Apple: Ogni individuo ha diritto a Privacy e Sicurezza

Apple: Ogni individuo ha diritto a Privacy e Sicurezza

Il CEO di Apple Tim Cook ha fortemente difeso i consumatori, dicendo che 'tutti hanno diritto alla privacy e alla sicurezza'. Il capo della società di tecnologia più grande al mondo, intervenendo al vertice sulla cybersecurity del presidente Barack Obama a Palo Alto, in California, ha chiesto al governo e alle altre società di lavorare insieme per evitare che i consumatori non siano protetti.

 

Scritto da , il 16/02/15

Seguici su

 
 

Il CEO di Apple Tim Cook ha fortemente difeso i consumatori, dicendo che "tutti hanno diritto alla privacy e alla sicurezza". Il capo della società di tecnologia più grande al mondo, intervenendo al vertice sulla cybersecurity del presidente Barack Obama a Palo Alto, in California, ha chiesto al governo e alle altre società di lavorare insieme per evitare che i consumatori non siano protetti.

"Quando si tratta di diritti dei clienti e dei diritti dei cittadini è importante rendersi conto che stiamo tutti parlando delle stesse persone", ha detto Cook. "Dobbiamo loro niente di meno che le migliori protezioni che possiamo fornire eventualmente sfruttando la tecnologia a nostra disposizione e lavorare insieme ... Dobbiamo ottenere questo diritto."

Cook, che ha pubblicamente dichiarato di essere gay l'anno scorso, ha aggiunto che "la storia ci ha dimostrato che sacrificare il diritto alla privacy può avere conseguenze terribili", e che viviamo ancora in un mondo dove le persone non vengono trattate allo stesso modo e possono affrontare la discriminazione basata sulla informazioni personali.

"Se quelli di noi in posizioni di responsabilità non riescono a fare tutto quanto in nostro potere per proteggere il diritto alla privacy, si rischia qualcosa di molto più prezioso che il denaro", ha detto Cook. "Rischiamo il nostro modo di vivere. Fortunatamente, la tecnologia ci fornisce gli strumenti per evitare questi rischi. Ed è la mia sincera speranza che utilizzando tali strumenti e lavorando insieme, lo faremo.".

I primi anni di presidenza Obama hanno coinvolto uno stretto rapporto con i big della Silicon Valley, ma questi legami si sono sfilacciati negli ultimi mesi, da quando il governo ha iniziato a chiedere alle società sempre più dati dei loro utenti. Obama ha detto settimana scorsa che prevede di firmare un ordine esecutivo per favorire lo scambio di informazioni sulle minacce di sicurezza informatica tra le imprese e tra le agenzie governative.

 
Apple sicurezza
Apple sicurezza
 

Apple, a differenza di molte altre società tecnologiche, ha preso una posizione forte per proteggere la privacy degli utenti.

La società di Cupertino fa' i soldi dalla vendita di hardware e dalla vendita di contenuti e servizi come iTunes, non vendendo i dati dei suoi utenti. Google, Facebook e gli altri in gran parte generano entrate dalla vendita di pubblicità mirata. Come Apple, tuttavia, le aziende hanno combattuto contro le richieste di dati del governo e hanno preso misure per proteggere la privacy degli utenti.

Cook nel mese di settembre ha pubblicato una lunga lettera in cui ha dettagliato le politiche di gestione della privacy e della sicurezza dei clienti Apple. Parte della lettera ha cercato di rassicurare i clienti di Apple spiegando che i loro dati sono al sicuro dagli occhi indiscreti delle agenzie governative di sorveglianza, che sono invece riuscite a procurarsi informazioni sulle comunicazioni elettroniche da Google, Microsoft e Yahoo, tra gli altri big concorrenti. Cook ha detto che Apple non ha mai lavorato con qualsiasi agenzia governativa per creare backdoor nei prodotti Apple, e i dati sui dispositivi che eseguono iOS 8, il sistema operativo mobile di Apple rilasciato nel mese di settembre, è protetto da codici di accesso personali degli utenti che Apple non può ignorare. "Quindi non è tecnicamente possibile per noi fornire le informazioni degli utenti al governo estraendo i dati dai dispositivi in loro possesso con iOS 8," Cook ha scritto nella lettera.

Cook di recente ha ribadito l'impegno di Apple per mantenere la privacy degli utenti anche nel suo ultimo servizio lanciato per i pagamenti in mobilità, Apple Pay. Né i commercianti, né gli Apple Store possono entrare in possesso del numero di carta di credito degli utenti, e Apple non tiene traccia di quello che gli utenti acquistano pagando tramite il servizio Apple Pay.

"Crediamo che i clienti hanno diritto alla privacy", ha detto Cook durante l'ultima conferenza sulla tecnologia Goldman Sachs. "La stragrande maggioranza dei clienti non vogliono che tutti sappiano tutto su di loro... Non sono il nostro prodotto."

E di nuovo, Apple ha detto pochi giorni più tardi che ha rafforzato il processo di log-in per i suoi servizi di comunicazione digitale iMessage e FaceTime con l'obiettivo di impedire agli hacker di dirottare gli account degli utenti. La società di Cupertino ha aggiunto la verifica dell'identità in due fasi per gli account degli utenti, per impedire che le persone non autorizzate dai proprietari dei profili possano accedere anche se conoscono la combinazione di username e password dell'utente. Apple si è impegnata a rafforzare la sicurezza dei suoi prodotti online dopo che lo scorso anno un gruppo ci account di iCloud appartenenti a celebrità che utilizzano il servizio sono stati violati da hacker.

Infine, Venerdì Cook ha detto che Apple Pay "sarà disponibile per molti tipi di transazioni" come pagare per l'entrata ai parchi nazionali.

Leggi anche:

Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Apple: Ogni individuo ha diritto a Privacy e Sicurezza


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?