LG Nexus 5: Fotocamera, Batteria e Memoria sono i Punti Deboli

 

Anche quest'anno il tallone d'Achille di Lg Nexus 5 è rappresentato dalla fotocamera e dalla memoria non espandibile, ai quali si aggiunge la batteria non rimovibile

Scritto da Maurizio Giaretta il 06/11/13 | Pubblicata in Lg Electronics | Archivio 2013

 

LG Nexus 5: Fotocamera, Batteria e Memoria sono i Punti Deboli

Anche quest'anno il tallone d'Achille di Lg Nexus 5 è rappresentato dalla fotocamera e dalla memoria non espandibile, ai quali si aggiunge la batteria non rimovibile. Questi elementi fanno si che il telefono ufficiale di Google non possa essere collocato tra i migliori assoluti in circolazione.

Parliamoci chiaro: l'ultimo Nexus che la Grande G ha presentato il 1 Novembre è sicuramente un telefono da apprezzare e da promuovere. Non solamente perchè è grande, ha un bello schermo, è potente e monta l'ultima versione attualmente disponibile di Android, la 4.4 KitKat. Ma perchè offre anche la garanzia di aggiornamenti continui al sistema operativo e inoltre è in vendita a un prezzo molto, molto interessante: 349 euro per la versione 16 GB e 399 euro per quella a 32 GB.

Ma non dimentichiamoci che non si tratta di un telefono qualsiasi. E' un Nexus, il quinto che sia stato presentato, e porta con se il concetto che Google ha della tecnologia: avanzata e a un prezzo più accessibile della norma. Dovrebbe dunque rappresentare il meglio delle tecnologie della società californiana e pertanto dovrebbe essere un telefono in grado di battersela alla pari con mostri sacri del calibro di Samsung Galaxy S4, Htc One o Apple iPhone 5S.

Purtroppo non è così.

Fotogallery

Ci sono delle contraddizioni che, anche se non sono così pesanti, sommate l'una all'altra ci fanno domandare se Google non potesse fare di meglio. Se ci domandassimo "Nexus 5 è davvero in grado di competere alla pari con gli altri top di gamma?", la risposta sarebbe semplice: non ancora. Probabilmente dovremo aspettare un altro anno.

PUNTO DEBOLE 1: LA MEMORIA INTERNA

La memoria interna non è espandibile e non supera i 32 GB. Ciò significa che se si ha intenzione di passare a Nexus 5 da un vecchio telefono dotato di memoria esterna, la scheda microSD non potrà essere riutilizzata. Inoltre se si fosse stati disposti a spendere qualche soldo in più per altri 32 GB, non lo si può fare. Che sia un modo di Google per spingere gli utenti a usare i propri servizi Cloud noi non lo sappiamo. Ma ciò che sappiamo è che la situazione per qualcuno può essere scomoda.

PUNTO DEBOLE 2: LA FOTOCAMERA

Come abbiamo chiarito in altri approfondimenti, è vero che ci sono stati dei miglioramenti rispetto a Lg Nexus 4, tuttavia il divario rispetto ai vari Apple iPhone 5S, Nokia Lumia 1020, Samsung Galaxy S4 o Sony Xperia Z1 è ancora netto.

Fotocamera: sono stati fatti dei miglioramenti rispetto a Nexus 4, ma non sono sufficienti

Facciamo chiarezza su questo punto: se si trova in condizioni ottimali (telefono appoggiato su una superficie che inquadra un soggetto statico in una giornata soleggiata), la fotocamera produce di risultati eccellenti. Tuttavia il più delle volte ci si trova a scattare foto nella penombra, magari inquadrando soggetti in movimento mentre noi stessi non siamo perfettamente immobili. Come fatto notare da The Verge, che ha avuto l'occasione di testare il telefono, l'autofocus è lento e inoltre passano uno o due secondi prima che l'app della fotocamera si avvii e sia in grado di scattare la prima foto.

Se consideriamo che i rivali già citati invece consentono di scattare foto ad alta risoluzione con una velocità più elevata, che in alcuni casi consentono la registrazione di video al rallentatore (Apple iPhone 5S e Htc One, per fare due esempi), che hanno dei flash più convincenti, che restituiscono colori meno piatti e contrasti più decisi, allora come facciamo a ritenerci soddisfatti?

Certo, Google ha detto che il problema non riguarda l'hardware e che dunque sta già lavorando a un aggiornamento software. Ed è bello sapere che si sta già cercando di sistemare il problema. Ma da quanto è emerso finora, i cambiamenti che sono in sviluppo non sembrano essere in grado di invertite il trend.
 

 
Per scoprire le caratteristiche delle fotocamere della concorrenza, consigliamo caldamente la lettura di:
 
PUNTO DEBOLE 3: LA BATTERIA NON E' RIMOVIBILE
Altro punto poco soddisfacente è la batteria, che purtroppo non può essere rimossa. Ciò significa che, anche in caso di danneggiamento o di calo fisiologico dovuto all'usura, tutto il telefono è destinato a spegnersi quando con 40 euro si potrebbe dargli una nuova linfa vitale semplicemente sostituendo la batteria.
 
Se questo è il meglio di Google, allora non è abbastanza
Se questo è il meglio di Google, allora non è abbastanza. Alcuni elementi che abbiamo citato, se non bastasse, vanno anche contro al concetto di 'open' (niente memoria esterna e batteria non sostituibile) del quale Google è uno dei principali promotori.
 
Ma Nexus 5 costa 300 euro in meno rispetto alla concorrenza
Se non sapessimo che Nexus 5 costa 300 euro in meno rispetto agli altri telefoni della concorrenza, non saremmo stato in grado di collocarlo tra i migliori. Si sarebbe trattato di un buon telefono, ma nulla di più. Probabilmente ci sarà da aspettare un altro anno ancora per vedere un telefono veramente competitivo.
Ma i fatti parlano chiaro: siamo sui 200 euro in meno rispetto ai migliori smartphones Android in circolazione e su (almeno) 300 euro in meno di iPhone 5S. Se si considera il fattore prezzo c'è certamente da essere soddisfatti. Potrebbe anche darsi che, in questo articolo, siamo stati un pò troppo pretenziosi nei confronti di un telefono dal prezzo inferiore ai 400 euro.
 
E' comunque un peccato sapere che il meglio di Google ancora non corrisponde al meglio in assoluto.

 

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?