Recensione Honor 8 Pro, il Top di gamma che costa meno

Recensione Honor 8 Pro, il Top di gamma che costa meno

 

Scritto da , il 10/05/17

Seguici su

 
 

Honor 8 diventa Pro ed aumentano prezzo, dimensioni ma anche Hardware e prestazioni, dopo averlo visto nel nostro unboxing con prime impressioni andiamo al sodo e cerchiamo di capire se questa è una valida proposta del panorama Smartphone Android.

Esteticamente la filosofia non cambia e soprattutto nell’anteriore sembra appunto un Honor 8 ingrandito mentre sul retro la scocca diventa in metallo, la presa è buona nonostante le dimensioni anche se indubbiamente a volte scivola ma mai in maniera eccessiva.

La costruzione di questo Smartphone è eccezionale, impossibile sentire uno scricchiolio o trovare un difetto nell’assemblaggio.

Davanti regna l’enorme display da 5,7 pollici LED IPS Quad HD da 2560 x 1440 pixel e 515 ppi che per una volta troviamo sensati dato che in confezione viene fornito un visore VR che sfrutta quindi a pieno tutta questa densità.

La qualità è molto buona parlando di visibilità in esterno grazie alla funzione che aumenta i contrasti ed anche parlando di colori che possiamo impostare a nostro piacimento, non perfetti i neri ma è ovvio parlando di uno schermo a LED e luminosità automatica leggermente pigra al momento ma risolvibile con un aggiornamento software.
 

 

Il cuore del prodotto è un tripudio di potenza dato che troviamo il chip Kirin 960 Octa Core da 2,4 Ghz, 6 GB di RAM, GPU Mali G71 e 64 GB di memoria interna espandibile via Micro SD fino a 256 GB sacrificando uno dei due slot Sim.

Honor 8 Pro è velocissimo sempre e soprattutto nei caricamenti molto pesanti riesce a dare il meglio di se, inutile dire che anche nei giochi non troviamo rallentamenti anche se la scocca leggermente scalda quando viene messo sotto stress, mai comunque fino a dar fastidio.

Ad alimentare il tutto troviamo 4000 mAh con ricarica rapida, siamo solamente alla prima release software quindi il margine di miglioramento c’è, si chiudono comunque 4 ore e 30 minuti di display attivo in media in giornate intense di utilizzo.
 

 

Parlando di fotocamere troviamo davanti un sensore da 8 megapixel con qualità buona e sul retro un doppio sensore da 12 megapixel con LED Flash, uno è a colori ed uno in bianco e nero come per tradizione Honor.

Gli scatti catturati dal prodotto sono di buona qualità per dettaglio e colori anche quando esportiamo le immagini sul pc, difetti particolari non ne troviamo anche se forse l’HDR è troppo poco marcato rispetto alla funzione automatica.

Ovviamente quando cala la luce cala anche la qualità e qui l’apertura focale di 2,2 non è d’aiuto, rimangono comunque scatti di buon livello e soprattutto giocando con le impostazioni la qualità migliora rispetto alla modalità totalmente automatica.

Vi ricordiamo che al seguente indirizzo potete trovare l’intera galleria di foto scattata con il prodotto a risoluzione originale mentre nella recensione video a fine articolo trovate i filmati di test registrati con il device in questione.

L’audio è buono per volume ma come sempre manca di bassi, lo speaker è singolo e dalla capsula altoparlante invece la qualità è molto buona.

 

 

Parlando di ricezione troviamo un buon Wi-Fi a 2,4 e 5 Ghz, GPS molto veloce e preciso e rete LTE Plus che praticamente mai ci ha lasciato senza connessione, anche nella nostra cantina dove passiamo in Roaming Tim avendo operatore Tre riusciamo a tornare velocemente alla connessione dati.

Passando al software non troviamo particolari novità dato che c’è Android 7.0 Nougat con interfaccia Emotion UI 5.1 che abbiamo già conosciuto in passato, il launcher è personalizzabile dall’utente con temi, transizioni, widget, possibilità di scegliere o meno l’app drawer e molto altro ancora.

Rispetto ad Honor 8 non troviamo la possibilità di cliccare il lettore delle impronte che rimane comunque fulmineo ma ci sono le gesture ad esso dedicate, in generale comunque apprezzato il sistema operativo che con questa versione di Android è migliorato moltissimo per stabilità ma soprattutto usabilità grazie alle nuove notifiche interattive.

Per gli amanti della funzione in questione segnaliamo la presenza della porta ad infrarossi per utilizzare lo Smartphone come fosse un telecomando.

Arrivando alle conclusioni Honor 8 Pro costa 549 euro, non un prezzo eccessivo considerando l’Hardware avanzato e soprattutto i listini dei concorrenti ma non sicuramente un posizionamento semplice dato che ci sono diverse proposte che tengono testa a questo prodotto, a noi nel complesso è piaciuto e non possiamo far altro che consigliarlo se cercate un dispositivo dal display grande senza rinunce.

Vi lasciamo ora alla nostra prova video in cui vi mostriamo come il prodotto effettivamente gira, non dimenticatevi di iscrivervi al nostro canale Youtube ed al nostro canale Telegram, buona visione!

Recensione Honor 8 Pro, il Top di gamma che costa meno



Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Recensione Honor 8 Pro, il Top di gamma che costa meno


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?