WikiLeaks ripubblica i dati rubati a Sony Pictures

WikiLeaks ripubblica i dati rubati a Sony Pictures

 

Scritto da , il 18/04/15

Seguici su

 
 

WikiLeaks ha ripubblicato i dati rubati lo scorso anno a Sony Pictures Entertainment in seguito ad un attacco da parte di hacker, rendendo tutti i documenti e le e-mail disponibili in un formato "completamente ricercabile".

Anche se gli hacker hanno pubblicato i dati grezzi, alla rinfusa lo scorso autunno, WikiLeaks - il sito meglio conosciuto per la pubblicazione di documenti governativi classificati e militari - ha annunciato Giovedi che ha pubblicato i dati in un database consultabile chiamato "The Sony Archives". Il rilascio dello storico dei dati, che comprende 30.287 documenti, 173.132 e-mail e altre informazioni sensibili, si è rivelata una falla alla sicurezza dirompente e imbarazzante per lo studio, una falla che il colosso giapponese dell'elettronica e dell'intrattenimento sta ancora cercando di contenere.

"Questo archivio mostra il funzionamento interno di una influente multinazionale," ha detto l'Editor in chief di WikiLeaks Julian Assange in una dichiarazione sul sito web. "E' al centro di un conflitto geopolitico. Appartiene di dominio pubblico. WikiLeaks farà in modo che [i dati rubati] rimarranno lì."

I rappresentanti di Sony hanno condannato WikiLeaks: "ripubblicare i dati rubati a seguito di un attacco informatico è un atto criminale dannoso."

"Gli aggressori hanno usato la diffusione delle informazioni rubate per cercare di danneggiare SPE e i suoi dipendenti, e ora WikiLeaks purtroppo li assiste in questo sforzo," Sony Pictures ha detto in un comunicato. "Non siamo d'accordo con l'affermazione di WikiLeaks 'che questo materiale appartiene al dominio pubblico' e continueremo a lottare per la sicurezza e la privacy della nostra azienda e dei suoi oltre 6.000 dipendenti."

 
Sony Pictures
Sony Pictures
 

La violazione della sicurezza, che Sony ha scoperto a fine novembre, si è rivelata più grave e pervasiva di quanto inizialmente creduto, avendo costretto Sony a chiudere la propria rete di computer per diverse settimane e ritardando l'emissione dei suoi risultati trimestrali. Un gruppo che si autodefinisce #GOP, alias "Guardiani della Pace", ha rivendicato la responsabilità e ha detto di aver ottenuto le informazioni interne. Gli hacker sono entrati in possesso delle informazioni personali - compresi i numeri di previdenza sociale - di oltre 47.000 celebrità, liberi professionisti e dipendenti Sony attuali ed ex. Hanno anche pubblicato sui siti di file sharing film allora inediti, così come email imbarazzanti scambiate tra i dirigenti Sony Pictures, oltre a diversi altri documenti interni.

Gli hacker, che l'FBI ha detto hanno generato l'attacco dalla Corea del Nord, stavano apparentemente cercando di impedire l'uscita del film satirico "The Interview", che vede protagonisti gli attori Seth Rogen e James Franco come due giornalisti televisivi disegnati in un complotto della CIA per assassinare il leader nordcoreano Kim Jong-UN.

Il consigliere generale di Sony Pictures David Boies ha messo in guardia diverse testate giornalistiche contro qualsiasi uso dei dati trapelati. Boies ha inoltre inviato una lettera a Twitter avvertendo che se "le informazioni rubate continuano ad essere diffuse via Twitter in qualsiasi modo," Sony "avrà altra scelta che tenere Twitter responsabile per qualsiasi danno o perdita derivante da tale uso o diffusione via Twitter".

Nonostante l'attenzione mediatica attorno al caso, Sony ha detto a Gennaio che non si aspettava che la violazione della sicurezza "avrà un impatto sostanziale sui guadagni". 


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su WikiLeaks ripubblica i dati rubati a Sony Pictures


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?