Samsung annuncia il vero chip Octa-Core Exynos

 

Samsung ha presentato il suo primo vero chip Exynos 5 con otto core, capaci di lavorare contemporaneamente tutti insieme

Scritto da Simone Ziggiotto il 11/09/13 | Pubblicata in Samsung | Archivio 2013

 

Samsung ha presentato il suo primo vero chip Exynos 5 con otto core, capaci di lavorare contemporaneamente tutti insieme.

Dopo le precedenti indiscrezioni, Samsung ha svelato ufficialmente l'ultimo aggiornamento per i suoi chipset Exynos 5. La principale caratteristica è ciò che i coreani chiamano Heterogeneous Multi-Processing (HMP, eterogeneo Multi-Processing): il nuovo chip Exynos 5 Octa big.LITTLE è in grado di far lavorare tutti i suoi otto core contemporaneamente.

Samsung Exynos 5 Octa big.LITTLE

Il nuovo chip è stato presentato in seguito le critiche provenienti dai produttori di chip rivali che hanno accusato che l'Exynos 5410 e l'Exynos 5420 non possono essere considerati veri e propri chip octa-core.

La tecnologia HMP consente, invece, al chipset la possibilità di utilizzare gli otto nuclei in qualsiasi combinazione desiderata. Fino ad ora si sono potuti usare o i quattro core Cortex-A7 per attività a bassa priorità, o i quattro core Cortex-A15 per operazioni ad alta priorità.

Samsung spera di distribuire il nuovo chip Exynos 5 Octa big.LITTLE HMP nel quarto trimestre di quest'anno. L'azienda non ha specificato se gli attuali chip Exynos 5410 e 5420 potranno, con aggiornamento software, ricevere il supporto per la gestione individuale dei core con l'aggiunta dell'HMP o se il concetto sarà applicato solamente ai chip Exynos 5 di prossima produzione.

Samsung Exynos 5 Octa diventera' un vero 8-core nel Q4

A partire dall'ultimo trimestre dell'anno saranno resi disponibili ai consumatori i chip Exynos 5 Octa di Samsung veramente in grado di far funzionare gli otto core assieme. Finora ne potevano essere usati fino a quattro contemporaneamente.
 

 
Gli smartphones, i tablet e gli altri dispositivi del segmento 'mobile' che finora hanno avuto un cuore Exynos 5 Octa con 8 cuoricini ARM - tra questi la versione internazionale diSamsung Galaxy S4 - , hanno avuto la limitazione di farne funzionare solo una parte nello stesso istante, ma mai tutti.
 
Quattro, basati sull'architettura ad alte prestazioni Cortex A15, erano destinati per raggiungere le prestazioni massime, mentre i rimanenti, tutti Cortex A7, avevano la caratteristica di essere meno potenti ma più adatti al risparmio energetico. In funzione della gravosità del processo in corso, subentravano i primi o i secondi quattro.
La società coreana ha annunciato che le cose cambieranno: a partire dalle unità prodotte dal quarto trimestre del 2013, gli 8 CPU diventeranno in grado di funzionare assieme. Il mix di A15 e A7 consentirà di conseguire alte prestazioni e contestualmente di farlo con efficienza.
 
La notizia interessante sta nel fatto che ipoteticamente anche coloro che hanno già acquistato un dispositivo Exynos 5 Octa potrebbero cominciare a sfruttare appieno gli 8 core. Secondo quanto riporta Engadget, potrebbe essere sufficiente un aggiornamento software che modificherebbe la configurazione da big.LITTLE a big.LITTLE MP.
Nel comunicato stampa di Samsung tuttavia non c'è alcun riferimento a questa possibilità, che per il momento rimane dunque un'ipotesi.
Se siete tra coloro che si domandano a che cosa possano servire otto processori in uno smartphone, sappiate di non essere i soli.

Samsung Exynos: nuovo chip in lavorazione, forse con LTE integrato

Samsung prepara un nuovo chipset a otto core, forse con l'atteso supporto LTE.

I chipset di Samsung della famiglia Samsung Exynos stanno avendo un brutto periodo ultimamente. In primo luogo, l'Exynos 5 Octa 5410 non è stato in grado di offrire le prestazioni dei più recenti chip Snapdragon che tutti si aspettavano, mentre la versione aggiornata 5420 deve ancora arrivare nei negozi perchè presente solo nel Galaxy Note 3 (solo modelli 3G), ma è già stato confermato che supporterà la registrazione di video Ultra HD a 4K.
 
Tweet Samsung Exynos 6 settembre 2013

 
Uno dei più grossi problemi del chipset con otto core è la mancanza di un supporto LTE integrato, ed è per questo motivo che Samsung sta usando varianti dei suoi terminali dotati di chip Snapdragon di Qualcomm per i mercati LTE. Forse questo è destinato a cambiare quando il nuovo chip Exynos, che è appena stato confermato via Twitter, arriverà sul mercato.
Non ci sono molte altre informazioni che possiamo ottenere dal tweet. Il cinguettio ci conferma solo la produzione di un nuovo chip Exynos, e possiamo solo immaginare che tipo di aggiornamenti introdurrà.
Il problema dei chip con otto core di Samsung lo abbiamo riscontrato anche con il nuovo Galaxy Note 3: il modello con LTE monta il chip Snapdragon 800 con CPU quad-core Krait 400 a 2,3 GHz, con 3GB di RAM e GPU Adreno 330; il modello 3G, al contrario, ha il chip Samsung Exynos con processore Octa Core diviso in CPU quad-core Cortex-A15 a 1.9 GHz e CPU quad-core Cortex-A7 a 1.3 GHz. Come detto sopra, i mercati dove è presente la copertura di rete LTE necessitano di un chip Qualcomm, perchè l'unico ad integrare il modulo LTE. Lo stesso vale per il tablet Galaxy Note 10.1 2014.
 
Samsung Galaxy Note 3 arriverà sul mercato dal 25 settembre.

 

Samsung Exynos 5 Octa big.LITTLE


 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?