TomTom guida gli IPhone 3G S

 

L'annuncio era nell'aria ed è stato confermato in occasione del WWDC 2009

Scritto da Redazione il 10/06/09 | Pubblicata in iPhone | Archivio 2009

 
L'annuncio era nell'aria ed è stato confermato in occasione del WWDC 2009.

La nuova versione di iPhone, giunta alla 3.0 porta negli Apple iPhone 3G S la possibilità di utilizzare TomTom come navigatore Gps sfruttando le mappe di TeleAtlas.

Apple iPhone 3G S 

Il software di navigazione è scaricabile da App Store mentre dall'Apple Store è possibile acquistare il kit auto di navigazione con supporto e carica batteria per auto, indispensabile per utilizzare l'iPhone come navigatore per auto.

Questo accordo potrebbe presto portare il sistema di navigazione TomTom su oltre 20 milioni di iPhone, con tanti benefici dovuti all'aggiornamento delle mappe a pagamento, una delle principali fonti di entrata per i colossi dei navigatori.

Guida e Navigatori GPS: minore Impatto Ambientale

 
Impatto Ambientale: Riduzione dei Chilometri e del Tempo di Percorrenza

I test effettuati hanno provato che utilizzando un dispositivo di navigazione TomTom - rispetto all’impiego di mappe e metodi convenzionali - si riduce il numero di chilometri percorsi, in particolare quando si viaggia in zone sconosciute o verso destinazioni nuove.
La riduzione è quantificabile in circa il 6.5%, mentre il tempo che si risparmia è di circa l’11%, con un conseguente risparmio di carburante e un impatto minore sull’ambiente. 

Ecco alcuni dei risultati ottenuti negli altri paesi in cui è stata condotta la ricerca: in Germania l’80% dei guidatori si sente più padrone della situazione e il 66% più attento; in Spagna l’attenzione cresce per l’81% degli intervistati, mentre il 60% dei francesi e il 65% dei tedeschi si sente più sicuro. Anche l’attenzione, in generale, aumenta: in Germania lo afferma il 74% degli intervistati, in Usa il 59%, mentre il 77% degli inglesi e il 71% degli americani affermano di sentirsi meno stressati e più tranquilli. 

La Ricerca
Due sono state le metodologie adottate da TNO (Paesi Bassi) per determinare le risposte alla domanda “Quali sono gli effetti dell’utilizzo di un navigatore rispetto alla sicurezza stradale?”.
 
Prima di tutto è stata condotta un’indagine su un panel rappresentativo di utenti in Germania, Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Spagna e Italia. Inoltre, sono state condotte delle prove dirette di comportamento dei guidatori dagli istituti TUV e DLR e dal Virginia Tech Transportation Institute. La ricerca è durata circa 3 mesi e ha provato che il navigatore satellitare ha effetti positivi in termini di sicurezza stradale.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?