Google censura Blogger, Stop al porno

Google censura Blogger, Stop al porno

Google ha annunciato che gli utenti della sua piattaforma Blogger non saranno più in grado di condividere pubblicamente i video o le immagini sessualmente esplicite o di nudo sui loro blog. Pena l'invisibilità del blog.

 

Scritto da , il 25/02/15

Seguici su

 
 

Google ha annunciato che gli utenti della sua piattaforma Blogger non saranno più in grado di condividere pubblicamente i video o le immagini sessualmente esplicite o di nudo sui loro blog.

In passato la piattaforma di Google Blogger ha consentito ai proprietari di blog di condividere "immagini o video che contengono immagini di nudo o attività sessuale", e ha dichiarato che "censurare questi contenuti è in contrasto con un servizio che si basa sulla libertà di espressione".

Tuttavia, in un aggiornamento per la sua politica di contenuti per adulti, Google ha detto che ogni blog creato prima del 23 marzo 2015 che contiene contenuti espliciti o sessuali viene ora reso privato.

"Nessun contenuto sarà cancellato, ma il contenuto privato potrà essere visto solo dal proprietario o dagli amministratori del blog e le persone con cui il proprietario ha condiviso il blog con", ha detto Google.

Gli utenti possono scegliere se rimuovere o meno le immagini esplicite al fine di rendere pubbliche di nuovo le pagine che le contenevano o mantenere il loro blog privato - questo significa che, inoltre, il blog non comparirà più nei risultati di ricerca di Google.

Per qualsiasi blog creato dopo il 23 Marzo 2015, Google ha detto che potrebbe togliere il blog o intraprendere altre azioni severe se verranno inclusi contenuti sessualmente espliciti.

Tuttavia, Google ha detto che le eccezioni potrebbero esserci ma solo nel caso in cui il contenuto offra un "beneficio pubblico rilevante" per esempio nudo artistico, educativo, o in contesti di documentario o scientifico.

I blog che contengono contenuti non sessualmente espliciti ma la cui natura è comunque per adulti, saranno visibili previa un avviso per l'utente che gli indica che sta per entrare in un sito con 'contenuti per adulti'.

Google non ha rivelato il motivo del cambiamento che porterà sicuramente molti blog a diventare privati.

Tuttavia, Google ha detto che chi è gravemente infelice circa il cambiamento può esportare il blog come un file .xml o archiviare testi e immagini utilizzando Google Takeout e aprirsi un sito tutto suo, quindi non più ospitato su Blogger.


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Google censura Blogger, Stop al porno


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?