Kepler, missione quasi finita per la sonda spaziale danneggiata

 

Kepler non può essere riparato

Scritto da Simone Ziggiotto il 19/08/13 | Pubblicata in Ambiente | Archivio 2013

 

Kepler non può essere riparato. Il veicolo spaziale, chiamato in onore dell'astronomo tedesco del diciassettesimo secolo Johannes Kepler, è stato lanciato con successo il 7 marzo 2009.

La sonda spaziale della missione Kepler della NASA, parte del programma Discovery, lanciata con successo il 7 marzo 2009 ha un guasto che gli ingegneri non possono risolvere. Per questo problema, la National Aeronautics and Space Administration ha annunciato in via ufficiale che la missione non può continuare e non sarà portata a termine per gli scopi per cui era stata avviata.

Kepler

Lo scopo della missione era la ricerca e conferma di pianeti simili alla Terra in orbita attorno a stelle diverse dal Sole, tramite l'utlizzo del telescopio spaziale Kepler.

Secondo gli esperti, sebbene Kepler non potrà essere usato per gli scopi previsti potrà comunque tornare utile per qualche altro scopo. Il telescopio Kepler era stato "specificatamente progettato per monitorare una porzione della nostra regione della Via Lattea e scoprire dozzine di pianeti simili alla Terra vicino o nella zona abitabile, e determinare quante delle miliardi di stelle della nostra galassia posseggano pianeti".

Il problema pare essere un danno a due delle quattro ruote usate per mantenere l'assetto di stabilità. La prima ruota è andata fuori uso nel luglio 2012, la seconda a maggio 2013. Già il 15 maggio 2013 la NASA aveva annunciato un guasto ad un giroscopio tale da compromettere il sistema di puntamento del telescopio stesso, e che ha portato di mettere la parola fine sulla missione.

Tra gli obiettivi della missione Kepler: determinare quanti pianeti terrestri esistono nella zona abitabile, anche chiamata Zona Goldilocks; determinare l'intervallo di grandezza e forma delle orbite di tali pianeti; stimare quanti pianeti si trovano in sistemi stellari multipli; determinare l'intervallo di grandezza delle orbite, di luminosità, dimensioni, massa e densità dei pianeti extrasolari; identificare ulteriori membri di ciascun sistema scoperto; determinare la proprietà delle stelle che ospitano sistemi planetari.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?