Android Marshmallow: le 20 nuove funzioni piu' importanti

Android Marshmallow: le 20 nuove funzioni piu' importanti

Android M non porta delle modifiche drastiche come e' accaduto con Lollipop. I cambiamenti e i miglioramenti saranno invece piu' sensibili. Viene modificata la schermata di blocco, la griglia delle applicazioni, la gestione del volume, arriva la modalita' notte, il System UI Tuner, nuove opzioni di risparmio energetico, la modalita' Non Disturbare, migliora la gestione dei permessi delle app e molto altro ancora.

 

Scritto da , il 30/09/15

Seguici su

 
 

Android M (Marshmallow) non è una rivoluzione in termini di aspetto e di funzioni così com'è stato Android 5.0 Lollipop. Tuttavia in dote ha numerose nuove caratteristiche e miglioramenti. In questo articolo andiamo alla scoperta di tutto ciò che c'è da conoscere a proposito.

Su Android M è principalmente una questione di piccoli cambiamenti. Piccoli ma efficaci.

Schermata di blocco
Il testo usato per mostrare l'ora è più consistente (in grassetto) rispetto a Lollipop. Può contribuire a facilitare la lettura.

Pannello delle notifiche
Sempre nella schermata di blocco è stato migliorato anche il pannello delle notifiche; mentre in Lollipop aggiungeva veramente poche informazioni, ora consente di accedere al menu delle impostazioni veloci. Le notifiche compaiono proprio sotto di esso.

Ricerche vocali
E' possibile fare ricerche vocali attraverso Google Now anche dalla schermata di blocco. Basta strisciare il dito dal basso a sinistra verso il centro dello schermo.

Griglia delle applicazioni
La griglia (o il cassetto) delle applicazioni ha subito una lieve modifica. Le app sono elencate in un'unica pagina e per trovarle è sufficiente scorrerla verso il basso. Prima la griglia era organizzata su più pagine da scorrere in senso laterale.

Ricerca delle app
Siccome le applicazioni installate sul dispositivo sono sempre più numerose, per facilitarne la ricerca è stata pensata una barra di accesso rapido che elenca le più usate. Lo stesso pannello compare anche quando si fa una ricerca dalla schermata home oppure da quella di Google Now.

Disinstallazione veloce
Le applicazioni possono essere disinstallate senza abbandonare la schermata Home. Prima su Lollipop c'era solo modo di rimuovere il collegamento; ora le si può disinstallare in toto.

Segregazione del volume
Si possono impostare livelli del volume diversi per la riproduzione multimediale, per le sveglie e per le suonerie.

Impostazioni
Le impostazioni del dispositivo e le impostazioni di Google, che nelle versioni precedenti di Android erano due voci separate, diventano un tutt'uno. Ora è sufficiente andare sulle impostazioni dello smartphone o tablet e poi su "Google".

 
Le app piu' usate su Android M: ricerca delle app
Le app piu' usate su Android M: ricerca delle app
 

Modalità notte
Sembra che Google si sia decisa a cambiare la classica schermata delle impostazioni, dando la possibilità di trasformarla da bianca a nera. La modalità notte (dark mode) è benvenuta specialmente da tutti coloro che hanno un dispositivo con schermo AMOLED, poichè consente di risparmiare energia.

System UI Tuner
Per gli sviluppatori è comparso un nuovo menu di impostazioni chiamato SystemUI Tuner che consente di sistemare vari aspetti dell'interfaccia del telefono, per esempio le impostazioni veloci e la barra di stato. Per le impostazioni veloci, è possibile selezionare le icone da mostrare. Per attivarlo, andare su Impostazioni > Opzioni Sviluppatore e mettere "On" sulla voce SystemUI Tuner.

Risparmio batteria per applicazione
Su Lollipop abbiamo imparato a conoscere la modalità di risparmio energetico, che limita le prestazioni del processore e lo scambio dei dati in background. Con Android M arriva Doze, una funzione che limita il funzionamento in background delle app quando il telefono non viene usato per un pò. E' interessante in fatto che si possa impostare questa funzione applicazione per applicazione. Per accedere alla modalità, andare su Impostazioni > Batteria, poi sul menu in alto a destra. Premere su Ignora. Poi è sufficiente inserire il nome dell'app da escludere.

Leggi anche:
Leggi anche: Android M: risparmio energetico con Doze, ecco test su Nexus 5

Notifiche fluttuanti
Su Android Lollipop all'arrivo di una notifica si viene avvisati con una piccola scheda volante che compare in alto sulla schermata in uso. Con Android M la situazione può essere modificata: queste notifiche possono essere disattivate. Andare su Impostazioni > Suoni e notifiche > Notifiche Applicazioni. Fare tap sull'applicazione dalla quale non si vogliono più ricevere gli avvisi e infine attivare la voce "Allow peeking".

Modalità Non Disturbare
Per gestire meglio gli allarmi, nella nuova modalità "Do Not Disturb" si possono impostare orari e giorni in cui le notifiche non debbano disturbare. Durante gli orari o i giorni di coprifuoco, a queste si può assegnare anche il livello di importanza (tutte, nessuna o priorità).

Posizione via Bluetooth
Un altro modo che può essere abilitato dallo smartphone per accedere alla posizione è l'uso del Bluetooth.

Permessi delle app
Finalmente arriva un sistema che controlla i permessi delle applicazioni. Andare su Impostazioni > Applicazioni, selezionare l'icona del menu in alto a destra e poi su Permessi delle App. Da qui si può vedere quali app hanno accesso a che cosa. Si possono anche rimuovere i permessi.

Gestione della memoria
La schermata della memoria in uso, quella che mostra le applicazioni attive sul dispositivo (andare su Impostazioni > Applicazioni e poi fino alla scheda "In uso"), ha ricevuto una rinfrescata. Ora si possono vedere con maggiore dettaglio le applicazioni che consumano più memoria.

App di default
E' stata organizzata una schermata per le applicazioni di default (per esempio quale browser usare per l'apertura di un link, la fotocamera da usare, l'applicazione di messaggistica predefinita, eccetera). Su Lollipop queste voci esistevano già, ma su Android M sono state rese più organiche; sono state organizzate meglio per semplificare la vita agli utenti.

Copia e incolla
Il menu per selezionare, copiare, tagliare e incollare un testo è leggermente modificato e ora da la possibilità di fare più cose: a fianco di questi comandi c'è anche un pulsante che consente di scegliere tra più opzioni.

Screenshot
Ora è possibile, dopo aver immortalato uno screenshot, scegliere se condividerlo o se eliminarlo istantaneamente.

Rotazione home
Anche la pagina principale del telefono su Android M può essere visualizzata in modalità orizzontale. Prima su Lollipop era bloccata in verticale.

Che cosa ne pensate delle modifiche in arrivo con Android M? Fatecelo sapere direttamente qui, oppure attraverso i social network.

Leggi anche:

Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Android Marshmallow: le 20 nuove funzioni piu' importanti


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?