Raddoppia l'uso delle App rispetto a 1 Anno fa

 

Nel 2013 l'uso delle applicazioni su tablet, smartphones e lettori multimediali è più che raddoppiato rispetto ai 12 mesi precedenti

Scritto da Maurizio Giaretta il 14/01/14 | Pubblicata in Applicazioni | Archivio 2014

 

Raddoppia l'uso delle App rispetto a 1 Anno fa

Nel 2013 l'uso delle applicazioni su tablet, smartphones e lettori multimediali è più che raddoppiato rispetto ai 12 mesi precedenti. Un grande slancio arriva dai titoli di messaggistica istantanea. Ma sono sempre meno gli sviluppatori che riescono a raggiungere traguardi economici significativi.

Secondo i dati diffusi ieri da Flurry, in media le applicazioni sulle principali piattaforme mobili hanno fatto le corse nel 2013, crescendo in media del 115%. La società di analisi ha diviso i dati anche per categoria, scoprendo che quella con il maggior slancio è dedicata alla messaggistica (+203%).

Si sono comportati bene anche le app facenti parte del gruppo utilità e produttività, che sono cresciute del 149%. Più modeste, anche se pur sempre in crescita, sono state le prestazioni di musica, media e intrattenimento (+78%), moda e shopping (77%), videogiochi (66%), sport salute e benessere (49%) e notizie e riviste (+31%).

Alle 23.59 del 31 Dicembre le app hanno generato 4,7 miliardi di sessioni, facendo segnare il record annuale su base giornaliera. Su base annuale, invece, si è arrivati a quota 1.126 trilioni. Una sessione viene registrata quando un utente lancia l'applicazione.

Secondo Gartner ci sono più di 200 società che programmano app e a queste si devono aggiungere i milioni di sviluppatori. Non c'è dubbio che, come riportato da Flurry, vengano usate; tuttavia entro il 2016 il 94,5% dei download sarà destinato a titoli gratuiti. Se si considera l'accrescersi della concorrenza, nel 2018 solo lo 0,01% riuscirà a conseguire il successo economico.

Comunque sia, il merito di risultati simili è da attribuire a marchi conosciuti come WhatsApp, Line, Snapchat, Facebook Messenger e altri ancora. Molti altri (Weibo, QQ, Alipay, WeChat...) arrivano dal mercato cinese, che è in rapida crescita: un dato significativo, soprattutto se si considera che la Cina ha il più grande bacino di utenti al mondo.

I programmi di messaggistica istantanea hanno un grande potenziale economico. Si consideri per esempio il caso Xiaomi, che ha voluto lanciare uno smartphone in esclusiva per gli utenti cinesi di WeChat. Il risultato è stato il seguente: 150.000 unità vendute in appena 10 minuti.

"Il 2014 sarà un anno cruciale per queste applicazioni perchè determinerà se rimarranno indipendenti, seppur molto trafficate, o se diventeranno i principali veicoli per la vendita dei prodotti", scrive Flurry.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?