Ebook, Apple ha violato Antitrust. Corte appello conferma Apple colpevole

Ebook, Apple ha violato Antitrust. Corte appello conferma Apple colpevole

Confermata in appello la sentenza che dichiara che Apple ha lavorato con gli editori di libri per fissare nuove condizioni per stabilire i prezzi degli ebook sfavorendo la concorrenza. L'azienda dovra' pagare 450 milioni di dollari come parte di un accordo, ma si ritiene innocente, di non aver fatto 'nulla di male'.

 

Scritto da , il 01/07/15

Seguici su

 
 

Una corte d'appello statunitense ha stabilito che Apple ha effettivamente cospirano con gli editori di libri per lanciarsi nel mercato degli e-book e battere slealmente la concorrenza. Come riportano ReutersCnet, infatti, la 2nd US Circuit Court of Appeals ha dichiarato che Apple ha cospirato con cinque principali editori di libri per fissare i prezzi degli e-book per affermarsi nel mercato e danneggiare i concorrenti, in particolare Amazon.

I giudici hanno detto che Apple ha violato la legge antitrust, lavorando con gli editori di libri per fissare nuove condizioni per stabilire i prezzi. Avere perso in corte d'appello significa che Apple dovrà ora pagare 450 milioni di dollari come parte di un accordo transattivo precedente.

Un anno fa, Apple si è detta pronta per risolvere una delle tante class action aperte da in 33 stati, nello specifico quella in cui è accusata di aver cospirato con gli editori di libri per fissare i prezzi dei libri digitali. Gli avvocati hanno detto che Apple è disposta a pagare 450 milioni di dollari come risarcimento danni per mettere la parola 'fine' sulla questione. Questo prima delle sentenza della corte d'appello, arrivata pochi giorni fa.

Leggi anche: Apple pronta a pagare 450 milioni per la questione Ebook negli USA

Apple si è detta contraria, inevitabilmente, alla sentenza d'appello, dichiarando:

"Apple non ha cospirato per fissare i prezzi degli e-book e questa sentenza non fa nulla per cambiare i fatti", ha detto un portavoce di Apple. "Siamo delusi, la Corte non riconosce l'innovazione e la scelta che il negozio iBook ha portato ai consumatori. (...) Sappiamo che non abbiamo fatto niente di sbagliato nel 2010 e stiamo valutando i prossimi nostri passi".

Gli ebook sono le versioni digitali dei libri, che possono essere scaricati sui dispositivi mobili o letti sullo schermo del computer tramite apposite applicazioni. Gli utenti possono quindi sfogliare le pagine, evidenziare voci e ottenere le definizioni delle parole che non conoscono. Apple e Amazon sono in competizione nel mercato degli ebook.

Leggi anche:
Leggi anche: Apple colpevole di aver cospirato per fissare prezzi degli ebook

Il mercato dell'e-book ha inaugurato una nuova ancora controverso era nel mondo della pubblicazione di libri. Gli editori erano inizialmente sospetto di fornire libri digitali di e-reader, come il Kindle di Amazon, per paura delle vendite di e-book di taglio in profitti su libri stampati tradizionali. Il caso Apple ha anche illustrato la loro preoccupazione con modelli di pricing e-book.

L'azienda di Cupertino è stata tuttavia accusata nel 2013 di aver 'comprato' cinque editori statunitensi - Hachette, Harper Collins, Macmillan, Penguin e Simon&Schuster - per mantenere alto il prezzo degli ebook, così da evitare che Amazon si imponesse sul mercato dei libri digitali.

L'obiettivo di Apple, secondo l'accusa, era quello di spingere Amazon, leader di mercato degli ebook, a rivedere il proprio modello di business. Apple inizialmente si era detta contraria alla prima sentenza che ha trovato l'azienda dalla parte del torto, e da qui la decisione di presentare appello che ha però perso.

Vedremo come si muoverà ora Apple.


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Ebook, Apple ha violato Antitrust. Corte appello conferma Apple colpevole


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?