Apple iPhone 6S: i 2 GB di RAM migliorano il multitasking delle app

Apple iPhone 6S: i 2 GB di RAM migliorano il multitasking delle app

Il nuovo iPhone 6S ha davvero tante novità, e una di queste è l'aumento di memoria RAM a 2 GB. Tale aumento non solo garantisce un multitasking più reattivo, anche delle app più pesanti, ma offre una migliore esperienza di navigazione con il browser web Safari integrato nel sistema operativo iOS 9. Ecco le differenze con il precedente iPhone 6.

 

Scritto da , il 09/10/15

Seguici su

 
 

Un video da poco pubblicato sul portale Youtube ci mostra in dettaglio le differenze prestazionali tra il nuovo iPhone 6S con 2 GB di memoria RAM e il precedente iPhone 6 con 1 GB di RAM. Le differenze sono notevoli e particolarmente importanti.

Nel mondo informatico, la memoria RAM non è mai abbastanza, ma ovviamente un quantitativo esagerato è inutile in certi contesti. Ecco quindi che avere smartphone con 8 o 16 GB di RAM non solo è inutile, ma sarebbe anche molto più costoso. Il discorso vale anche in senso opposto: avere poca RAM porta a dei colli di bottiglia da non sottovalutare affatto, e infatti i modelli precedenti di iPhone avevano delle pesanti limitazioni in termini di multitasking per via della RAM di 1 GB. Finalmente gli ingegneri di Apple hanno deciso di aumentare a 2 GB la RAM del nuovo iPhone 6S, e le differenze sono notevoli, tanto che si notano tranquillamente con il classico utilizzo quotidiano.

Come potete notare dal filmato che vi proponiamo in calce alla notizia, la differenza rispetto al passato si nota subito con il browser web Safari, che ora è molto più reattivo quando ci sono molte tab aperte, e inoltre non bisogna più aspettare la ricarica delle pagine in background. E questo è soltanto l'inizio: il quantitativo maggiore di RAM garantisce un multitasking migliorato con ogni genere di app, anche quelle più complesse, come ad esempio quelle di photo e video editing.

Con 2 GB di memoria RAM possiamo anche accedere più rapidamente alle applicazioni già in esecuzione, e inoltre in futuro potremo giocare a videogiochi molto più complessi dal punto di vista grafico. Insomma, se non eravate soddisfatti delle prestazioni in multitasking dell'iPhone 6, sappiate che con l'iPhone 6S la situazione è nettamente migliorata.

Vi ricordiamo che il nuovo iPhone 6S è disponibile per la vendita in Italia ad un prezzo di partenza di 779 euro IVA compresa nella versione con 16 GB di memoria flash interna. La variante da 64 GB ha un costo di 889 euro, mentre servono 999 euro per acquistare il modello con 128 GB di storage flash. Se invece siamo interessati all'iPhone 6S Plus da 5.5 pollici, allora il prezzo di partenza sale a 889 euro, sempre per la variante da 16 GB. La versione da 64 GB costa 999 euro, mentre quella da 128 GB ha un prezzo suggerito di 1.109 euro. Considerati i prezzi tutt'altro che bassi, molte persone decidono di sottoscrivere un abbonamento di 2 anni con il proprio operatore telefonico, acquistando così l'iPhone a rate.

Parliamo un po' di specifiche tecniche: come tutti gli altri modelli appartenenti alla "generazione S", questo iPhone 6S punta moltissimo sulle prestazioni. Oltre infatti alla memoria RAM di 2 GB, troviamo il nuovo processore Apple A9 dual core, più efficiente dal punto di vista energetico e al tempo stesso più potente rispetto al precedente Apple A8. Il coprocessore di movimento M9 è integrato nel chipset, e ciò ha permesso la possibilità di utilizzare la funzione "Hey Siri" senza dover premere alcun tasto fisico del melafonino. Il design è rimasto sostanzialmente lo stesso, anche se la scocca in alluminio serie 7000 è leggermente più spessa e pesante. Il Retina Display da 4.7 e 5.5 pollici supporta il 3D Touch, ovvero il touch sensibile alla pressione, e la fotocamera posteriore da 12 Megapixel permette di scattare le Live Photos e registrare video 4K.



Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Apple iPhone 6S: i 2 GB di RAM migliorano il multitasking delle app


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?