Je Suis Charlie, il sostegno arriva anche attraverso iPhone

Je Suis Charlie, il sostegno arriva anche attraverso iPhone

Coloro che desiderano esprimere la loro solidarieta' alla citta' di Parigi lo possono fare attraverso la nuova app per iPhone 'Je Suis Charlie'. Con l'applicazione, scaricabile gratuitamente dall'App Store, gli utenti potranno mettere in evidenza il sostegno alla campagna Je Suis Charlie.

 

Scritto da , il 15/01/15

Seguici su

 
 
Coloro che desiderano esprimere la loro solidarietà a Parigi ora sono in grado di farlo, attraverso la nuova iPhone app chiamata “Je Suis Charlie”, a seguito di una e-mail inviata all’ amministratore delegato di Apple.

L’ agenzia di stampa francese Nice-Matin ha personalmente mandato una e-mail a Tim Cook per richiedere che l'applicazione fosse approvata per essere inclusa in App Store; un processo che richiede in genere tra 10 e 15 giorni. Uno degli assistenti di Cook ha risposto entro 10 minuti, e l'applicazione è ora viva.

L'applicazione incoraggia gli utenti ad aggiungere la loro posizione a una mappa per indicare il loro sostegno alla campagna Je Suis Charlie, slogan che ha iniziato a circolare in internet poco dopo l'attacco alla sede della rivista Charlie Hebdo la settimana scorsa, in cui 12 persone sono state uccise.

Più di 110.000 utenti hanno condiviso la loro posizione con l'applicazione, la cui maggior parte con sede in Francia. Anche coloro che risiedono nel Regno Unito, Svezia, Italia e Germania hanno assicurato il loro sostegno.

Una versione di prova dell’ app ha preso circa 18 ore per lo sviluppo, ha riferito Nice-Matin. L' App è ora scaricabile gratuitamente da iTunes.

Apple è stata veloce ad esprimere la propria solidarietà a seguito dell'attacco, con la pubblicazione di un banner nero con la scritta “Je Suis Charlie” sulla homepage di Apple.fr.

Inoltre l'hashtag “Je Suis Charlie” di Twitter era presente in 3,4 milioni di tweets entro 24 ore dall'incidente, e al suo apice l’ hashtag è stato twittato a una velocità di 6.500 volte al minuto.

Il prossimo numero della rivista satirica conterrà le immagini del profeta Maometto, ha confermato l'avvocato Richard Malka."Non ci daremo per vinti, altrimenti tutto questo non avrà significato niente", ha detto a radio France Info. "l’humour senza autoironia non è umorismo. Prendiamo in giro noi stessi, i politici, le religioni, è uno stato d'animo che è necessario avere".

Più di 40 leader mondiali e 1,6 milioni di persone sono scese per le strade di Parigi domenica in una marcia unità.

Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Je Suis Charlie, il sostegno arriva anche attraverso iPhone


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?