Uber contribuisce alla ripartenza dei Musei scontando due corse agli utenti: come approfittare della promozione

Uber contribuisce alla ripartenza dei Musei scontando due corse agli utenti: come approfittare della promozione

Con la campagna 'Uber ti porta al Museo', gli utenti Uber possono avere due corse scontate della metà per andare a visitare i principali musei di Milano, Roma, Napoli, Bologna e Torino.

 

Scritto da il 14/05/21 | Pubblicato in Uber | | | Archivio 2021

Seguici su

 
 

L'Italia sta riaprendo dopo mesi di chiusure forzate a causa delle restrizioni per contenere la pandemia dovuta dalla diffusione del Covid19. Anche i musei hanno riaperto le porte nelle regioni colorate di giallo. Per l'occasione, Uber dà il proprio contributo alla ripartenza delle attività museali: da lunedì 17 maggio e fino a lunedì 31 maggio, è attiva la campagna "Uber ti porta al Museo" che consente agli utenti Uber di avere due corse scontate del 50% per andare a visitare i principali musei (lista allegata) di Milano, Roma, Napoli, Bologna e Torino.

Per utilizzare l'offerta, bisogna inserire inserire il codice promozionale "UBERMUSEI" nell'app Uber prima di prenotare un viaggio: nel momento in cui la destinazione o l'arrivo della corsa è uno dei musei della lista la tariffa viene automaticamente scontata del 50%. Il codice è utilizzabile massimo 2 volte da ogni utente dell'app Uber, quindi andata e ritorno, ed ha validità fino al 31 maggio 2021.

Tra le destinazioni per cui Uber offre lo sconto del 50% sulla corsa ci sono:
Milano: Museo della scienza e tecnologia; Pinacoteca di Brera; Museo del Novecento; Museo Civico di Storia Naturale; Museo del Castello Sforzesco; MUBA: museo dei bambini; Palazzo Reale; Fondazione Memoriale della Shoah
Torino: Musei del Palazzo Reale di Torino; Museo Egizio; Museo del Cinema; Venaria Reale; Mauto: museo automobile di Torino
Bologna: Le Due Torri (degli Asinelli e Garisenda); Museo Civico Archeologico; Pinacoteca Nazionale di Bologna; MAMbo – Museo d'Arte Moderna di Bologna; Museo Ducati; Museo della Resistenza
Napoli: Museo Archeologico Nazionale di Napoli; LAES – La Napoli sotterranea; Museo e Real Bosco di Capodimonte; Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa; Città della Scienza; Madre – Museo d'Arte Contemporanea Donnaregina
Roma: Museo Explora; Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea; Palazzo delle Esposizioni; La casina delle Civette a villa Torlonia; Museo dell'Ara Pacis; Museo Storico della Liberazione di Roma.

"Vogliamo offrire il nostro contributo per supportare la ripartenza delle diverse attività nel paese ora che gradualmente si allentano le restrizioni. Dopo il nostro annuncio a febbraio di 20 mila corse gratuite per supportare la campagna vaccinale, oggi annunciamo questa iniziativa volta a riportare le persone a visitare, in tutta sicurezza, i bellissimi musei delle nostre città e contribuire così alla ripartenza di un unicità italiana che ha vissuto un lungo periodo di sofferenza", ha dichiarato Lorenzo PIreddu, general manager di Uber Italia.

Uber ha messo a punto il proprio Protocollo di Sicurezza "Porta a Porta" per garantire agli utenti dell'app un'opzione di trasporto che rispetti la sicurezza per passeggeri e autisti, misure introdotte già dalla prima fase dell'emergenza sanitaria nel 2021 e che continuano a rimanere in vigore, quali:
- obbligo di indossare la mascherina per autisti e passeggeri;
- costante sanificazione dei veicoli;
- Fornitura di gel igienizzante per autisti e passeggeri;
- Mask verification per gli autisti che devono dimostrare di indossare una mascherina o una copertura per il viso prima di iniziare il servizio, scattandosi un selfie da caricare sull'app;
- Mask verification per i passeggeri: i passeggeri segnalati in passato per non aver indossato la mascherina, alla successiva prenotazione, dovranno provare di indossarla scattandosi un selfie con l'App per procedere con la corsa. Le foto inviate dagli utenti vengono eliminate subito dopo la verifica, e non sono condivise con il driver.

Leggi anche:
Leggi anche: