione con il mondo esterno è volta a non permettere ai detenuti di condurre attività criminali dall'interno.

Il sistema carcerario pone l'uso dei social media allo stesso livello di crimini come l'omicidio, lo stupro, disordini, fuga e presa di ostaggi, secondo Maas. In 16 casi, i detenuti hanno affrontato più di un decennio in detenzione disciplinare, una punizione che comprende isolamento e la perdita del privilegio di ricevere visite. Un detenuto ha ricevuto più di 37 anni in isolamento, secondo il FEP.


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su USA, per aver usato Facebook centinaia detenuti puniti


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?