Samsung, venduti 40 milioni di tablet nel 2013

 

Nel 2013 Samsung ha venduto 40 milioni di tablet in tutto il mondo; la società punta a vendere 100 milioni di tablet nel 2014

Scritto da Simone Ziggiotto il 30/12/13 | Pubblicata in Samsung | Archivio 2013

 

Samsung, venduti 40 milioni di tablet nel 2013

Nel 2013 Samsung ha venduto 40 milioni di tablet in tutto il mondo; la società punta a vendere 100 milioni di tablet nel 2014.

Secondo un rapporto citato da diversi media coreani, Samsung ha venduto 40 milioni di tablet nel 2013. Il numero cade proprio in linea con le aspettative del costruttore che sono state rivelate nel corso di una giornata che Samsung ha dedicato agli analisti nel mese di Novembre scorso.

Samsung ha riferito di aver venduto 12 milioni di tablet solo negli ultimi tre mesi. Questa non è certo una sorpresa, in quanto la società sudcoreana ha lanciato il Galaxy Note 10.1 (2014 Edition) durante questo periodo. Samsung ha inoltre promosso fortemente la sua gamma di fascia medio-bassa di tablet Galaxy Tab 3 offrendo sconti o tavolette in bundle gratuitamente con altri prodotti Samsung.

Mentre 40 milioni di unità sono di per sè già un numero stellare, Samsung ha riferito di avere piani per il 2014 ancora pià grandi. La società avrebbe in programma di aumentare il numero di tablet vendute nel 2013 del 250 per cento, puntando così a vendere 100 milioni di unità.

La crescita di cui sopra sarà realizzata in un modo simile a quanto Samsung ha fatto nel campo degli smartphone negli ultimi anni: la società lancerà una serie di nuovi tablet in diverse dimensioni dello schermo, coprendo ogni fascia di prezzo sul mercato.

Samsung: accordo con l'NBA per 100 milioni di dollari

Samsung fornirà attrezzatura e tecnologie alla NBA grazie all'accordo appena stipulato e valido per i prossimi tre anni.
Samsung e la National Basketball Association hanno firmato un accordo che rende il produttore di smartphone numero uno al mondo il fornitore ufficiale dei televisori e tablet per la NBA.
 
L'accordo è stato stretto tra Samsung e la NBA per un valore di 100 milioni di dollari e farà in modo che saranno di Samsung gli schermi e la tecnologia di sorveglianza nelle arene dei campi da gioco di basket.
L'accordo sarà valido per tre anni. Per quanto riguarda Samsung, questa non è la prima volta che ha stretto accordi con la massima serie di sport americani.

Samsung punta a vendere 100 milioni di tablet nel 2014

 
Il predominio di Apple nel mercato dei tablet potrebbe volgere al termine (o quasi) il prossimo anno, in quanto Samsung si sta impegnando con la sua catena di approvvigionamento per spedire una quantità ancora maggiore di tablet nel 2014 rispetto a quanto fatto quest'anno. La società coreana ha l'ambizione di riuscire a spedire circa 100 milioni di unità in tutto l'arco del prossimo 2014.
 
Questo segue gli ultimi rapporti stilati dalle società di analisi del mercato, da cui si è evidenziato un consistente aumento della quota di mercato dei tablet nel terzo trimestre del 2013, dove Samsung è stata in grado di spedire quasi 10 milioni di unità, con un incremento del 123 per cento rispetto allo stesso periodo del 2012.
Per lo stesso periodo di tempo, nel Q3 2013, Apple è stata in grado di aumentare la quota su base annuale solo dello 0,6 per cento, e ha visto la sua quota di mercato scendere da poco più del 40 per cento nel Q3 12 al 29,6 per cento nel Q3 13.
 
Secondo il giornale coreano ETNews, Samsung è in trattative con diversi produttori di pannelli in Corea per assicurarsi di avere sufficienti componenti per la produzione di suoi futuri tablet in quanto prevede di eclissare le sue cifre registrate nel 2013, addirittura arrivando a raddoppiarle.
 
Samsung si sta quindi prendendo avanti (molto avanti) ma è una scelta sensata se consideriamo che la produzione di pannelli touchscreen è sia costosa che richiede del tempo, per cui il produttore coreano voler star sicuro di non soffrire di problemi di produzione l'anno prossimo.

Con le risoluzioni dei display sempre più elevate e con i componenti che diventano sempre più complessi, il rischio di carenze di approvvigionamento diventa sempre più alto - basti pensare al recente caso che ha coinvolto Apple, ch si è trovata arimandare l'uscita dell'iPad Mini Retina per via di problemi nella produzione dei componenti.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?