Hamburger sintetico non convince, sapore di seppia

 

Il ricercatore Mark Post ha fatto crescere con le staminali un tessuto di muscolo bovino pronto per essere mangiato

Scritto da Simone Ziggiotto il 06/08/13 | Pubblicata in Altro | Archivio 2013

 

Il ricercatore Mark Post ha fatto crescere con le staminali un tessuto di muscolo bovino pronto per essere mangiato. In diretta televisiva a Londra l'hamburger è stato cotto e mangiato: non ha convinto i critici, sa di seppia.

Il primo hamburger sintetico è stato assaggiato ieri per la prima volta nella storia della scienza. La cucina è stata aperta in uno studio televisivo, dove due critici hanno assaggiato un pezzo di carne realizzato in vitro grazie alle cellule staminali di un bovino.

Secondo Mark Post, il ricercatore dell'università olandese di Maastricht che è riuscito a far crescere un tessuto di muscolo bovino pronto per essere mangiato, si tratta di una tecnica che fra qualche anno sarà ampiamente diffusa, in quanto sarà difficile soddisfare la forte domanda di carne che si prevede.

hamburger sintetico assaggio

"Penso che in molti semplicemente non si rendano conto che la produzione di carne ha raggiunto il suo massimo" - ha dichiarato Post. "Non ce n'è a sufficienza per la crescente domanda nei prossimi quarant'anni, quindi abbiamo bisogno di trovare un'alternativa. Questo può essere un modo etico ed ecologico per produrre carne". 

Tornando all'assaggio avvenuto in diretta televisiva, lo chef Richard McGowan ha cotto l'hamburger sintetico e lo ha fatto mangiare a due critici gastronomici, secondo cui il gusto ancora non convince e la carne sa di seppia.

L'hamburger è stato realizzato in sei settimane di lavoro nei laboratori dell'università di Maastricht. In tre mesi, sono state sviluppate 20mila fibre di muscolo di manzo in un gel di cottura, assemblate per formare l'hamburger, biologicamente identiche all'originale.

Quasi 220 mila sterline, equivalenti a circa 250 mila euro, è stato il costo per aver portato avanti il progetto.

Secondo la Fao il consumo di carne nel mondo passerà dai 228 milioni di tonnellate del 2002 ai 465 milioni nel 2050. Secondo uno studio del 2011 delle università di Oxford e Amsterdam, far crescere gli hamburger in provetta invece che in pascoli consente un risparmio di energia fra il 35 per cento e il 60 per cento. Se oggi una bistecca contiene il 15 per cento delle sostanze nutrienti usate per produrla, la carne in provetta promette fino al 50 per cento di sostanze nutrienti.

L'ultima parola la avremo noi consumatori: siete disposti a mettere da parte un bel pezzo di carne, magari cotta al sangue, per qualcosa di sintetico e artificiale?

Hamburger sintetico - video diretta televisiva assaggio


 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?