Recensione Wiko Fever, Smartphone da 199 euro davvero interessante

Recensione Wiko Fever, Smartphone da 199 euro davvero interessante

 

Scritto da , il 02/01/16

Seguici su

 
 

Wiko Fever 4G è sicuramente lo Smartphone dell'azienda Francese che più ha suscitato interesse negli utenti nelle ulte settimane, dopo avervi mostrato l'unboxing completo ed aver testato in maniera approfondita il dispositivo è ora arrivato il momento di tirare le somme nella nostra recensione completa.

Iniziamo parlando del prezzo, fattore che solitamente citiamo per ultimo, dato che in questo caso per 199 euro in Italia è difficile trovare di meglio sia parlando di dotazione Hardware, di esperienza utente o di dotazione nella confezione (ci sono sia gli auricolari che gli adattatori per le Sim).

Materiali, costruzione, ergonomia e design:

Nonostante lo Smartphone sia stato lanciato a meno di 200 euro i materiali sono di tutto rispetto dato che troviamo vetro Gorilla Glass 3 antigraffio, resistente alle impronte e curvo a 2,5D nei lati, metallo per quanto riguarda la cornice e plastica sul retro che riprende la trama della vera pelle.

Tutto sommato la costruzione è buona e non si sentono particolari scricchiolii durante l'utilizzo quotidiano (qualcuno potrebbe verificarsi), ottimo considerando che la cover posteriore è di tipo rimovibile.

Fortunatamente mentre tutti si ostinano a presentare Smartphone oltre i 5,5 pollici Wiko ha deciso di puntare sui 5,2 e questo permette al Fever di essere maneggevole e compatto, non è assolutamente impossibile utilizzarlo con una mano.

Esteticamente sembra un mix di tanti modelli, un mix vincente e che sinceramente ci ha convinto.

 
Display Wiko Fever
Display Wiko Fever
 
Leggi anche:

Hardware:

Wiko Fever 4G offre un display come detto in precedenza da 5,2 pollici con risoluzione Full HD 1920 x 1080 pixel, tecnologia LED IPS e densità di 424 pixel per pollice, la qualità è davvero ottima sotto tutti gli aspetti e tramite le impostazioni possiamo addirittura calibrare la temperatura del colore nel caso preferiamo una gamma cromatica più accesa o più naturale.

Sotto al cofano troviamo il processore Mediatek MT6753 Octa Core con Cortex di tipo A53 e clock di 1,3 Ghz, GPU Mali T720 e ben 3 GB di memoria RAM, tutto gira fluido e senza il minimo rallentamento, il dispositivo non scalda e la memoria RAM permette di utilizzare molte applicazioni in contemporanea senza affaticare il lavoro del Chip.

Togliendo la cover posteriore accediamo invece ai due Slot Sim Micro (entrambi con possibilità di utilizzare LTE), alla micro SD per espandere fino ad un massimo di 64 GB i 16 GB presenti interamente ed alla batteria da 2900 mAh non rimovibile, batteria che durante i nostri test ci ha permesso praticamente sempre di arrivare a sera con circa quattro ore di display attivo anche nelle giornate più impegnative.

Importante parlare invece della ricezione (stiamo provando pur sempre un telefono) e dell'audio, la rete ha sempre un segnale forte e stabile e ci ha permesso sempre di telefonare anche se l'uscita dal Roaming Tre a volte non è stata proprio velocissima mentre l'audio è buono sia in capsula che dallo speaker, siamo riusciti a parlare anche in ambienti molto affollati.

 
Fotocamera Wiko Fever
Fotocamera Wiko Fever
 

Parliamo ora di fotocamere, nella parte anteriore troviamo un sensore da 5 megapixel provvisto addirittura di LED Flash che scatta delle foto discrete mentre sul retro troviamo un più classico 13 megapixel sempre con LED Flash e possibilità di registrare video in Full HD a 30 frame per secondo (trovate un nostro test a fine articolo).

Le fotografie scattate non sono male anche se sicuramente abbiamo visto fotocamere migliori, il nostro dubbio è che il software che gestisce lo scatto automatico non sia in questo momento perfettamente ottimizzato dato che utilizzando la modalità manuale (non scontata la sua presenza in un prodotto di questa fascia) e giocando con i parametri si riesce a migliorare di molto la qualità generale.

Se volete visionare l'intera galleria d'immagini scattata con il prodotto potete dare un'occhiata al seguente indirizzo.

 
Wiko Fever 4G
Wiko Fever 4G
 

Software:

Attualmente troviamo Android 5.1 Lollipop personalizzato dall'interfaccia di Wiko, durante la nostra settimana di test abbiamo ricevuto due aggiornamenti Software quindi Wiko sta effettivamente lavorando per ottimizzare al meglio le prestazioni.

Integrato troviamo il Launcher di Wiko, bello ma non perfetto dato che sono attualmente poche le possibilità di personalizzazione (non è possibile utilizzare icone modificate e quelle disegnate dall'azienda sono troppo diverse da quelle delle altre applicazioni) ma soprattutto c'è una differenza sostanziale parlando di dimensioni tra le icone di Wiko e "le altre".

Nel completto comunque tutto gira in maniera fluida, il software è semplice e fedele alla versione Stock di Google ma integra alcune migliorie interessanti come per esempio nell'interfaccia fotocamera semplice, pulita ed essenziale.

Conclusioni:

Nel complesso è un prodotto che consigliamo assolutamente a tutti coloro che pretendono uno Smartphone dalle ottime prestazioni senza svuotare del tutto il conto corrente, tra l'altro davvero interessante la "chicca" della cover che si illumina (feature molto più evidente nel modello bianco piuttosto che nel nero).

Vi lasciamo ora alla nostra recensione video completa del prodotto e vi invitiamo come sempre ad iscrivervi al nostro canale Youtube in modo da rimanere sempre aggiornati, buona visione.

Recensione Wiko Fever 4G da Pianetacellulare.it


Wiko Fever 4G Test video Full HD 1080p



Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Recensione Wiko Fever, Smartphone da 199 euro davvero interessante


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?