Chromebook Samsung Serie 5 disponibile in USA

 

Sono iniziate negli Stati Uniti le vendite del primo laptop con sistema operativo di Google Chrome OS

Scritto da Simone Ziggiotto il 16/06/11 | Pubblicata in Google | Archivio 2011

 
Google chromeSono iniziate negli Stati Uniti le vendite del primo laptop con sistema operativo di Google Chrome OS.

Il primo Chromebook ad essere commercializzato è un modello del produttore Samsung e si basa principalmente sul nuovo sistema operativo ideato da Google che sostituisce i software installati nei computer con applicazioni che per funzionare fanno affidamento al browser internet che consente inoltre di archiviare i file online tramite cloud.

Google sostiene che la tecnologia permette un nuovo modo di computing, eliminando la necessità di utilizzo di software anti-virus o unità ottiche. Tuttavia, molte applicazioni disponibili per Windows, Mac e Linux non esistono ancora per Chrome.

Il Chromebook di Samsung sarà disponibile nei modelli solo WiFi oppure WiFi e 3G (rete UMTS) al prezzo di vendita Italiano di 399 euro  e di 459 euro rispettivamente. Oltreoceano le vendite sono iniziate con prezzi che sono di 429 dollari per la versione solo WiFi e di 499 dollari la versione WiFi e 3G.

Chromebook Samsung serie 5

In italia è già possibile preacquistare il Samsung Chromebook serie 5 nel sito ufficiale, mentre la disponibilità effettiva delle spedizioni è previsto per il prossimo 28 giugno per la versione solo WiFi e per il 25 luglio per la versione WiFi piu' 3G.

Prossimamente sarà in vendita anche anche in Italia un secondo Chromebook, prodotto da Acer, del quale negli Stati Uniti le spedizioni dovrebbero iniziare al piu' presto.

Sundar Pichai, vice presidente senior per Chrome, ha detto in occasione del lancio il mese scorso:

"La maggior parte delle persone trascorrono tutto il loro tempo sul web [...] credo che l'uso del computer sarà molto più semplice, più sicuro e più veloce."

Google Chromebook Acer

Alcune prime recensioni di Google Chrome OS hanno criticato il sistema per la sua scarsa usabilità in modalità offline. In merito a queste ultime, Ruper Goodwins da ZDNet ha detto:

"Per tutte le cose che si fanno sul browser web, questo funziona davvero bene - meglio di ogni altra cosa, ma per tutte le cose che si fanno sul desktop, non va bene."

Per dare un giudizio definitivo al funzionamento o meno dei Chromebook non resta che aspettare l'uscita per poterli testare, anche se effettivamente l'idea che per poter accedere ai nostri file personali serva per forza una connessione ad internet non è tra le migliori cose, considerando anche lo stato in cui in Italia ci ritroviamo con i servizi di banda larga che non sempre funzionano al meglio.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?