USA, svolta storica per i domini web

 

Il governo degli Stati Uniti è pronto ad abbandonare il suo ruolo centrale nell'assegnazione dei nomi e dei domini su internet, a favore di una governance globale della rete

Scritto da Simone Ziggiotto il 17/03/14 | Pubblicata in Altro | Archivio 2014

 

USA, svolta storica per i domini web

Il governo degli Stati Uniti è pronto ad abbandonare il suo ruolo centrale nell'assegnazione dei nomi e dei domini su internet, a favore di una governance globale della rete.

Il Dipartimento del Commercio ha comunicato di aver convocato le grandi compagnie per discutere la materia, proponendo la rimozione del ruolo centrale del governo degli Stati Uniti nella gestione di Icann, il regolatore globale Internet responsabile della convalida nomi dei domini. L'ICANN ha l'incarico di assegnare gli indirizzi IP ed ha inoltre incarico di identificatore di protocollo e di gestione del sistema dei nomi a dominio di primo livello (Top-Level Domain) generico (gTLD), del codice internazionale (ccTLD) e dei sistemi di root server. Prima dell'ICANN c'era l'ente denominato IANA (Internet Assigned Numbers Authority) delegato con mandato governativo degli Stati Uniti d'America.

Se la decisione sarà presa, si tratterà di una svolta storica richiesta da tempo dall’Unione Europea, così come sarà la risposta concreta da parte dell’amministrazione Obama alla crescente preoccupazione dell’eccessiva capacità degli Stati Uniti di controllare la rete, in particolare nell'ultimo anno, da quando cioè è emerso lo scandalo NSA aperto da Edward Snowden, che ha rivelato alle persone di tutto il mondo i programmi di sorveglianza di massa ad opera della National Security Agency (l'Agenzia Nazionale per la sicurezza negli Stati Uniti).

L’Icann sul suo sito ufficiale dice che si tratta di una decisione "storica" per la rete, in quanto "Stiamo invitando governo, settore privato, società civile e altre organizzazioni Internet a unirsi a noi nella gestione di questo processo di transizione".

Da tempo l’Unione europea ha chiesto a Washington una iniziativa di questo genere, verso un nuovo modello cooperativo nella governance della Rete. L’idea è quella "di sostenere e rinforzare il modello di una governance globale di internet".

Secondo quanto prevede il piano dell’amministrazione Obama, la nuova governance dovrebbe assicurare che l’Icann rimanga un ente libero, le cui decisioni non potranno essere condizionate dalla politica dei governi, in grado quindi di garantire una rete aperta, accessibile, sicura e affidabile.

Cosa ne pensano i colossi del web? Dalle compagnie della Silicon Valley c'è l'interesse nell'appoggiare questo importante cambiamento, considerato un passo inevitabile dopo lo scandalo Dategate.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?