Google Music Service atteso con Android Honeycomb

 

Google ancora all'attacco di Apple e questa volta lo fa in uno dei segmenti dove Apple detiene praticamente il monopolio: la musica digitale

Scritto da Redazione il 18/02/11 | Pubblicata in Android | Archivio 2011

 
Google ancora all'attacco di Apple e questa volta lo fa in uno dei segmenti dove Apple detiene praticamente il monopolio: la musica digitale.

Secondo diverse indiscrezioni, Google potrebbe lanciare il suo servizio Google Music Service in occasione di presentazione di Android HoneyComb, portando cosi il servizio musicale a milioni di smartphone e tablet Android.


 
A quanto pare Google si starebbe muovendo già per trovare gli accordi con le principali etichette discografiche al fine di poter ottenere i diritti di vendita di milioni di brani musicali mentre sul versante tecnico il sistema di vendita contenuti sarebbe già in fase di progettazione.

Il primo Tablet Pc ad utilizzare Google Music Service dovrebbe essere Motorola Xoom

Google Music Store potrebbe arrivare su Android 3.0 Honeycomb
 
Dopo il servizio Google One Pass, ovvero il corrispettivo dell’in-app subscription dei dispositivi portatili targati Apple, sembrerebbe che l'azienda di Mountain View abbia intenzione di inserire nel sistema operativo Android un servizio simile all'iTunes Music Store.
 
Google Music Store, questo il nome provvisorio del servizio, potrebbe approdare in futuro su Android 3.0 Honeycomb, come svelato in maniera accidentale dal CEO di Motorola, Sanjay Jha.
 
Il dirigente dell'azienda statunintense infatti si è lasciato scappare qualche parola di troppo, volutamente o meno, nelle sue dichiarazioni al Mobile World Congress 2011 riguardo il tablet Motorola Xoom“Android Honeycomb 3.0 aiuterà Motorola a diffondere il nostro nuovo Tablet Xoom, aggiungendo un servizio per i video e la musica”.

 
La frase che in particolare ha creato maggiore interesse è stata la seguente: “Se guardate ai servizi mobili di Google, offerti tramite Android, noterete che c’è un servizio per i video, ed uno per la musica”. Accortosi della gaffe, il CEO si è subito corretto: “Ci sarà un servizio per i video e la musica.”
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?