Steve Wozniak contro il Cloud: la liberta' personale non esiste piu'

 

Il cofondatore di Apple, Steve Wozniak, ha affermato che gli Stati Uniti stanno diventando come la Russia e che il cloud compuing sta man mano erodendo la libertà personale

Scritto da Maurizio Giaretta il 18/06/13 | Pubblicata in Apple | Archivio 2013

 

Il cofondatore di Apple, Steve Wozniak, ha affermato che gli Stati Uniti stanno diventando come la Russia e che il cloud compuing sta man mano erodendo la libertà personale.

Dopo il recente scandalo statunitense che ha coinvolto la NSA e l'FBI, ree di controllare tutti i dati (email, contatti, fotografie, eccetera) di nove colossi di internet del calibro di Google, Apple, Microsoft, Yahoo, Facebook, PalTalk, YouTube, Aol e Skype, il 'Woz', intervistato in aeroporto dal sito spagnolo FayerWayer, ha confidato che gli Stati Uniti non sono poi tanto meglio della Russia comunista.

Il concetto di proprietà si sta lentamente sgretolando

"Tutti questi discorsi sulla Costituzione che ci ha reso così delle buone persone non contano niente". Woz pensa che tutto l'organismo-America sia cambiato. E la conferma arriva proprio dallo scandalo che ha coinvolto la National Security Agency e l'FBI. Un tempo esistevano i diritti individuali, ma ora i cittadini americani sono comparati ai sudditi della corte del Re, che può disporre di loro come e quando vuole.

Il pezzo di storia di Apple poi ha fatto notare che anche il concetto di proprietà si sta lentamente sgretolando con una proporzionalità diretta allo sviluppo dei servizi di cloud computing.

"Nel mondo digitale di oggi si riesce con difficoltà a essere proprietari di qualcosa. Con tutte queste registrazioni ai servizi...". Il riferimento è ai regolamenti chilometrici che stanno dietro all'uso dei servizi della 'nuvola'. Molte persone non sanno - o non ci pensano - che tutto quello che viene caricato diventa di proprietà del fornitore del servizio, che può decidere di modificare o addirittura cancellare il contenuto senza preavviso alcuno.

"Se si pubblica qualcosa sulla nuvola, non la si possiede più". Così non ce ne accorgiamo, ma abbiamo meno libertà di quanta ne avessimo in passato.

Un altro modo per interpretare queste dichiarazioni è che i governi e i fornitori di servizi stanno 'comprando' le nostre informazioni gratuitamente. Noi mettiamo tutto nelle loro mani solo perchè siamo più comodi o semplicemente più pigri.

Anni fa il concetto di proprietà, che ha differenziato l'America dalla Russia, era molto diverso da quello attuale.

Steve Wozniak contro la Nuvola

Steve Wozniak è molto scettico nei confronti della nuvola, ovvero del Cloud Computing che sta diventando sempre più un punto di riferimento per l'intero settore dell'informatica.
 
Colui che ha fondato Apple assieme a Steve Jobs ha ammesso di essere "veramente preoccupato per ogni cosa che finisce nella nuvola". Poi ha rincarato la dose, aggiungendo che il cloud "genererà problemi orribili nei prossimi cinque anni".
 
"Voglio sapere che le cose sono mie [...] dico che più trasferiamo le cose sul web, nella nuvola, meno controllo avremo su di esse"

Il Woz non ha avuto modo di spiegare chiaramente che cosa intendesse dire con "problemi orribili", tuttavia si intuisce che le sue affermazioni possono essere ricondotte alle questioni dei diritti d'autore e alla poca privacy riservata agli utenti.
Noi avevamo affrontato l'argomento lo scorso Aprile, ricordando che, per quanto comodi possano sembrare, ogni documento o immagine che venga usato su di essi diventa di proprietà anche dei rispettivi Google, Apple, Microsoft, etc, e per tale motivo possono essere riutilizzati o addirittura cancellati, anche senza consenso dell'utente.
Le affermazioni, riportate dalla Agence France-Presse (AFP), sono state pronunciate la scorsa settimana durante una sessione di domande e risposte tenutasi a margine del monologo di Mike Daisey "The Agony and Ecstasy of Steve Jobs".
 
 

Woz intervistato da FayerWayer


 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?