Impronte digitali, una foto basta per rubare identita'

Impronte digitali, una foto basta per rubare identita'

Un hacker dice che ha sviluppato un modo per copiare le impronte digitali utilizzando una fotocamera digitale comune. L'hacker ha dimostrato la sua teoria con una copia digitale di un'impronta digitale del ministro federale della difesa tedesco.

 

Scritto da , il 31/12/14

Seguici su

 
 

Un hacker dice che ha sviluppato un modo per copiare le impronte digitali utilizzando una fotocamera digitale comune.

Jan Krissler, un membro del più antico gruppo di hacker d'Europa, il Chaos Computer Club, ha fatto una dimostrazione della sua teoria alla Conferenza Computer Chaos che si è tenuta lo scorso Sabato. Ha dimostrato di aver una copia digitale di un'impronta digitale del ministro federale tedesco della difesa, Ursula von der Leyen, utilizzando il software chiamato VeriFinger, disponibile in commercio.

L'hacker ha detto che un fotografo ha scattato foto ad alta risoluzione delle dita von der Leyen, mentre era ad una presentazione nel mese di ottobre - il fotografo si trovava in piedi a nove metri di distanza dal ministro. Krissler ha detto che non era in grado di verificare se le impronte digitali di von der Leyen fossero precise, ma si è detto fiducioso che si trattava di una copia che poteva essere riutilizzata. "Ho provato con il mio dito in circostanze analoghe (stessa fotocamera, stessa distanza)", ha detto in una dichiarazione a CNET.com.

La presentazione di Krissler chiama in discussione l'efficacia degli scanner di impronte digitali come misura di sicurezza. Mentre questo tipo di tecnologia si trova in commercio dal 1990, è stato tirato in ballo il sistema di lettore di impronte digitali, che si chiama Touch ID, che la Apple ha introdotto nell'iPhone 5S, che potrebbe essere facilmente raggirabile. Anche Samsung e HTC hanno preso ispirazione dalla Apple aggiungendo un lettore di impronte digitali in alcuni loro smartphone. Il lettore sostituisce la necessità di immettere un codice per sbloccare un dispositivo o, nel caso del sistema di pagamenti in mobilità Apple Pay, completare un acquisto.

Mentre altri diversi hacker hanno dimostrato la poca efficacia dei lettori di impronte digitali subito dopo il lancio del sistema TouchID, questa tecnica di verifica ha sempre richiesto l'accesso fisico al fingerprint - fino ad ora.

Krissler è stato uno dei primi a dimostrare come simulare una impronta digitale con della colla per ingannare il TouchID dell'iPhone 5S. "Ci auguriamo che questo metta finalmente a riposare le illusioni delle persone sulla biometria delle impronte digitali," il portavoce di Chaos Computer Club, Frank Rieger, ha detto in una dichiarazione.

Jan Krissler - la dimostrazione



Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Impronte digitali, una foto basta per rubare identita'


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?