Facebook delude gli sviluppatori: no API per Whatsapp

Facebook delude gli sviluppatori: no API per Whatsapp

Gli sviluppatori di app sono rimasti delusi da una risposta di Facebook alla conferenza F8: il Social Network non ha al momento intenzione di offrire loro un modo per collegare i loro programmi e servizi con i 700 milioni di utenti di WhatsApp.

 

Scritto da , il 26/03/15

Seguici su

 
 

Che cosa può portare pagare 19 miliardi di dollari per comprare una società? A volte, un po' di guai, perchè non si rispettano le aspettative dei partner. Questo è ciò che Facebook ha scoperto nel corso della sua conferenza degli sviluppatori F8 a San Francisco Mercoledì, quando i dirigenti hanno cercato di spiegare ad una folla di sviluppatori di applicazioni desiderosa di sapere se potranno mai avere accessi alle API di WhatsApp per collegare i loro software di terze parti col servizio di messaggistica istantanea.

In breve, gli sviluppatori sono rimasti delusi dalla risposta di Facebook: il Social Network non ha - al momento - intenzione di offrire loro un modo per collegare i loro programmi e servizi con i 700 milioni di utenti di WhatsApp.

Nel corso di una tavola rotonda con i dirigenti di Facebook, ha riferito cnet.com, gli sviluppatori hanno chiesto al co-fondatore di WhatsApp Brian Acton se il servizio da lui progettato potrà offrire strumenti di interconnessione con i loro programmi. Molti servizi web, tra cui Google, offrono questo tipo di strumenti, rendendo più facile per le applicazioni sviluppate da terzi di caricare e scaricare foto e avere accesso ad alcuni dati degli utenti dei servizi che desiderano collegare.

Quando uno sviluppatore ha chiesto se un giorno WhatsApp creerà questi strumenti per aiutare gli sviluppatori di app a connettersi con l'ampia base di utenti che gode il servizio di messaggistica, i partecipanti si sono messi ad applaudire in segno di approvazione. "E' una cosa molto difficile per me da dire qui," ha cominciato a dire Acton. "No, non abbiamo in programma questo in questo momento."

La ragione, ha detto Acton, è che WhatsApp non vuole inondare gli utenti con messaggi che non vogliono, un rischio che si potrebbe correre consentendo agli sviluppatori esterni di connettersi con il servizio.

"Sono empatico alla vostra causa, e ricevo email ogni giorno da persone che vogliono collegare i loro servizi con WhatsApp come spina dorsale di ciò che offrono, ma stiamo bilanciando il servizio con l'esperienza dell'utente," ha detto. "L'esperienza dell'utente è qualcosa che dobbiamo tenere sacra..."

Alcuni sviluppatori non sono stati soddisfatti della risposta ricevuta. Anche se il discorso non era ancora finito, molti dei partecipanti hanno cominciato a lasciare la stanza dopo la risposta, ha riferito cnet.com.

Quanto accaduto evidenzia il rapporto a volte polemico tra imprese che lavorano su Internet e sviluppatori. La cultura della Silicon Valley è costruita in qualche modo sulla base della facile condivisione delle informazioni tra azienda e azienda. Le persone che possiedono l'iPhone di Apple, per esempio, possono connettersi ai servizi di Google, accedere alle loro e-mail, calendario e contatti memorizzati nei sistemi del gigante di ricerca, se lo desiderano. La grande rete sociale di Facebook viene spesso utilizzata da altre società come un modo per far effettuare il login agli utenti ai loro servizi. Alcuni giganti tecnologici, tuttavia, sono più protettivi nel consentire l'accesso ai loro sistemi. In molti casi si preferisce non offrire l'accesso ad altri sviluppatori di software, spesso per paura dei possibili effetti negativi che i programmi di terzi potrebbero avere sui loro servizi.

Mary Meeker, analista di Internet e socio senior di Kleiner Perkins Caufield & Byers, ha difeso Acton: "So che c'è frustrazione", ha detto. "Ma se si dispone di una società che è il servizio di messaggistica più veloce e più elegante del pianeta e diventata parte di una società come Facebook che non costringerà a cambiare le proprie scelte aziendali, è una buona cosa".


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Facebook delude gli sviluppatori: no API per Whatsapp


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?