Android: piattaforma mobile piu' colpita da malware

 

Nel primo trimestre del 2013, gli attacchi mirati a dispositivi mobli sono cresciuti, e gli utenti di Mac OS X, Windows e Android sono stati i più sottoposti ad attacchi

Scritto da Simone Ziggiotto il 26/05/13 | Pubblicata in Android | Archivio 2013

 

Nel primo trimestre del 2013, gli attacchi mirati a dispositivi mobli sono cresciuti, e gli utenti di Mac OS X, Windows e Android sono stati i più sottoposti ad attacchi.

Tra gennaio e febbraio, Kaspersky Lab ha rilevato un notevole aumento del numero di attacchi mirati su dispositivi che utilizzano Mac OS X. Tutti questi attacchi utilizzato il codice di vulnerabilità CVE-2009-0562, che è stato patchato da Microsoft quasi quattro anni fa. Kaspersky Lab hanno poi registrato attacchi contro attivisti tibetani a metà marzo 2013. Questa volta, gli aggressori hanno aggirato la sandbox in Acrobat Reader X e infettato numerosi computer.

Android

Alla fine di marzo 2013, anche gli utenti di dispositivi Android sono caduti vittima di questa ondata di attacchi. Dopo che la casella di posta di un noto attivista tibetano è stata violata, è emerso un file allegato di tipo APK, che si rivelò essere un programma dannoso per Android (i prodotti Kaspersky Lab lo hanno etichettato come Backdoor.AndroidOS.Chuli.a ). Questa minaccia comincia a raccogliere i dati archiviati sul dispositivo: contatti, registri delle chiamate, messaggi di testo, dati GPS e le informazioni sul dispositivo. Poi il malware cripta i dati rubati con Base64 e li carica sul server di comando. L'indagine di Kaspersky Lab di questo server centrale, indica che gli hacker parlano cinese.

Solo pochi giorni dopo che i risultati dello studio sono stati pubblicati, un'organizzazione di ricerca chiamata The Citizen Lab ha pubblicato i risultati di un suo studio con simili risultati. L'obiettivo dell'attacco erano le persone che erano in un modo o in un altro associate con il Tibet o attivisti tibetani.

Kaspersky Lab nel suo rapporto evidenzia come telefonini e i dispositivi mobili sempre più infettati dai programmi maligni che colpiscono però in modo particolare quelli basati su piattaforma Android. Secondo il rapporto, quasi tutti i nuovi malware mobile (99,9 per cento) nascono per attaccare i dispositivi Android. Questa piattaforma, essendo il software più diffuso nel mondo, è quindi il principale bersaglio degli hacker, con una previsione al futuro che è destinata a peggiorare la situazione attuale. Per Kaspersky Lab, è il secondo anno consecutivo che si registra una importante crescita nel numero di attacchi malware su Android, con una diffusione che comprende sempre di più i trojan.

Nella top 20 dei malware più diffusi per Android vi è il trojan del gruppo FakeInst che colpisce gli utenti russi quando tentano di scaricare da Internet programmi poco sicuri. Al secondo posto troviamo un trojan adware, della famiglia Plangton, che attacca i navigatori d'Europa che scaricano applicazioni gratuite e che modificano la configurazione del browser web per aprire automaticamente pagina con annunci pubblicitari.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?