Hacker: il cyber-terrorismo arriva nello spazio

 

Il cyber-terrorismo tra i temi che quest'anno saranno affrontati all'International Space Conference in programma a Roma dall'8 al 10 maggio

Scritto da Simone Ziggiotto il 16/04/13 | Pubblicata in Ambiente | Archivio 2013

 

Il cyber-terrorismo tra i temi che quest'anno saranno affrontati all'International Space Conference in programma a Roma dall'8 al 10 maggio. Gli hacker ambiscono alla violazione delle reti dei satelliti per le telecomunicazioni e alle infrastrutture spaziali militari.

Il cyber-terrorismo non è solo sulla Terra in senso stretto, ma anche nello spazio, arrivando addirittura in orbita. Il prossimo grande passo degli hacker più bravi sembrano essere proprio le infrastrutture spaziali, come i satelliti per le telecomunicazioni o per le applicazioni civili e militari. Sistemi tanto complessi dal punto di vista tecnologico quanto oggetti di violazione che rimane il 'sogno' di molti hacker.

Attacchi informatici

La nuova emergenza dei cyber-criminali sarà oggetto di discussione in occasione della diciassettesima International Space Conference, in programma a Roma presso l’Hotel Parco dei Principi dall’8 al 10 maggio prossimi. Il tema di quest'anno: "The impact of Space Weather and Space Exploitation on modern society - Hazards’ forecasting, prevention, mitigation and insurance at international level", che tradotto diventa "L'impatto di meteorologia spaziale e lo sfruttamento dello spazio sulla società moderna - Pericoli di previsione, prevenzione, mitigazione e sicurezza a livello internazionale".

Tra le varie sessioni che verranno aperte alla conferenza, una in particolare sarà dedicata proprio ai pericoli del cyber-terrorismo, e sono previsti interventi di esperti dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) e di altre aziende specializzate che tratteranno il tema dal punto di vista di vari ambitii, politici, tecnologici e assicurativi.

L'International Space Conference parte l'8 maggio con la cerimonia d’apertura, a cui seguiranno subito due sessioni. La prima dedicata ai “rischi di origine naturale”, come i pericoli dovuti all’esposizione alle tempeste spaziali di origine solare degli organismi viventi; la seconda sessione riguarderà invece i “rischi di origine umana”, come il cyber-terrorismo, i detriti spaziali, capsule abitate e stazioni spaziali attualmente in orbita attorno alla Terra.

Alla conferenza promossa dalla Pagnanelli Risk Solutions Ltd parteciperanno più di 300 esperti provenienti da tutto il mondo e dalle più importanti Agenzie spaziali internazionali (tra cui Nasa, Esa, Asi e Arianespace), oltre a rappresentanti del Parlamento e della Commissione Europea.

Infine, venerdì 10 maggio, dalle ore 15, è in programma una tavola rotonda intitolata "Oltre i confini della Terra. Vivere e viaggiare nel Sistema Solare" nella quale verranno affrontate le principali tematiche dell’International Space Conference (facendo un focus speciale sugli effetti dell’attività solare sulla Terra) ed anche sulle future missioni umane nello spazio, compresi i progetti per il turismo spaziale. Questa sessione sarà aperta al pubblico, che potrà anche rivolgere domande e richieste di approfondimento agli esperti presenti.

Altre informazioni sono disponibili sul sito ufficiale prsforspace.com.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?