DoNotPay, app per contestare multe

DoNotPay, app per contestare multe

 

Scritto da , il 22/08/16

Seguici su

 
 

Premesso che in Italia ancora non è disponibile, sta avendo successo all'estero DoNotPay, la nuova app che spacciandosi per un avvocato virtuale viene in aiuto quando ci si trova a dover pagare una multa ma la si vuole contestare perchè ritenuta ingiusta.

Realizzata da Joshua Browder, uno studente di 19 anni di Stanford originario di Londra, DoNotPay aiuta a contestare i verbali ricevuti fino ad ottenerne l'annullamento, se si è dalla parte della ragione.

Attiva a Londra e New York, in due anni attraverso DoNotPay sono stati contestati e annullati 160mila verbali per parcheggio non pagato e divieto di sosta, su oltre 250mila contestazioni aperte.

Come riportato sul sito studiocataldi.it, DoNotPay ha permesso con una percentuale del 64% delle contestazioni di non pagare multe per un totale di 4 milioni di dollari.

 
DoNotPay
DoNotPay
 

Descritta come "il primo avvocato robot del mondo", la app DoNotPay segue l'utente mentre apre una contestazione per una multa presa attraverso quattro passaggi: si seleziona il tipo di multa (esempio parcheggio non pagato), quindi si seleziona un motivo per cui si fa ricorso (ad esempio non è stato esposto un permesso), si inseriscono i dati personali richiesti, quindi si invia la contestazione. Questa viene ricevuta dall'agenzia che si occupa di gestire i parcheggi, e analizzando le informazioni fornite provvede ad annullare o confermare la multa.

La comunicazione dei dati avviene non con un esperto legale o persona umana, ma tramite chat in cui dall'altra parte c'è un bot, una intelligenza artificiale, che chiede all'utente le informazioni necessarie per compilare la contestazione. Il funzionamento è simile ai bot che si trovano in Facebook Messenger o Telegram, i sistemi automatici con cui gli utenti possono interagire per ricevere delle semplici risposte a delle domande come 'che tempo farà domani' o compiere azioni piu' complesse.

Il 19enne Browder non si è mica fermato, e adesso è al lavoro su un altri bot: quello che promette di assistere i passeggeri che hanno subito ritardi aerei ad ottenere un risarcimento dalla compagnia, quello che promette di aiutare le persone affette da HIV a conoscere quelli che sono i propri diritti legali, e quello che promette ai rifugiati di guidare nella richiesta di asilo.

Cosa ne pensate di questo tipo di utilizzo dell'intelligenza artificiale? Scriveteci nel box dei commenti qui sotto.


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su DoNotPay, app per contestare multe


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?