Snapchat lancia Ghost Phone, suo primo mini-gioco in AR

Snapchat lancia Ghost Phone, suo primo mini-gioco in AR

Snap ha introdotto un nuovo modo di giocare su Snapchat: 'Ghost Phone' è il primo mini-gioco in AR disponibile in piattaforma. In questo, i giocatori possono scoprire i segreti di un telefono abbandonato e risolvere il mistero soprannaturale di ciò che è successo al precedente proprietario, arrivando infine faccia a faccia con spiriti maligni attraverso la realtà aumentata.

 

Scritto da il 02/08/22 | Pubblicato in Snapchat | Snap | | Archivio 2022

Seguici su

 
 

Snap, l'azienda dietro a Snapchat, ha lanciato "Ghost Phone", il suo primo Mini-gioco in realtà aumentata ad approdare sulla popolare piattaforma. Si tratta di un’esperienza interattiva con narrazione in cui bisogna scoprire i segreti di un telefono abbandonato e risolvere il mistero relativo a quanto accaduto al suo precedente proprietario, entrando in contatto con malvagi spiriti in realtà aumentata. Grazie al riconoscimento delle superfici, la Lente trasporta il gameplay nell’ambiente reale in cui ci si trova (AR = elementi digitali sovrapposti alla realtà), spingendo ad alzarsi e a muoversi per raccogliere attraverso lo smartphone energia fantasma e sconfiggere gli spettri.

Leggi anche:
Leggi anche:
 
Mini-Gioco 'Ghost Phone' su Snapchat
Mini-Gioco 'Ghost Phone' su Snapchat
 

Come funziona “Ghost Phone” su Snapchat:
• aprire l'app Snapchat e cercare la Lente "Ghost Phone" all'interno di Lens Explorer oppure cercare un’icona misteriosa dietro il simbolo del razzo nella Chat.
• Decifrare la password per avviare l’esperienza di gioco.
• Trovare gli indizi nei messaggi e altrove.
• Sbloccare modalità della fotocamera e guardarsi intorno per inquadrare diversi tipi di fantasmi in realtà aumentata.
• Superare i livelli per trovare nuove app e dati per decifrare gli indizi, modalità della fotocamera e nuovi fantasmi, ma soprattutto scoprire cosa è accaduto a Lisa.

Trailer Ghost Phone | Snap Games


Leggi anche:
Leggi anche:

"Ghost Phone" va ad aggiungersi ai quasi cento Mini-giochi disponibili per gli Snapchatter, il primo disponibile in piattaforma basato su narrazione combinando la tecnologia di scansione in AR ai giochi presenti in piattaforma.

Stando ai dati condivisi da Snap, dal 2019, anno di lancio, più di 300 milioni di utenti hanno usato Giochi e Mini-giochi, tra cui anche quelli realizzati da HBO Max, Headspace, Poshmark, Voodoo, Zynga e molti altri. Snap si serve di tecnologie come la realtà aumentata multigiocatore, computer vision e machine learning per creare esperienze che combinano realtà aumentata, gaming e storytelling per far divertire i propri utenti (347 milioni di utenti attivi giornalieri usano Snapchat mediamente ogni giorno) con i loro amici nel mondo reale. Per la realizzazione di Ghost Phone, nello specifico, Snap ha sfruttato le sue tecnologie proprietarie, come Playcanvas, ovvero un motore grafico che funziona interamente sul web, e Lens Studio, su cui sono state create le Lenti spettrali. Oltre 200 miilioni di persone sfruttano l’AR di Snapchat quotidianamente e in media oltre 6 miliardi di Lenti AR vengono utilizzate ogni giorno. Mediamente, oltre 250.000 creator utilizzano la AR e hanno realizzato oltre 2,5 milioni di Lenti, visualizzate 3,5 trilioni di volte. Oltre un terzo dei degli attuali partner di Snap del mondo gaming ha registrato un fatturato superiore a un milione di dollari.