Recensione Meizu M3 Note, non chiamatelo medio gamma

Recensione Meizu M3 Note, non chiamatelo medio gamma

Meizu M3 Note arriva sul mercato Italiano, vale la pena acquistarlo? Scopriamolo insieme nella nostra recensione del prodotto in cui vi mostriamo pregi e difetti di questo nuovo Smarphone di fascia media.

 

Scritto da , il 13/11/16

Seguici su

 
 

Oggi proviamo il nuovo Meizu M3 Note, Smartphone di fascia media che ha il compito di convincere gli utenti dopo il già ottimo lavoro svolto dal precedente modello.

Abbiamo già effettuato l’unboxing del prodotto in cui vi abbiamo mostrato il contenuto della confezione quindi salteremo questa parte, vi ricordiamo però che il prodotto è disponibile ad un prezzo molto interessante presso lo store di Honorbuy.it che spedisce dall’Italia ed offre due anni di garanzia (sempre in territorio Italiano), è sempre attivo il codice sconto PIANETACELLULARE.

 
Meizu M3 Note
Meizu M3 Note
 

Hardware:

Il prodotto offre un processore Mediatek Helio P10 Octa Core formato da un Quad Core da 1,8 Ghz ed uno da 1 Ghz (in entrambi casi i Cortex sono di tipo A53), 2 GB di RAM, 16 GB di memoria interna espandibile via Micro SD sacrificando uno Slot Sim e GPU Mali T860.

Precisiamo subito che esiste anche una variante da 32 GB che offre 3 GB di RAM, la versione base che abbiamo testato noi comunque gira già in maniera incredibilmente fluida e non offre impuntamenti o lag, anche i giochi più pesanti come Modern Combat 5 sono pienamente apprezzabili.

Nella parte anteriore troviamo un display da 5,5 pollici LED IPS Full HD, non cambia la tecnologia rispetto al precedente modello ma migliora leggermente la qualità, i colori sono molto accesi (a volte non del tutto naturali ma è possibile calibrarli dalle impostazioni) e la visibilità in esterno è davvero molto buona.

Nella parte anteriore è incastonato un tasto “smart” che integra un lettore delle impronte digitali molto veloce e preciso ed offre il riconoscimento del tocche oltre che ovviamente della pressione.

Per terminare il discorso Hardware generale dobbiamo dire che il GPS è molto veloce e preciso nel fix, il Wi-Fi ha un segnale stabile ma è leggermente lento come velocità di navigazione (problema software che Meizu sistemerà in futuro), la parte telefonica offre una ricezione molto potente (manca la banda ad 800 mHz) ed un’audio soddisfacente sia in capsula che tramite altoparlante e la batteria da ben 4100 mAh ci porterà a sera senza problemi con oltre 4 ore e 30 di display attivo con praticamente ogni utilizzo.

Leggi anche:
 
Meizu M3 Note
Meizu M3 Note
 

Fotocamere:

Nella parte anteriore troviamo un sensore da 8 megapixel di discreta qualità mentre sul retro è alloggiata una 13 megapixel con LED Flash a luce calda e fredda e quindi doppio.

Le fotografie sono di buona qualità ma nettamente migliorabili via Software con qualche aggiornamento, abbiamo notato una difficoltà nella riproduzione dei colori forti che risultano molto impastati ed un rumore quando scattiamo con poca luce molto evidente, gli ultimi aggiornamenti che abbiamo ricevuto comunque parlano di miglioramenti proprio al comparto fotografico quindi molto probabilmente Meizu sta ancora cercando la giusta calibrazione.

Vi ricordiamo che potete visionare gli scatti realizzati con il prodotto a risoluzione originale al seguente indirizzo mentre a fine articolo nel filmato della recensione abbiamo integrato un test in Full HD a 30 frame per secondo ovvero la massima risoluzione.

Leggi anche:
 
Meizu M3 Note
Meizu M3 Note
 

Design ed estetica:

Due parole vanno spese anche per quanto riguarda la parte estetica dato che Meizu non è conosciuta per originalità sotto questo aspetto (tutti gli ultimi modelli sono molto simili) ma qui qualcosa è finalmente cambiato.

Viene introdotto un vetro curvo a 2,5D molto bello da vedere e da toccare mentre sul retro la linea Note passa dalla plastica al metallo e cambia leggermente il design introducendo ora forme più decise.

Il mix funziona e dobbiamo ammettere che ci ha convinto, tra le mani il prodotto è solido e non scricchiola e questo è un’aspetto da non tralasciare dato che parliamo di un prodotto di fascia media.

 
Meizu M3 Note
Meizu M3 Note
 

Software:

Android è presente in versione 5.1 Lollipop ma presto arriverà Marshmallow mentre l’interfaccia è la Flyme 5.1.

Questo “Launcher”, anche se in realtà è una vera e propria ROM, è bello da vedere, personalizzabile e spettacolare da utilizzare grazie anche alle gesture integrate che ci permettono di aprire il multitastking o le notifiche senza utilizzare due mani nonostante parliamo essenzialmente di un Phablet.

Detto questo il software gira fluido sempre ma ci sono un paio di cose da sapere, la prima è che manca la lingua Italiana ma per questo abbiamo trovato la soluzione (vi lasciamo una video guida per installarla direttamente a fine articolo) e la seconda è che ogni volta che installerete una nuova applicazione dovrete recarvi nel menu sicurezza e dare il consenso di notifica altrimenti le applicazioni vengono stoppate quando blocchiamo lo schermo per risparmiare dati e batteria.

 
Meizu M3 Note
Meizu M3 Note
 

Conclusioni:

Meizu M3 Note costa poco e nei prossimi mesi costerà ancora meno ma nonostante questo offre molto sia in termini di Hardware che in termini di esperienza utente, ovviamente non è un prodotto perfetto come abbiamo visto (il prodotto perfetto ancora non esiste) ma rimane sicuramente una proposta valida ed alternativa se siete alla ricerca di un nuovo Smartphone.

Non ci resta che lasciarvi alla recensione video in cui mettiamo sotto stress il prodotto invitandovi come sempre ad iscrivervi al nostro canale Youtube ed al nostro canale Telegram in modo da rimanere sempre aggiornati ed aiutarci a crescere, buona visione.

Recensione Meizu M3 Note ITA


Come installare lingua Italiana su Smartphone senza Root



Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Recensione Meizu M3 Note, non chiamatelo medio gamma


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?