Anche Microsoft pensa allo Smartwatch

 

Dopo i primi segnali della concorrenza (Samsung e Apple in primis), anche Microsoft sembra intenzionata a realizzare un proprio orologio da polso 'intelligente'

Scritto da Maurizio Giaretta il 15/04/13 | Pubblicata in Microsoft | Archivio 2013

 

Dopo i primi segnali della concorrenza (Samsung e Apple in primis), anche Microsoft sembra intenzionata a realizzare un proprio orologio da polso 'intelligente'. Secondo una fonte autorevole, il colosso di Redmond è in cerca delle componenti per l'assemblaggio di un potenziale smartwatch con pannello touchscreen.

Che sia solamente un sondaggio o che la società di Ballmer abbia già intrapreso l'idea di entrare in un segmento di mercato, che a questo punto comincerebbe a essere piuttosto affollato, rimane da vedere.

Il Wall Street Journal è stato informato da fonti asiatiche che Microsoft ha contattato aziende per la fornitura di componenti che potrebbero servire per un orologio touchscreen. Una di esse (rigorosamente anonima) ha confessato di essersi recata a Redmond per discuterne direttamente con il gruppo di ricerca e sviluppo della società americana.

Non è la prima volta che Microsoft si interessa a un progetto del genere. Nel 2008, dopo aver cercato alleanze con produttori del calibro di Fossil, Swatch e Suunto, era stato tutto abbandonato a causa del prezzo troppo elevato che avrebbero avuto questi dispositivi touch (attorno agli 800 dollari).

Un paio di mesi da era stato riportato che lo sviluppo di iWatch potrebbe essere stato in uno stadio più avanzato di quanto si potesse credere: la Mela avrebbe già costituito un team di cento persone per la progettazione. Lo smartwatch, che si baserà sulla piattaforma iOS (la stessa di iPhone e iPad) potrebbe essere stato addirittura "oltre la fase di sperimentazione".

Anche Samsung non sarebbe rimasta ferma a guardare e sarebbe al lavoro su "Galaxy Altius". Questo, in base a voci di corridoio di metà Febbraio, avrebbe uno schermo quadrato con risoluzione di 500x500 pixel. Rimane da vedere se si baserà su Android (visto il nome 'Galaxy' non è da escludere affatto) oppure su un sistema operativo proprietario.

A Ottobre 2012 era emerso pure un brevetto di Google, registrato presso lo United States Patent and Trademark Office (vedi foto sopra), il quale, nonostante l'impegno della Grande G nel progetto degli occhiali intelligenti (smart glass), mostrava chiaramente un dispositivo a forma di orologio con interfaccia touchscreen e agenda inclusa.

In passato sono stati realizzati altri progetti di orologi con superficie touchscree. Due esempi sono il Sony SmartWatch (nella foto sopra), presentato durante il CES di Las Vegas a Gennaio 2012. Ha uno schermo OLED da 1,3 pollici, accelerometro, vibrazione, misura 8 millimetri, resiste all'acqua ed è in grado di comunicare con lo smartphone Android senza fili.

Altro esempio è stato lo smartwatch Pebble, che è stato concepito ad Aprile 2012 grazie a un finanziamento da oltre cinque milioni di dollari raccolto online. Le sue caratteristiche sono lo schermo con tecnologia e-Paper in bianco e nero con risoluzione di 144x168 pixel, in grado di limitare i consumi, il surriscaldamento e che può essere visto anche sotto il sole. Mette a disposizione il Bluetooth ed è compatibile con iPhone e Android.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?