Intel: confermati notebook da 200 dollari con Android OS

 

Dadi Perlmutter di Intel ha chiarito quanto espresso la scorsa settimana dal CEO della società Paul Otellini riguardo la futura introduzione di notebook da 200 dollari: avranno sistema operativo Android e non Windows 8

Scritto da Simone Ziggiotto il 29/04/13 | Pubblicata in Tablet | Archivio 2013

 

Dadi Perlmutter di Intel ha chiarito quanto espresso la scorsa settimana dal CEO della società Paul Otellini riguardo la futura introduzione di notebook da 200 dollari: avranno sistema operativo Android e non Windows 8.

Cresce la possibilità che Intel proporrà sul mercato un notebook economico, da soli 200 dollari. Tuttavia, secondo le varie indiscrezioni delle ultime ore, questi terminali di fascia bassa saranno basti sul sistema operativo mobile di Google, Android, e non dll'OS di Microsoft, Windows 8 o Window 8 RT, il cui costo elevato non ne consentirebbe l'uso.

Samsung notebook convertibile

A rivelare il dettaglio non da poco legato al software di base su cui si baseranno i notebook economici della Intel è stato Dadi Perlmutter, Chief Product Officer di Intel, chiarendo meglio quanto aveva dichiarato appena la scorsa settimana il suo collega Paul Otellini, amministratore delegato di Intel. Perlmutter ha rammentato che il CEO non aveva fatto specifici riferimenti al sistema operativo utilizzato dai presunti prossimi notebook convertibili da 200 dollari, limitandosi solo a dire che disporranno della tecnologia Intel Bay Trail, composta dalla nuova generazione di Atom Valley View. Rimangono comunque dubbi su come Android potrà andare ad integrarsi in un prodotto differente da quelli in cui oggi viene maggiormente integrato (smartphone e tablet, per esempio).

Per Perlmutter, Android sarebbe un'ottima soluzione per contenere i costi e mantenere un buon rapporto qualità/prezzo visto che Intel è già proprietaria di componenti hardware che promettono prestazioni di medio livello a costi molto bassi. "Abbiamo una buona tecnologia che permette un prezzo molto conveniente", ha detto Perlmutter. Il prezzo dei computer portatili Windows 8 "dipende dai prezzi di Microsoft Windows 8. Potrebbe esserci prezzo leggermente più alto."

Perlmutter non ha specificato di che tipo saranno i notebook Android, ma è probabile che saranno dispositivi di tipo convertibile, in grado quindi di diventare tablet o notebook in base all'occorrenza dell'utente. Egli ha anche notato che si aspetta che il mercato dei PC portatili calerà entro il 2014, a favore di questi 'nuovi' dispositivi ibridi. Secondo Perlmutter, i produttori dovranno puntare di più su dispositivi convertibili, che consentano all'utente di avere la tipologia di device che gli serve quando gli serve.

Mentre i computer portatili più economici utilizzeranno chip Atom di Intel, Perlmutter ha dichiarato che i dispositivi con la corrente generazione di core Intel potrebbero essere venduti a partire da 399 dollari a 499 dollari. Inoltre, a queste fasce di prezzo potrebbero arrivare sul mercato dispositivi Atom di fascia alta.

Nel frattempo, Perlmutter ha dichiarato che Intel nel 2014 introdurrà un chip mobile che integra un modulo LTE sullo stesso pezzo di silicio principale. La società ha guadagnato discretamente dalla vendita di componenti per smartphone lo scorso anno, ma i volumi di chip venduti restano bassi. Perlmutter si aspetta un numero maggiore di vendite nel 2014. E' di vitale importanza per Intel espandersi nel mercato di smartphone e tablet, visto che il mercato principale dei PC risente della crisi.

Alcune società di analisi di mercato, come Gartner e IDC, all'inizio di questo mese hanno detto che le spedizioni dei PC hanno subito un brutto crollo nei primi tre mesi dell'anno, il peggior dato che IDC ha mai registrato da quando ha iniziato a monitorare i dati nel 1994.

Intel punta al mercato mobile

Anche se non è entrata nel dettaglio dei suoi piani per una nuova serie di dispositivi, Intel si dice pronta a crescere nel settore dei dispositivi mobili, dove negli ultimi anni è in forte declino.

Mike Bell, che si occupa dello sviluppo di chip Intel per smartphone con un passato da dipendente Palm e, prima ancora, della Apple, è il nuovo leader del gruppo che si occuperà di esaminare le tecnologie emergenti e le tendenze di prodotto, compresi i prodotti mobile. La nomina di Bell è parte di una serie più ampia di interventi organizzativi compiuti dal nuovo amministratore delegato della società, Brian Krzanich.
 
Mike Bell
 
"Il gruppo avrà il compito di trasformare le nuove tecnologie e i modelli di business innovations in prodotti per i mercati di punta", il produttore di chip ha detto in una dichiarazione a AllThingsD.
Per quanto riguarda la divisione che si occupa dei chip per cellulari, sarà gestita da Hermann Eul, che in passato ha già lavorato al fianco di Bell.
 
Brian Krzanich ha dichiarato di voler sviluppare chip per smartphone e tablet per conquistare anche quella parte del mercato di microchip per dispositivi mobili moderni dove dominano concorrenti del calibro di Qualcomm, Nvidia, MediaTek, Broadcom e altri processori basati su architettura ARM.
 
Mentre Intel (la più grande azienda multinazionale produttrice di dispositivi a semiconduttore con sede a Santa Clara, California) ha concentrato gran parte dei suoi sforzi in prodotti pensati per la piattaforma Android, è stata anche un grande sostenitrice di diversi progetti Linux nel corso degli anni. Intel, infine, dovrà anche cercare di cambiare il modo di pensare della maggior parte dei suoi dipendenti, più concentrati allo sviluppo di soluzioni per computer piuttosto che su dispositivi mobili. 
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?