Ambiente: i terremoti si studieranno dallo spazio

 

E' nata una importante partnership tra l’Università Telematica Uninettuno, CEA (Chinese Earthquake Administration) e delle Università di Trento, Tor Vergata, l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e l’Agenzia Spaziale Italiana, per la costruzione del satellite italo-cinese per studiare dallo spazio i Terremoti

Scritto da Simone Ziggiotto il 11/04/14 | Pubblicata in Ambiente | Archivio 2014

 

Ambiente: i terremoti si studieranno dallo spazio

E' nata una importante partnership tra l’Università Telematica Uninettuno, CEA (Chinese Earthquake Administration) e delle Università di Trento, Tor Vergata, l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e l’Agenzia Spaziale Italiana, per la costruzione del satellite italo-cinese per studiare dallo spazio i Terremoti.

Con la nuova partnership, l’ateneo italiano contribuirà alla realizzazione di un progetto che, attraverso il monitoraggio continuo della Terra e l’analisi dei dati raccolti, potrebbe (usiamo il condizionale) consentire di individuare quali sono le variabili precursori dei terremoti, quelle vibrazioni o oscillazioni improvvise, rapide e più o meno potenti, del terreno, provocate dallo spostamento improvviso di una massa rocciosa nel sottosuolo, provocando seri danni in superficie, qualora ci fossero costruzioni o zone abitate.

Il progetto prevede la costruzione di due strumenti capaci di rilevare le particelle di alta energia e del campo elettromagnetico, che saranno installate sul satellite cinese CSES (China Seismo-Electromagnetic Satellite), il cui lancio è previsto nel 2016.

Lo scopo è quello di studiare le fluttuazioni di plasma e del campo elettromagnetico attorno alla Terra e sviluppare nuovi metodi per il monitoraggio di fenomeni geofisici su grande scala, come i terremoti a partire dalla fase pre-sismica, ma anche disturbi indotti dall’attività solare, emissioni elettriche generate dai temporali e dalle attività antropiche.

Il gruppo di ricercatori del "UNINETTUNO - Earth" studia da anni le interazioni Terra-Sole, la fisica dello spazio e la geofisica applicata, ed ora contribuirà alla progettazione e costruzione dell’esperimento EFD-VOLTA che verrà installato su 4 booms espandibili a bordo del satellite CSES. Le ricerche verranno svolte presso la sede dell’UNINETTUNO in collegamento telematico costante con i laboratori cinesi del CEA.

"Stiamo ora orientando le nostre ricerche e la nostra conoscenza sulle potenzialità delle comunicazioni satellitari a sostegno di altri settori cruciali per la società, come la previsione dei disastri naturali continuando la nostra stretta collaborazione con le università tradizionali in Italia e nel mondo" ha dichiarato il Rettore dell’UNINETTUNO, prof.ssa Maria Amata Garito.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?