Nuovi iPhone, China Unicom tocca quota 100 mila prenotazioni

 

Mentre gli Apple Store stanno allestendo delle demo per mostrare il funzionamento di Touch ID ai clienti, gli Apple iPhone 5C e iPhone 5S di China Unicom hanno superato quota 100

Scritto da Maurizio Giaretta il 16/09/13 | Pubblicata in iPhone | Archivio 2013

 

Mentre gli Apple Store stanno allestendo delle demo per mostrare il funzionamento di Touch ID ai clienti, gli Apple iPhone 5C e iPhone 5S di China Unicom hanno superato quota 100.000 prenotazioni.

Secondo quanto riportato da Bloomberg i due nuovi melafonini hanno varcato quota 100 mila unità prenotate, a pochi giorni dall'inizio delle vendite. I dati si riferiscono a China Unicom, il secondo operatore di telefonia cinese. La cosa interessante è che le 'ordinazioni' sono state fatte nonostante l'operatore non abbia ancora confermato il prezzo di vendita del telefono.

Tuttavia esiste una differenza sostanziale tra la prenotazione e il preordine: nel primo caso si tratta solamente di una promessa del cliente, mentre solo nel secondo si deve anticipare del denaro. Pertanto sarebbe stato più rivelatore aver conosciuto il numero di telefoni preordinati. In ogni caso, sia 5C che 5S saranno disponibili nei negozi a partire da questo venerdì, il 20 Settembre.

Bloomberg riporta anche che China Telecom ha abbassato del 15% il prezzo per l'acquisto di iPhone 5S a confronto con i prezzi che erano stati praticati l'anno scorso per iPhone 5. Stiamo parlando di 2890 yuan (354 euro) contro 3400 (416 euro). Il costo del piano in abbonamento, della durata biennale, è costante a 289 yuan (36 euro).

Nell'attesa di conoscere quale sarà l'effettivo grado di interesse degli acquirenti per i nuovi iPhone, comunicazione che siamo abbastanza sicuri farà direttamente Apple nel giro di pochi giorni, arriva la notizia che si stanno allestendo gli Apple Store (non quelli italiani, nei quali non si sa ancora quando i nuovi iPhone arriveranno) con i demo del funzionamento di Touch ID, il nuovo sistema di riconoscimento dell'utente tramite le impronte digitali.

Lo scanner servirà a garantire una maggior sicurezza nell'accesso al dispositivo. Inoltre consentirà di usare le caratteristiche biomertriche di ognuno - in questo caso le impronte - per procedere agli acquisti su iTunes. A ogni dispositivo potranno essere associate un massimo di 5 impronte, in maniera che lo possano usare anche persone fidate.

Approfondimento: "Snowden: l'NSA controlla gli smartphone"

Nelle dimostrazioni sarà fatto vedere che, mettendo un'impronta diversa da quella registrata, il telefono rimarrà bloccato.

E voi, siete pronti a donare al database della Mela le vostre impronte dopo lo scandalo che ha coinvolto la National Security Agency americana? Segue un video di presentazione di Touch ID. Buona visione!
 

Apple iPhone 5: 100.000 pre-ordini per China Unicom

 
L'iPhone 5 è molto popolare non solo in Europa e negli USA, ma anche nella lontana Cina. L'operatore telefonico China Unicom ha infatti svelato che in meno di 24 ore sono state registrate oltre 100.000 prenotazioni per il nuovo modello del melafonino.
 
Ecco che cosa scrivono a riguardo i colleghi del sito The Next Web: "Dopo l’annuncio di Apple la scorsa settimana riguardo l’arrivo di iPhone 5 in Cina il 14 dicembre, China Unicom, il secondo maggiore operatore wireless della regione, ha dato il via alle prenotazioni, ricevendo ben 100.000 pre-ordini."
 
"Nel mentre China Telecom, che ha iniziato la vendita degli smartphone Apple sul suo network all’inizio dell’anno col rilascio di iPhone 4S, conferma di aver ricevuto 5.000 preordini per iPhone 5 domenica scorsa."
 
Ricordiamo che il telefono è già disponibile per la vendita in Italia ad un prezzo di partenza di 729 euro IVA compresa per il modello con 16 GB di memoria flash interna (non espandibile in alcun modo).
 

Spagna: Telefonica liquida azioni China Unicom

 
La crisi spagnola si liquidità non riguarda solo le banche. A farne le spese, anche le società di TLC che, seppur con meno problemi, iniziano a risentire dei fatturati in forte ribasso.
 
Per sopperire alla mancanza di liquidità, Telefonica ha annunciato di aver ceduto a China United Network Communications il 4.96% delle quote di China Unicom per la cifra di 1.12 miliardi di euro mentre per il restante 5.01%, la cessione potrebbe essere rimandata di 12 mesi.

Telefonica infatti resterà per almeno un altro anno, nel board di China Unicom.
La notizia ha consentito al titolo di guadagnare il 4% in una sola seduta e rientra in uno dei passi promessi per stabilizzare i conti della società. Recentemente l'outlook della società era passato da Negativo a Stabile, con un giudizio di solvibilità a BBB+
 

China Unicom: l'accordo con Apple ha generato buoni risultati

 
I rappresentanti dell'operatore cinese China Unicom hanno fatto sapere, attraverso un comunicato stampa sul sito ufficiale della compagnia, che la partnership stipulata con Apple ha portato a dei risultati sopra le aspettative, con un aumento dei profitti del 14% nel corso del 2011:
 
Li Gang, presidente dell'azienda, ha rilasciato la seguente dichiarazione a riguardo: "Il business 3G è diventato la forza trainante per la crescita dei guadagni della compagnia nel 2011. China Unicom ha ulteriormente rafforzato ed espanso la sua differenziazione rispetto alla concorrenza nel business 3G capitalizzando a pieno l’effetto traino dei dispositivi portatili e delle applicazioni."
 
Secondo gli esperti del settore, la casa di Cupertino ha deciso di investire moltissimo sul mercato cinese perchè si tratta di quello in maggiore espansione dopo quello americano.
 
Ora come ora gli smartphone Android, in particolare quelli Samsung, hanno la meglio sull'iPhone 4S in Cina, ma è possibile che la situazione possa cambiare nei prossimi mesi. Entro l'autunno infatti arriverà l'iPhone 5, il nuovo melafonino che dovrebbe portare molte novità a livello di hardware e design rispetto ai precedenti modelli.
 

China Unicom: bene iPhone ma maggioranza cellulari economici

 
China Unicom è il terzo operatore al mondo per numero di abbonati con ben 170 milioni di clienti in Cina, oltre il doppio di AT&T che di clienti ne ha 82 milioni ed è il più grande operatore americano.
 
Di recente ha rilasciato i dati di vendite e ordinativi del 2009 e 2010 con informazioni interessanti per capire il mercato cinese e le proiezioni per il 2010.
 
Secondo i dati, il 47% dei cellulari sono telefoni di base, 16% cellulari Symbian, 8% Windows Mobile e 4% di iPhone. La quota restante è rappresentata da altri strumenti come modem mobile, chiavette e netbook.
 
Per quanto riguarda gli iPhone, i numeri sono comunque interessanti se consideriamo che è in vendita da circa 2 mesi solo tramite China Unicom con 300.000 iphone venduti, dei quali 100.000 solo nei primi 40 giorni.
 
Il recente lancio della rete 3G di China Unicom, che ha totalizzato un totale di 3 milioni di utenti 3G, con 800.000 nuovi clienti solo nell'ultimo mese, ha comunque supportato abbastanza bene le vendite di prodotto di medio e alto profilo, nonostante i modelli economici e ultra economici rappresentino ancora la maggior quota di fatturato.
 

iPhone sbarca in Cina a Ottobre con Unicom

 
Apple ha firmato oggi un accordo con la China Unicom per la distribuzione in Cina dell'iPhone.
 
Lo ha annunciato oggi la stessa Unicom. L' accordo, raggiunto dopo tre mesi di trattative, apre all'iPhone le porte del piu' grande mercato del mondo per i telefoni cellulari. In Cina gli utenti di cellulari sono 700 milioni.
 
L' Unicom afferma che l'iPhone sara' disponibile per i consumatori cinesi a partire dall'inizio del prossimo ottobre

Apple iPhone 5s - The new Touch ID fingerprint identity sensor


 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?