Samsung Galaxy Note 3: iniziano i lavori per ottenere i permessi di Root

 

Samsung ha inserito il Software Knox sul suo Samsung Galaxy Note 3 per evitare che gli utenti modificassero il firmware originale, nonostante questo lo sviluppatore Designgears in collaborazione con Chainfire è riuscito a raggirare il sistema di sicurezza!   In poche parole Samsung ha inserito un contatore nei suoi dispositivi ed ogni volta che si effettua un flash di qualche file non originale come per esempio quello necessario per ottenere i permessi di Root il contatore segna progressivamente un numero (1,2,3 ecc) questo fa si che Samsung possa individuare gli smartphone “manomessi” facendo decadere la garanzia ufficiale

Scritto da Pietro Oliveri il 15/10/13 | Pubblicata in Samsung | Archivio 2013

 
Samsung ha inserito il Software Knox sul suo Samsung Galaxy Note 3 per evitare che gli utenti modificassero il firmware originale, nonostante questo lo sviluppatore Designgears in collaborazione con Chainfire è riuscito a raggirare il sistema di sicurezza!

Samsung Galaxy Note 3
 
In poche parole Samsung ha inserito un contatore nei suoi dispositivi ed ogni volta che si effettua un flash di qualche file non originale come per esempio quello necessario per ottenere i permessi di Root il contatore segna progressivamente un numero (1,2,3 ecc) questo fa si che Samsung possa individuare gli smartphone “manomessi” facendo decadere la garanzia ufficiale.

I due sviluppatori però hanno trovato il metodo di installare i permessi di Root su Samsung Galaxy Note 3 versione N900W8, quindi non la versione Italiana, raggirando il sistema Knox e non facendo quindi partire il contatore in questione.

Oltre al contatore Samsung ha inserito nel menu delle impostazioni, già con Samsung Galaxy S3, un’opzione che ci avvisa se il dispositivo è stato riconosciuto come modificato oppure no, in questo caso gli sviluppatori ottengono la dicitura “modificato” ma semplicemente installando nuovamente l’aggiornamento “pulito” dal Root tutto torna nella norma.

I due sviluppatori hanno poi dichiarato di essere attualmente a lavoro sul modello Europeo per ottenere appunto i permessi di Root senza invalidare per sempre la garanzia del terminale.

Per chi non lo sapesse i permessi di Root sono delle “autorizzazioni” a visualizzare file ed impostazioni nascoste ed è quindi possibile svolgere operazioni che normalmente sono proibite come per esempio alzare ed abbassare il clock di lavoro del processore. 

Samsung Galaxy Note 3: ecco la prima foto con a bordo la Cyanogenmod 10.2

 
Samsung Galaxy Note 3 viene fotografato da Steve Kondik, noto sviluppatore, con a bordo la nuova Rom non ufficiale (non sviluppata da Samsung) Cyanogenmod 10.2 basata sulla versione 4.3 di Android.
 
Attualmente sembra ancora lontano il rilascio ufficiale ma già nelle prossime settimane potrebbe essere rilasciata una versione definita “Nightly” ovvero non definitiva e quindi non adatta ad un utilizzo quotidiano.

Bisogna precisare che la Rom in questione cancella definitivamente tutte le personalizzazioni introdotte da Samsung sul suo dispositivo quindi avremo praticamente Android nella versione definita “Stock” il che è un bene su molti dispositivo ma forse non su Galaxy Note 3 che perderebbe tutte le “chicche” software destinate all’utilizzo della S-Pen.


 
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?