Coronavirus, online la mappa per visualizzare e tracciare i casi segnalati nel mondo

Coronavirus, online la mappa per visualizzare e tracciare i casi segnalati nel mondo

Lo scopo della mappa, pubblicamente consultabile, è di fornire al pubblico una comprensione della situazione dell'epidemia di Coronavirus mentre si sviluppa.

 

Scritto da il 03/02/20 | Pubblicato in | | | Archivio 2020

Seguici su

 
 

Il Center for Systems Science and Engineering (CSSE) della Johns Hopkins University, in risposta all'emergenza di sanità pubblica in corso dell'epidemia dell'influenza da Coronavirus, ha sviluppato una dashboard online dove è possibile visualizzare e tracciare i casi segnalati su una scala globale, con lo scopo di fornire al pubblico una comprensione della situazione dell'epidemia mentre si sviluppa, con fonti di dati trasparenti.

I dati visualizzati sono raccolti da varie fonti, tra cui WHO, U.S. CDC, ECDC China CDC (CCDC), NHC and DXY. Il DXY è un sito web cinese che aggrega i rapporti sulla situazione di NHC e CCDC locali in tempo quasi reale. I casi negli Stati Uniti (confermati, sospetti, recuperati, decessi) sono presi dal CDC degli Stati Uniti e tutti i dati dei casi di altri paesi (sospetti e confermati) sono presi dai corrispondenti dipartimenti sanitari regionali.

Il Center for Systems Science and Engineering (CSSE) è un collettivo di ricerca ospitato all'interno del Dipartimento di ingegneria civile e dei sistemi (CaSE) presso la Johns Hopkins University (JHU) con sede a Washington, DC (USA). In questa facoltà, i ricercatori e gli studenti lavorano su una serie di problemi complessi e interdisciplinari, uniti dall'obiettivo di comprendere e migliorare meglio i sistemi sociali, sanitari e tecnologici per tutti.

La mappa è facilmente consultabile su desktop e dispositivi mobili all'indirizzo web gisanddata.maps.arcgis.com/apps/opsdashboard/index.html#/bda7594740fd40299423467b48e9ecf6

Al momento in cui scriviamo, la mappa mostra che sono stati confermati 17.459 casi di persona contagiate da Coronavirus, la cui maggiorparte si trova in Cina (17.276). In Italia i casi sono 2, meno che in Canada (4), United Arab Emirates (5), Vietnam (6), Francia (6), Malesia (8), Macau (8), Taiwan (10), Germania (10), Stati Uniti (11), Australia (12), Corea del Sud (15), Hong Kong (15), Singapore (18), Tailandia (19), Giappone (20).
I decessi mappati sono 362, al momento in cui scriviamo, mentre i ricoverati risultano essere 489.

La mappa resterà aggiornata in tempo reale ed è consultabile gratuitamente.

Leggi anche:
Leggi anche:
 
Coronavirus - casi in Italia al 3 febbraio 2020 ore 9:15
Coronavirus - casi in Italia al 3 febbraio 2020 ore 9:15
 

Nel blog della Johns Hopkins University (JHU) è stato riassunto il caso 'coronavirus' che qui di seguito proviamo a riepilogare.

In data 31 dicembre 2019, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) è stata informata di un focolaio di "polmonite da causa sconosciuta" rilevata nella città di Wuhan, provincia di Hubei, Cina - la settima città della Cina con 11 milioni di residenti. Il 23 gennaio 2020 erano oltre 800 i casi confermati a livello globale, inclusi casi in almeno 20 regioni in Cina e nove paesi/territori. I primi individui infetti segnalati, alcuni dei quali hanno manifestato sintomi già dall'8 dicembre, sono stati scoperti nel mercato di frutti di mare della Cina meridionale di Wuhan. Successivamente, il mercato è stato chiuso l'1 gennaio. Il virus che ha causato l'epidemia è stato rapidamente determinato come un nuovo coronavirus ("2019-nCoV"). Il sequenziamento genico ha determinato che si tratta di un virus correlato al virus della sindrome respiratoria mediorientale (MERS-CoV) e al virus della sindrome respiratoria acuta grave (SARSCoV). 

Il 13 gennaio, la Tailandia ha riportato il primo caso internazionale fuori dalla Cina, mentre i primi casi all'interno della Cina, ma al di fuori di Wuhan, sono stati segnalati il ​​19 gennaio, a Guangdong e a Pechino. Il 20 gennaio, la National Health Commission (NHC) della Cina ha confermato che il coronavirus può essere trasmesso tra esseri umani. Lo stesso giorno sono state confermate anche infezioni umane con 2019-nCoV in Giappone e Corea del Sud, e il giorno seguente sono stati rilevati casi negli Stati Uniti e in Taiwan in viaggiatori di ritorno da Wuhan. Il 21 gennaio diverse province cinesi hanno anche riferito di nuovi casi e l'infezione è stata confermata in 15 operatori sanitari, con sei vittime segnalate. Ulteriori casi sono stati confermati ad Hong Kong, Macao, Singapore e Vietnam. Il 22 gennaio, un comitato di emergenza dell'OMS si è riunito per discutere se l'epidemia dovesse essere classificata come un'emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale (PHEIC) ai sensi dei regolamenti sanitari internazionali, ma inizialmente erano indecisi a causa della mancanza di informazioni. Nel tentativo di mitigare la trasmissione locale in Cina, sono state implementate strategie di controllo delle epidemie senza precedenti in (inizialmente) tre città. Il 23 gennaio 2020, Wuhan ha sospeso tutti i trasporti pubblici e i viaggi aerei (dentro e fuori la città), mettendo tutti gli 11 milioni di residenti in città in quarantena. Il 24 gennaio, Huanggang ed Ezhou, città adiacenti a Wuhan, sono state anch'esse poste sotto una quarantena simile, con altre città in Cina che ora seguono l'esempio. Inoltre, molte città hanno cancellato le celebrazioni per il capodanno cinese.

Poiché Wuhan è un importante snodo del trasporto aereo nella Cina centrale, sono state prese varie misure su scala globale per mitigare la diffusione internazionale. Negli Stati Uniti, il CDC ha iniziato lo screening di ingresso dei passeggeri su voli diretti e di collegamento da Wuhan ai tre principali porti di ingresso il 17 gennaio 2020, con Atlanta e Chicago presto essere aggiunto. Il 23 gennaio il CDC degli Stati Uniti ha innalzato il suo avviso di viaggio per Wuhan, in Cina, al più alto dei tre livelli. Altri paesi del Pacifico e dell'Asia, tra cui Malesia, Sri Lanka, Bangladesh e India, stanno ora conducendo controlli mirati sui passeggeri negli aeroporti.

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria