Cina: stop all'electro-shock contro dipendenza da internet

 

Dopo il forte criticismo dei media locali, il governo cinese ha vietato l'uso dell'electro-shock come terapia contro la dipendenza da internet, sostenendo che la pratica "non ha fondamenti nella ricerca clinica" (fonte: il sito governativo moh

Scritto da Maurizio Giaretta il 15/07/09 | Pubblicata in Browser | Archivio 2009

 

Dopo il forte criticismo dei media locali, il governo cinese ha vietato l'uso dell'electro-shock come terapia contro la dipendenza da internet, sostenendo che la pratica "non ha fondamenti nella ricerca clinica" (fonte: il sito governativo moh.gov.cn) e mettendone in dubbio l'effettiva utilità.

L'annuncio del Ministero della Salute arriva a seguito delle notizie che riguardavano un particolare psichiatra di Linyi, nella provincia di Shandong, che aveva praticato la "terapia" a circa 3.000 teenagers che trascorrevano troppo tempo a navigare in internet.

Il Governo Cinese ha sostenuto per oltre un anno una campagna contro la dipendenza da internet, sostenendo che trascorrere troppo tempo agli internet cafè (che in Cina sono molto diffusi) provochi ai giovani un peggioramento del rendimento scolastico e della vita familiare.

La Cina è il paese più popoloso del mondo. Come tale detiene anche il record di utenti di internet. Secondo il China Internet Network Information Center essi sono circa 300 milioni.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?