Sony brevetta SmartWig, la Parrucca Intelligente

 

Un parrucchino parlante? Potrebbe diventare una realtà, un giorno, se Sony decide di portare avanti il progetto SmartWig

Scritto da Simone Ziggiotto il 06/12/13 | Pubblicata in Sony | Archivio 2013

 

Sony brevetta SmartWig, la Parrucca Intelligente

Un parrucchino parlante? Potrebbe diventare una realtà, un giorno, se Sony decide di portare avanti il progetto SmartWig.

L'oggetto del brevetto che Sony ha da qualche giorno depositato è lo SmartWig. Il brevetto in generale ha il titolo "Device Wearable Computing", ossia "Dispositivo di computing indossabile", ma andando a leggerne la descrizione le cose si fanno più dettagliate e bizzarre.

"Dispositivo di elaborazione indossabile comprendente una parrucca atta a coprire almeno una parte della testa di un utente, con almeno un sensore per fornire dati di ingresso, una unità di elaborazione che è accoppiata ad almeno un sensore per elaborare detti dati di ingresso, e un'interfaccia di comunicazione che è accoppiata all'unità di elaborazione per comunicare con un secondo dispositivo di elaborazione. L'almeno un sensore, l'unità di elaborazione e l'interfaccia di comunicazione sono disposti nella parrucca ed almeno parzialmente coperti dalla stessa per rimanere nascosti visivamente durante l'uso".

Si, nella pratica, questo è esattamente quello che sembra l'oggetto: un parrucchino con elettronica integrata e sensori nascosti, aka "la parrucca intelligente".

Lo SmartWig si prevede essere progettato per trasmettere un feedback tattile - o vibrazioni o piccole scosse elettriche - direttamente al cuoio capelluto di chi lo indossa. La parrucca intelligente potrebbe essere utilizzata per notificare a chi la indossa la ricezione di un messaggio di testo, telefonata o e-mail, o, in uso assieme con il GPS, per aiutare chi la indossa ad andare nella direzione giusta per arrivare ad una determinata destinazione.

Inoltre, nel brevetto viene menzionata l'inclusione di trasduttori ad ultrasuoni, che potrebbero rilevare quando un oggetto è vicino alla testa di chi indossa il dispositivo e avvisa l'utente che sta per avvicinarsi troppo a qualcuno o qualcosa. Inoltre, Sony propone l'inserimento di un sistema di comunicazione: una piccola videocamera integrata nella parrucca (immaginiamo sia così), che potrebbe anche scattare foto e registrare video, così come un piccolo altoparlante e microfono.

Sony descrive un sistema in cui l'utente potrebbe toccare dei pulsanti integrati nel dispositivo per sfogliare, ad esempio, playlist musicali o una presentazione di PowerPoint.

Sony spiega che una parrucca simile alla sua proposta può tornare utile per questi motivi:

"Le parrucche sono utili per migliorare l'aspetto di un utente e cambiare le impressioni degli altri, perché diverse acconciature danno impressioni diverse. Così, molte persone usano le parrucche. Soprattutto le persone calve che di solito indossano parrucche nella loro vita quotidiana potrebbero approfittare della grande varietà di funzioni che vengono fornite dal dispositivo di elaborazione indossabile qui proposto. Inoltre, molti cosiddetti "cosplayer" (giocatori in costume: una forma di gioco di ruolo) indossano parrucche e costumi per imitare i loro personaggi preferiti dei fumetti e film d'animazione. In tutti i casi, gli utenti indossano parrucche per migliorare il loro aspetto."

Voi indossereste una parrucca del genere? Scriveteci le vostre opinioni nel box dei commenti qui sotto. Poiché la maggior parte dei brevetti di questo genere non vedono mai la luce del giorno, lo SmartWig di Sony è improbabile che diventerà una realtà, o almeno lo spero.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?