Android: Google 'banna' Cyanogen per l'open source

 

Google, il gigante della ricerca sul web, ha ricevuto alcune critiche la settimana scorsa, quando ha attaccato il suo sviluppatore Steve Kondik (alias Cyanogen) per aver distribuito ai clienti di Android del codice libero di alcune applicazioni come Gmail e Google Maps

Scritto da Maurizio Giaretta il 02/10/09 | Pubblicata in Browser | Archivio 2009

 

Google, il gigante della ricerca sul web, ha ricevuto alcune critiche la settimana scorsa, quando ha attaccato il suo sviluppatore Steve Kondik (alias Cyanogen) per aver distribuito ai clienti di Android del codice libero di alcune applicazioni come Gmail e Google Maps.

Gmail e Google Maps infatti non sono open source.

Cyanogen ultimamente era divenuto popolare in quanto aggiungeva molte funzionalita' ed era capace di far condividere dati dal cellulare al computer.

Google ha affermato che e' felice di vedere l'entusiasmo del sviluppatori ma Kondik ha violato la licenza di Google quanto ha incluso le applicazioni come Gmail, Google Maps e Youtube nella sua versione.

"Queste applicazioni non sono open source, ed e' questo il motivo per cui non sono inserite nel repository del codice aperto di Android" ha affermato Google nel blog degli sviluppatori di Android.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?