Apple compra Locationary, Embark, C3 Technologies e HopStop per migliorare le mappe

 

Apple acquista Locationary e HopStop, due piccole startup che aiuteranno la società di Cupertino a migliorare il suo sistema di mappe

Scritto da Simone Ziggiotto il 22/07/13 | Pubblicata in Apple | Archivio 2013

 

Apple acquista Locationary e HopStop, due piccole startup che aiuteranno la società di Cupertino a migliorare il suo sistema di mappe.

Apple ha presentato la sua applicazione ufficiale di mapping con il lancio del suo sistema operativo iOS 6 e da allora il sistema in-house delle mappe della società per i suoi iDevices è stato criticato e messo in discussione più e più volte per la sua poca accuratezza.

Apple

Sembra che Apple sta seriamente lavorando per migliorare il suo sistema di mappatura, come dimostra la recente acquisizione da parte del gigante di Cupertino di una piccola azienda canadese chiamata Locationary. Locationary utilizza una grande piattaforma per lo scambio di dati e di crowdsourcing per raccogliere, verificare i dati e punti geografici per le imprese locali.

Inoltre, Apple ha anche acquistato HopStop, un altro strumento di navigazione popolare, nel tentativo di migliorare la sua applicazione di mapping. L'app gratuita è capace di mostrare agli utenti come muoversi più rapidamente in circa 500 città a piedi, in bicicletta, in auto o con i mezzi pubblici.

Un portavoce di Apple ha confermato l'ultima acquisizione a AllThingsD e ha detto che "Apple acquista aziende tecnologiche più piccole di volta in volta, e in genere non discutiamo il nostro scopo o riveliamo i nostri piani".

Apple ha comprato Embark per migliorare Mappe

Apple ha acquistato un'altra azienda che si occupa di dati cartografici locali. Questa volta si tratta di Embark, una società specializzata in informazioni sui trasporti pubblici locali.

Apple ha comprato un'altra società di mappatura, la terza quest'anno: il gigante tecnologico ha recentemente fatto sua Embark, una società con una miriade di applicazioni di mappe basate sulla localizzazione degli utenti per città come New York, San Francisco e Londra.
 
Apple ha confermato l'accordo, dicendo che prosegue "l'acquisto di aziende tecnologiche più piccole di volta in volta", senza però entrare nei dettagli circa come intenderà sfruttare il servizio appena comprato. L'amministratore delegato di Embark, David Hodge, ha invece rifiutato di commentare.
 
Embark è stato uno dei numerosi produttori di app sul posizionamento satellitare, che ha ottenuto un grande successo dopo lancio del proprio software di mappatura per dispositivi Apple con iOS 6. Entro la prima settimana di lancio che software, il team di Embark ha detto di aver ricevuto il più alto picco di download da quando il servizio è stato lanciato.
 
Secondo quanto riporta Jessica Lessin, Apple prevede di integrare la tecnologia di Embark in un proprio software, presumibilmente per sostituire le funzionalità di trasporto pubblico nell'attuale scarsa app Mappe di Apple.
 
L'acquisto è l'ultimo di una serie per Apple. Solo il mese scorso, è stato rivelato che Apple ha acquistato Locationary e HopStop, due piccole startup che aiuteranno la società di Cupertino a migliorare il suo sistema di mappe. Inoltre, Apple ha comprato l'azienda Passif Semiconductor insieme Matcha.TV.
All'inizio di quest'anno, il CEO di Apple Tim Cook ha osservato che Apple è impegnata nell'acquisto di una società ogni mese o due. "Siamo sempre alla ricerca di nuove idee e, se troviamo qualcosa, faremo in modo di usarla in futuro", Cook ha detto alla conferenza All Things Digital a maggio.
 
Apple: 240 milioni di dollari per Mappe 3D di C3 Technologies

Nella lunga battaglia per la conquista del segmento smartphone, Apple si trova attualmente priva di un proprio sistema di mapping, tanto che in diversi casi deve ricorrere all'utilizzodelle mappe di Bing o le più celebri mappe di Google per consentire il funzionamento geolocal a diverse applicazioni.

In questa ottica, Apple ha acquisito la società svedese C3 Technologies specializzata in mappe geografiche 3D, per una cifra indicativa di 240 milioni di dollari e potrebbe in futuro sviluppare un nuovo sistema di mappe a tre dimensioni... in stile Apple.

La dipendenza verso Google o Microsoft pone infatti Apple potenzialmente in pericolo, visto che con il crescere delle pressioni legali, la società di Cupertino potrebbe trovarsi priva di accesso a mappe di terze parti, con tanti saluti a decine di migliaia di applicazioni geolocal.

Le mappe 3D di C3 sfruttano la ricognizione aerea per creare un sistema di mappe realistico, con una risoluzione piuttosto elevata di strade, città e paesaggi.

L'acquisizione dati, condotta per mezzo di aerei leggeri, consente di rilevare una superficiene di 100 km quadrati ogni ora mentre le aree più densamente abitate vengono rilevate per mezzo di un elicottero.

Una volta raccolto il materiale fotografico, lo stesso viene processato dai sistemi C3 che generano una mappa tridimensionale realistica, dotato di una accuratezza senza eguali e un livello di dettagli altissimo.

Tra gli utilizzi di questa tecnologia, la realizzazione di percorsi simulati, lo studio e l'analisi di territori soggetti per esempio a disastri naturali, cosi come un sistema piuttosto economico per il pieno monitoraggio del territorio.
 
 
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?