Super Telescopio alle Hawaii, c'e' il via libera, lavori cominciano nel 2014

 

Sui giornali si sente spesso parlare di nuove scoperte astronomiche riguardanti stelle, pianeti su altri sistemi solari compresi nella fascia di abitabilità che potrebbero ospitare forme di vita e altro ancora

Scritto da Maurizio Giaretta il 16/04/13 | Pubblicata in Ambiente | Archivio 2013

 

Sui giornali si sente spesso parlare di nuove scoperte astronomiche riguardanti stelle, pianeti su altri sistemi solari compresi nella fascia di abitabilità che potrebbero ospitare forme di vita e altro ancora... Per scoprire le meraviglie della galassia, tuttavia, c'è sempre bisogno di nuove strumentazioni, sempre più potenti.

Nelle Hawaii finalmente sta per cominciare la costruzione di un imponente telescopio. Stiamo parlando di Thirty Meter, una struttura la cui messa in opera comincerà tra un anno, nell'Aprile 2014, dopo oltre un decennio di discussioni.

La tempistica così dilatata è stata causata da problemi che si sono succeduti negli ultimi anni. Secondo le autorità locali, infatti, la costruzione potrebbe generare ripercussioni negative sull'ambiente. In ogni caso, l'ente statale preposto a giudicare la legittimità dell'opera (il Board of Land and Natural Resources) ha dato il via libera alla costruzione, dichiarando che risultano soddisfatti tutti gli otto criteri necessari.

Il Thirty Meter Telescope sarà uno dei telescopi più potenti del mondo. Se lo si mette a confronto con altri suoi pari, ha una copertura del cielo nove volte più ampia e inoltre riesce a fornire immagini tre volte più dettagliate. Ha una precisione sufficiente a osservare la luce di 13 miliardi di anni fa e di mettere bene a fuoco i pianeti al di fuori del nostro sistema solare.

"E' per lo stato intero. E' un progetto miliardario. Influenzerà gli affari commerciali, consentirà di avere un maggior indotto di denaro, di ricercatori e di astronomi" ha affermato Jerry Chang, il direttore della struttura universitaria UH Hilo che in precedenza aveva ricoperto anche incarichi pubblici.

Il costo complessivo per l'opera, che sarà costruita in cima a Mauna Kea (sull'isola più grande), è di 1,3 miliardi di dollari. Il progetto del telescopio è promosso da diversi enti, tra i quali troviamo, oltre all'università locale, l'associazione delle università canadesi per la ricerca astronomica, il California Institute of Technology, l'università della California, il governo degli USA, la Cina, l'India, il Giappone e il Canada.

Darà posto di lavoro a tempo pieno a 140 persone. Speriamo che venga costruito salvaguardando e rispettando veramente l'ambiente circostante.


Il rendering proposti nella galleria fotografica sono stati realizzati dal TMT Observatory Corp.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?